Creato da ICEBERG_00 il 09/06/2007
E' tempo di uscire dal letargo

Senza titolo n°2

 
 

Senza titolo n°9

 
 

Area personale

 
 

Senza titolo n°7

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

 
tunessICEBERG_00Silenzio1971letizia_arcuribankomattadaliarosa10Salon_KittysweetygameLuxxilMarquisDeLaPhoenixalessia.viola75psicologiaforenselunagialla82JUSTINXXcancro.6600
 

Ultimi commenti

 
E' più di un anno che non scrivi in questo blog???...
Inviato da: Cicotita
il 29/04/2009 alle 14:07
 
CIAO,buona giornata
Inviato da: saxu0
il 01/05/2008 alle 09:40
 
Buongiorno carissimo!! E' davvero molto tempo che non...
Inviato da: Cicotita
il 28/04/2008 alle 10:47
 
Son sempre io,volevo solo augurarti un buon fine...
Inviato da: saxu0
il 19/04/2008 alle 15:02
 
buon lunedi ovunque tu sei....
Inviato da: saxu0
il 14/04/2008 alle 09:53
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

L'arredamento che scegliamo rispecchia il nostro carattere

Post n°81 pubblicato il 09 Gennaio 2014 da lunagialla82

Il modo di arredare la casa rispecchia la propria personalità. L'arredamento della casa, dalla scelta dei mobili a quella degli accessori apparentemente più insignificanti, rispecchia il nostro carattere. Chi predilige un arredamento essenziale con la prevalenza di colori bianchi (o comunque molto chiari) ha la tendenza ha programmare le cose ed a tenere tutto sotto controllo. Un carattere disordinato, invece, baderà più alla comodità che non all'estetica ed al design dell'arredamento. Qualche tempo fa, venne a trovarmi un amico architetto, che mi suggerì di rimodernare la casa pitturando tutte le pareti di nero e lasciando solo le porte rosse... Lui continuava a dire che si portava ma in realtà era appena uscito da un brutto esaurimento nervoso....Poi ci sono scelte di arredamento dettate dal nostro stato di salute. Ad esempio, se si opta per comprare uno o più materassi in memory foam probabilmente si soffre di problemi lombari o cervicali. Poi c'è il famoso dilemma fra la vasca da bagno è la doccia. Un antico detto dice che la doccia e per milanesi mentre la vasca da bagno è per napoletani. Si può dire che il senso lato di questo detto è vero. Infatti, chi va più di fretta predilige la doccia e chi vuole rilassarsi fa un bel bagno caldo. Poi ultimamente c'è il boom delle vasche da bagno idromassaggio, che sicuramente nell'immaginario collettivo sono sinonimo di lusso e di relax. La verità è che anche l'arredamento riflette il nostro stato sociale, o almeno questo è quello che crediamo inconsciamente. Già molte volte non spendiamo molto per l'arredamento a causa della qualità migliore, ma del marchio. In definitiva, inconsciamente nell'arredare casa avviene esattamente lo stesso processo che si innesca quando compriamo i vestiti. Spesso compriamo abiti firmati non per la qualità ma perché siamo in cerca di un'approvazione sociale.

 
 
 

E Che Primavera Sia !!!!!!!!

Post n°80 pubblicato il 29 Marzo 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Finalmente, dopo giorni di pioggia, pioggerellina, vento ed abbassamento delle temperature, oggi.......un gran bel Sole primaverile.

Percarità.......marzo è pursempre marzo.......tutto "nella norma".

Per molti versi, e, da quel che mi raccontano molte persone, è stato un Inverno veramente lungo ed "impegnativo". Ed ovviamente, non mi riferisco solo al meteo.

E allora, speriamo di esserci lasciati alle spalle l'invernata, e così come piano piano, si risvegliano colori, profumi e sapori della Natura, questo rinnovato tepore risvegli anche quanto di positivo c'è in noi.

E la "nuova luce solare", rischiari quelle "zone d'ombra" che per molto tempo hanno albergato nei meandri delle nostre Anime.

