Creato da ecoeconomia il 15/10/2008
Idee per una crescita sostenibile

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 

 

« ILVA manca la fantasia r...Corona virus: l'Italia affonda? »

Gran Breatgna un welfare carico di...sterline fior di conio

Post n°85 pubblicato il 24 Gennaio 2020 da ecoeconomia
 
Foto di ecoeconomia

Lo stato sociale in Gran Bretagna ha leggermente stretto i cordoni della borsa.
Ma in ogni caso tra giovani famiglie con figli e cassa integrazione sono milioni i cittadini di Sua maestà che vivono grazie i sussidi statali.
O comunque vedono migliorare la propria situazione economica.

Non a caso i lavori più umili o faticosi vengono per lo più svolti da immigrati...

Collegare questo grande sforzo dello stato alla sovranità monetaria e alla possbilità di stampare nuove sterline senza necessariamente emettere debito è un passaggio presumibilmente secretato.
In quel di Londra non vanno bellamente sventolando al mondo la concreta applicazione della MMT da tanti teorizzata e citata persino da Mario Draghi in uno dei suoi ultimi interventi alla BCE.

Certo è che pare alquanto improbabile che una simile massa monetaria sia disponibile senza attingere a copiose emissioni di sterline fior di conio esenti da una paritetica emissione di debito pubblico sotto forma di Gilt.

D'altronde già qualche anno fa quando Barclays e altre importanti banche inglesi vennero nazionalizzate fu alquanto difficile anche solo pensare che il Governo britannico non avesse attinto a piene mani alla propia zecca, senza per questo amplifcare un debito pubblico che avrebbe assunto dimesnsioni mostruose...
A Francoforte e Berlino sono troppo innamorati di un euro che funge da zavorra per il marco tedesco e non atttingeranno mai a questo tipo di esempio che frutta al Regno Unito, BREXIT o non BREXIT, livelli di disoccupazione straordinariamente bassi.

Il ritorno alle moneta nazionali (lira quanto ci manchi!) pare ormai, con certezza, l'unica via per mettere tutti gli stati dell'UE su una rotta di navigazione che sia coerente e sostenibile con le proprie peculiari caratteristiche.

Caratterische che certo non si sposano con una moneta unica imposta e tarata su esigenze, dati e prospettive di una sola nazione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog