Creato da top077 il 19/10/2011

Fantasie Proibite

... quando i sogni diventano realtà

 

 

il mio sogno proibito

Post n°110 pubblicato il 20 Agosto 2015 da mANUCHAO76

il mio sogno proibito è essere una ragazza... e poter incontrare uomini con la U maiuscola...

purtroppo sarà solo un sogno, in quanto io uomo...

 
 
 

14 giugno 2015

Post n°109 pubblicato il 16 Giugno 2015 da top077

Giorno di rinascita zero.  Quo vadis?

 
 
 

Il Signor Dottor Polipo Alias Vampiro di Succo di Mirtillo

Post n°108 pubblicato il 17 Febbraio 2015 da top077

 

 

Direi che si tratta di una di quelle epiche disavventure con chiavi di lettura poliedrica multi versione di cui probabilmente gli esiti se ne comprenderanno solamente al termine della medesima. Ha un po’ a che fare con l’esatta introspezione dello sguardo: chi vediamo innanzi a noi è la stessa persona che è seduta davanti a noi?

Si trovava il nostro eroe in quel bar di sopraffina qualità, al cospetto di una Musa di cui impossibile sarebbe cercar di riportar qui ora anche solo minimamente le ipnotiche semovenze. Sta di fatto che mentre l’animo del Ingegnere cercava di fronteggiare un ciarlare di squisito civettare, incautamente o volutamente (ancor da scoprire) il piedino di lei urtò incautamente il ricettivo stinco sinistro del povero mortale. Ahi danno, ahi pericolo. Risuonò in lui quel rintocco come campane a mezzanotte e impossibile fu per lui non tramutare in quell’istante in una metamorfosi viscerale della natura del povero uomo polipastro: in realtà un Vampiresco Succhiatore di dolce nettare femminile molto simile al più noto frutto mirtilloso. Quel piedino ignudo sul dorso, calzato di sandalo beige avrebbe istigato l’animo del miglior cacciatore di morsi, tanto da costringerlo ad inchinarsi per scioglierlo dalle briglie di quel legaccio e provare ad accarezzarlo e baciarlo, anzi morderlo forse lì più alto accanto alla caviglia.

Ma se non ciò bastasse a far tentennare la sua natura, il suo impeto indiscreto, questo di certo non per volontà sua, ma quella camicia di candore genuino che risistemata “tre volte” sul colletto dalla fonte di tormento, non fece che attirarne l’attenzione sulla trasparenza come un velo di seta può nascondere un tesoro ad un pirata. Quale miraggio fu per lui, un istinto di carezze di profumi e delizie; le mani agghiacciate sul tavolo immobili dovettero rimanere, per non tradire il suo istinto primordiale.

Nel frattempo non di meno colpì il suo occhio la collana di pietre vulcaniche: ne sentiva ancora imprigionato il calore del fuoco immaginando che ad un suo schiocco quel gancio di sciogliesse facendo scivolare quel gelido diadema fin dove il suo occhio ora poteva solo immaginare. Gelido come iceberg sentì il suo cuore allora fermarsi.

Inebriante, un vortice di emozioni di colori continuamente rapito ora la borsa perfettamente abbinata al colore del calzario se non per una elegante marroncina copertura, poi all’orecchio un ciondolo rotondo di notevoli dimensioni probabilmente una trappola per imbrigliare ogni cacciatore di lobi che volesse rubarne un morso …

Fu convenenevole dipartire, da quella magia o stregoneria per lui, prima che il peggio fosse lì accaduto, posto appartato più conveniente forse cercava il vampiro ormai sparuto. Arrivato testato si preparò così all’agguato, ma strano fatto avvenne: il Vampiro di Succo di Mirtillo fu scambiato per l’alter ego Dottor Polipastro !!!  Disfatta eterna …

 

 
 
 

A volte capita ..

Post n°107 pubblicato il 14 Febbraio 2015 da top077

Curioso è dire poco, direi piuttosto sconvolgente! Conoscere una persona, o meglio, scambiare quattro chiacchere e ritrovarti sveglio alle cinque del mattino con quella smania di riformulare mille pensieri, a ripercorrere quelle autostrade di esperienze, solo perchè si è illuminata quella lampadina. A volte capita. Che conosci una persona che ti fa trattenere il fiato, un po' come prima di tuffarsi dal trampolino della piscina, In cui non è solo quella elettricità che ti assale nel vortice di sarà o potrebbe, quanto lo specchio che ne viene del tuo essere. Come se d'un tratto ti fossi spogliato per un istante delle mille maschere e fossi uscito di casa con il tuo pigiamino con gli orsacchiotti. E rivedi tutto quello che è stato prima e lo riformuli e lo analizzi per chiederti: io chi sono? cos'ho di tanto speciale da offrire? cosa con lei non dovrei per l'ennesima volta sbagliare?Mi vien in mente solo ora il mio motto, strano: Gnothi Seauton (Conosci te stesso). Ecco cominciamo da lì ...

 
 
 

Very nice ...

Post n°106 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da top077

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

f.conti69toymenmattbianchi1979lesbhiannathankanUnMaestroUnSorrisocercoabolognadraganamilanovicTattingerComteruo77ccopatsi_sflaky8scampipercena77top077migal52
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

 

DENTRO ME ..