Ciao

 
 
 

Innocue Manie

Post n°79 pubblicato il 11 Marzo 2008 da ICEBERG_00

Ciao a tutti

Partecipo a questo gioco, per la simpatia che provo per "Cicotita" che mi ha "taggato".......(parola orrenda).

Devo citare 6 manie innocue che accompagnano la mia Vita.......vediamo.......

1 - Non vado mai a dormire se non ho ricontrollato 4/5 volte, la correctta chiusura dei rubinetti del gas.......

2 - Anche in pieno inverno, dormo col riscaldamento spento ed una finestra in "ribalta".......

3 - Nonostante, come evidente, io non soffra il freddo, non faccio mai la doccia con l'acqua fredda.......

4 - Prima di buttare un pacchetto di sigarette vuoto, separo la stagnola all'interno dello stesso, e la plastica trasparente che l'avvolge.......

5 - Non butto mai via un giornale, senza aver sfogliato le pagine, anche senza guardare ciò che stò facendo.......

6 - Metto sempre in portafoglio le banconote, in ordine decrescente di valore.......

Eppoi ne ho un migliaio di altri, ma.......

Piccola variazione sul regolamento :

Chiunque può partecipare a questo "gioco". Basta che risponda a questo "messaggio", e così si andra a vedere ciò che ha dichiarato.

In premio.......ASSOLUTAMENTE NULLA....... !!!

Ciao

 
 
 

8 Marzo

Post n°78 pubblicato il 08 Marzo 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Se fossi una Donna, mi sentirei presa un tantino ingiro da questa "celebrazione".

Per un oceano di motivi che non stò qui ad elencarVi, ho in altissima considerazione praticamente tutte le Donne.

E non soltanto un giorno all'anno.

Buona Giornata

 
 
 

Il Vortice

Post n°77 pubblicato il 07 Marzo 2008 da ICEBERG_00

Buongiorno a Tutti

Non è la fantasia che mi manca.

Ma capita che la fantasia, sia, a volte, que qualcosa di assolutamente splendido, che ci permette di "isolarci dalla realtà", quando quello che vediamo attorno a noi non ci piace, quando abbiamo bisogno di "tirare il fiato", di isolarci, senza farci "schiacciare l'Anima" dai disagi.

Ma spesso ha ragione chi dice che la realtà, spesso, supera la fantasia. Ed allora, prendo spunto da uno scambio di messaggi che stò intrattenendo con una persona qui in Digiland.

Ci sono momenti in cui, "prendiamo coscienza" di situazioni che ci fanno stare male. Un male non fisico, ma un qualcosa che lentamente, ma inesorabilmente, giorno per giorno, momento per momento, ci spegne il sorriso sulle labbra.

E tutto quello che ci circonda, sembra quasi cominci a sbiadire. I colori diventano meno brillanti, i suoni si confondono in una nenia ovattata.

Piano piano, scivoliamo in una sorta di "apatia attiva", quella che qualcuno chiama "Mal di Vivere", che personalmente, ritengo un qualcosa di veramente brutto.

Una situazione che ci fà vivere come automi, spegnendo ogni nostro entusiasmo.

E mi permetto di dirlo, solo perchè l'ho vissuta in prima persona, quando accettai di ammettere, con mestesso, che il matrimonio era difatto arrivato al capolinea.

Certo, al mattino mi alzavo, facevo la doccia, mi vestivo, andavo al lavoro. Riuscivo perfino a scherzare, ma.......ma dentro di me, qualcosa era "spento". Quella routine incolore, era diventata una sorta di "imbuto". Un "vortice nero", che piano piano stava risucchiando tutto. Ed ogni giorno, era un giorno di Vita in meno da "spendere".

E non parlo di "passione" di coppia, ma parlo di Amore. Quello non c'era più. E continuare ad andare avanti così, non mi sembrava giusto. Ne per me, ne per la persona che mi stava accanto.

'Spiace deludere qualcuno, ma.......non c'era alcun'altra donna nella mia vita. C'era il "nulla".

