Creato da nataieri73 il 04/12/2006
“Io sto benissimo nel mondo, lo trovo meraviglioso, mi sento attrezzato alla vita, come un gatto. È la società borghese che non mi piace. È la degenerazione della vita del mondo. Hitler è stato il tipico prodotto della piccola borghesia. Anche Stalin è un prodotto piccolo-borghese.” (P.P.P., intervista a La Stampa, 12/07/1968)

proibito il dissenso?

Trieste, 8 denunciati per le contestazioni a Berlusconi
PROIBITO IL DISSENSO
di Margherita Hack
Fra breve succederà come sotto il fascismo: durante le visite di illustri personaggi, i dissidenti, opportunamente schedati dalle questure, erano ospiti per qualche giorno delle patrie galere.

Contestavano Berlusconi: 8 denunce
 

Pino Impastato, ucciso due volte

Alla mafia piace uccidere anche i simboli. Noi alziamo il dito medio come simbolo della nostra lotta, le nostre armi sono il disprezzo, il rifiuto, la denuncia. Mafia, arriverà il giorno in cui sarai inghiottita nel fuoco appiccato da te stessa con l'aiuto di qualche cittadino onesto, magistrato onesto, intellettuale onesto....muori maledetta mafia, una volta per tutte!!!

http://digilander.libero.it/WinstonMontag/immblo_file/querciapeppino.jpg 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

blankshinedome.oV1andantehank.buknataieri73emilytorn82diletta.castelliMascherat0lady.vietoltre_ilsognoconoscomaxranLUX_DIAPHANUMangeloo611motototo
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Cosa accadrà alla fine?Lacrime »

Dentro il condominio

Post n°32 pubblicato il 28 Febbraio 2007 da nataieri73
 

immagineFuori era già buio quando la vecchia avvizzita e truccata come un cartellone pubblicitario prendeva il suo scialle variopinto e se lo metteva al collo, con un gesto da sapiente sciantosa. L’anziana si accoccolava sulla sua poltrona di vimini e chiamava il gatto. Arrivava il gatto grasso come un maiale e col pelo opaco,  pigramente le saliva in grembo e cominciava una sequela di fusa un po’ forzate mentre la mano rugosa e macchiata lo carezzava meccanicamente.

Il ritratto del marito appeso al muro campeggiava nella stanza dei cimeli di famiglia. Vecchi quadri, vecchie stoffe impolverate, libri consumati dal tempo, giacevano in mezzo a quel ritratto che giorno dopo giorno sembrava sbiadire sempre di più.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog