**TEST**

Brigante

ELBRIGANTESSSSS

Creato da brigantecalabro_2008 il 22/10/2008

 

be2

 

 

Banner logo

 

MiniInTheBox

 
 

                  

 
 

LightInthebox

 

Contatta l'autore

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: CS
 

Area personale

 

Ultime visite al Blog

NeoMatrix70michelangelo1_ApidesimAngeloSenzaVelidecanter1968tizianacaterinabazzastratos3810morfeo1967tarzifemozionami1960monego.alessandroliffcecamperclubcaldieroalessandro.de.angeliluca.b
 

 
Citazioni nei Blog Amici: 57
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultimi commenti

scusa ma non poteva assumere il mepral da 20? cosi le...
Inviato da: VENT_ANNI
il 04/11/2015 alle 01:10
 
CIAO, COMPLIMENTI PER IL POST. UN BUON INIZIO SETTIMANA...
Inviato da: aldo.giornoa64
il 30/03/2015 alle 17:53
 
si può vedere una foto della sposa?.;)
Inviato da: solotuo_ones
il 30/03/2015 alle 15:22
 
Però.... ;-)
Inviato da: qmr
il 17/02/2015 alle 20:50
 
Buon fine settimana e felice S.Valentino, con affetto un...
Inviato da: briciolabau
il 14/02/2015 alle 15:24
 
 

 

« Doveva operarsi ai reni,...Finisce in ospedale per ... »

finge di essere malata di cancro per passare un esame all’università!

Post n°1384 pubblicato il 07 Aprile 2015 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Il temibilissimo esame era quello di di Procedura Civile, la data quella del 18 Febbraio 2015. Si tratta di uno dei cosiddetti mattoni del cursus studiorum giuridico, uno di quegli esami per cui vale la pena, forse indurre empatia e comprensione nel docente per ottenere di passare. C’è chi si fascia un braccio, chi esplode in crisi di pianto, chi racconta al docente di essere oberato dal lavoro e di non aver potuto studiare, ma la studentessa che ha sostenuto la prova nelle aule del palazzo di via Marina della Federico II, come riporta il quotidiano “Vesuvio Live”, ha deciso di andare ben oltre, fingendo di essere malata di cancro e in chemio-terapia.

La ragazza ha passato la paventata prova suscitando, come sperato, l’empatia e la solidarietà generali, tanto che un’altra studentessa, Edda, le si è avvicinata per sostenerla, credendo di aver trovato una compagna di studi in grado di dividere con lei il fardello della malattia. Le due si sono scambiate i numeri di telefono ed Edda ha continuato a mantenere i contatti con la nuova amica, chiedendole delle cure e della sua salute. Dopo alcuni giorni è divenuto chiaro che la studentessa non era affatto malata e lei stessa ha confessato di aver inventato tutto per strappare l’ammissione all’esame. Le due si sono quindi incontrate per chiarire la faccenda. Quando si sono trovate faccia a faccia però, la studentessa ha negato di aver mai inscenato la malattia, rimangiandosi la confessione. Un comportamento poco ortodosso quello tenuto dalla giovane laureanda che sebbene non punibile in sede accademica resta comunque deprecabile e che ha suscitato lo sdegno della giovane collega che si è sfogata così: ““Oggi sto meglio, i capelli sono ricresciuti… la terapia oncologica che affronto ora non è spietata come la chemioterapia…che, da profani, chiamiamo “rossa”… ma sono morte tutte le mie compagne di “sala chemioterpica”… ed io non posso accettare che si manipoli questo strazio”.

http://digilander.libero.it/brigantecalabro_2008/studio_disperato-600x330.jpg

Fonte

 
 
 
Vai alla Home Page del blog