Percui, Amica Mia, cerca di essere quantomeno Serena, se non proprio "contenta" di esserti resa conto che non si può continuare a "vivere" così. Non è giusto ne per te, ne per tutte le persone cha fanno parte della tua Vita.

Di Cuore, ti auguro che magari questo sia soltanto un momento di "difficoltà di coppia", e che riusciate a superarlo, e tornare a vivere serenamente.  Ma, l'augurio migliore ch'io possa farti, è di saper affrontare la realtà, ora che hai focalizzato il problema. Metter la testa sotto la sabbia, non serve, non ti farà vivere meglio. Anzi.......

Una Buona Giornata a Tutti

 
 
 

Profili 2  (La Vendetta.......nò nò tranquilli, non è una Saga alla "Rcky".......

Post n°76 pubblicato il 28 Febbraio 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Riprendo al volo il tema.......

Finalmente, trovo un profilo che mi incuriosisce. Lo apro, ed è fra quelli che non sono imbottiti di filamticanzonifotopoesie.......insomma, di quelli che si "aprono normalmente".

E qui, mi farebbe piacere una Vostra risposta :

Secondo Voi, sono "credibili" quei profili che presentano nello "Spazio Amici", decine e decine (se non anche centinaia) di altri profili ?

Ciao !

 
 
 

Profili

Post n°75 pubblicato il 25 Febbraio 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Qui ci si conosce, andando a cliccare su profili, che per una ragione piuttosto che un'altra, ci attraggono. E così funziona.

Ora.......il mio "baracchino" qui, sicuramente non è "all'ultima moda", però.......il suo lavoro lo fà.

Vado a cliccare su profili e.......farei in tempo ad andare a casa a farmi una doccia, tornare, e non sarebbero ancora "caricati" del tutto.

La mia ignoranza in materia informatica & c., supera i confini della vostra fantasia, perciò vi chiedo :

Non sarebbe meglio caricare tutti quei testi ed immagini sul proprio Blog anzichè sul proprio profilo ?

Tutti conoscono la differenza fra un Profilo in Digiland ed un'Enciclopedia Illustrata ?

Solo per scherzarci sù.......Sin troppo scontato dire che ognuno si regola come meglio crede.......

Ciao !

 
 
 

Errata Corrige

Post n°74 pubblicato il 23 Febbraio 2008 da ICEBERG_00

Pardon.......scritto troppo in fretta.......

La paura di rimanere single, anni fà, era una prerogativa quasi esclusivamente MASCHILE.......e non femminile come scritto.......chiedo venia.......

 
 
 

Inversione Di Tendenza

Post n°73 pubblicato il 23 Febbraio 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Conversando con varie persone, sia maschietti che femminucce, provo sempre più nitida la sensazione che molte cose, siano sin troppo rapidamente cambiate in questi ultimi anni.

Una, in particolare, che, ripeto, forse è solo una mia impressione.

Dopo secoli di indecente e assurda "ghettizzazione" del genere femminile, abbiamo assistito negli ultimi decenni, ad un "affrancamento" delle donne.

Ancora incompleto, ancora non perfezionato, ma comunque, "in movimento". E questo, senza dubbio alcuno, è assolutamente positivo.  C'è ancora da "lavorarci sù", ma comunque, almeno certi "sigilli mentali", son stati rimossi.

La mia personalissima immagine, è quella di una molla, compressa dentro una scatola, sin troppo piccola per contenerla. Il coperchio è stato sollevato, e la molla schizza fuori, stendendosi ben oltre le sue reali e normali dimensioni. Ora vedo questi tempi, come quelli in cui la molla continua a rimbalzare, distendendosi e contraendosi, fintantochè non ritornerà alle sue dimensioni. Il coperchio è stato rimosso e buttato, perfortuna, la molla non sarà più rinchiusa.

Ma come è normale sia, i grandi cambiamenti, han bisogno di tempo, e, fintantochè non si assestano, creano anche inevitabili cambiamenti, e, spesso, sconvolgimenti.

Così, se penso ai miei 18 anni, e per un decennio circa, ricordo che il timore di rimanere single, era una prerogativa quasi esclusivamente femminile. E si trattava anche di ragioni subconsce, ma, perchè non ammetterlo, anche reali e "pratiche".

Tener casa, fare la spesa, cucinare, lavare etc etc etc.

I tempi moderni, (e scusatemi se non dico "civili"), ci servono ogni giorno su un piatto d'argento, se non d'oro, soluzioni pratiche per la vita di tutti i giorni. Indumenti facili da lavare, e che non serve stirare, cibi precotti o comunque facili e rapidi da preparare, additivi che permettono di lavare "bianchi e colorati" assieme.......prodotti per la pulizia efficienti e veloci.......e così via.......

E pian piano, i maschietti si sono affrancati da certe "paure pratiche".......

Così, mentre le femminucce si danno, giustamente, alla "scoperta" di quanto è stato loro assurdamente precluso per secoli (indipendenza economica, carriera, certe professioni.......), i maschietti scoprono che, tutto sommato, possono guardare la partita in pace alla tv, mentre il microonde lavora (ovvio che stò banalizzando, ma penso abbiate colto il senso), possono effettuare i lavori domestici in breve tempo, ed abbastanza bene.......

Sarebbe sin troppo facile far cadere il discorso sul sesso, ma sappiamo bene tutti che basta far due passi nei posti giusti, ed anche questo è facilmente risolvibile. Costa un po' di denaro ? Certo, ma evita "implicazioni" di tuttaltra natura.......percui i maschietti, han "scoperto che, tutto sommato.......

Allora, le femminucce, cominciano ad avvertire un certo senso di "spiazzamento". Ed il timore di restare single, si è spostato da un sesso all'altro.......

Quante volte sento dire :"Non ci sono più gli Uomini di una volta".......certo, non si generalizza, ma, e vi prego credere che, in quanto maschietto, la mia non è una "difesa d'ufficio", ci sono ancora ingiro le "Donne di una volta" ?

E non facciamo l'errore di credere io stia parlando di "moglicameriereangelidelfocolare" etc etc etc.......assolutamente.

Ok, dopo 'sto polpettone, vi offrirò un digestivo.......

Ciao

 
 
 

Pensiero Estemporaneo

Post n°72 pubblicato il 21 Febbraio 2008 da ICEBERG_00

Ciao a Tutti

Interloquendo poco fà con una di Voi, mi è tornata alla mente una divertente situazione relativa alla mia giovinezza.

Mia sorella maggiore (ebbene sì.......ne ho due più anziane di me.......ma tengo a precisare che non è colpa mia.......  :-)  .......), fà la psicologa.

Sì sì, adesso comincerete a capire meglio perchè sono così "spostato"....... :)

Durante i suoi studi universitari, spesso mi sottoponeva, per suo esercizio, a vari test. La cosa, dapprincipio, era anche divertente. Poi, cominciò a sottopormi, ad un test che tuttora.......

Si trattava delle "Tavole di Sjhbmnvcggfddeesen".......scusate, ma non ricordo il nome dello psicopatico che le ideò, dichiarandone la paternità, e riconoscendole legalmente "In Nome".......

Erano dei fogli bianchi, sopra i quali sembrava fossero caduti, rovesciandosi, un certo numero di vasetti contenenti colori diversi.

Me li faceva osservare per un po', eppoi mi chiedeva : "Cosa ci vedi" ?

Io strizzavo gli occhi, provavo a guardare meglio, e dopo un po', mi ritrovavo basito a chiederle mentalmente : "E che cavolino dovrei vederci ?, Ma ti sei completamente rincretinita ?, Ma sei sicura di voler fare la psicologa, e non la paziente di una psicologa ? "

Questa tortura, durò per un paio di mesi, finchè non minacciai di scappare di casa.......E così, tale supplizio fu dirottato sull'altra mia sorella (che resse ancormeno del sottoscritto.......)

Solo un ricordo di gioventù.......

Ciao

 
 
 
Successivi »