Creato da nataieri73 il 04/12/2006
“Io sto benissimo nel mondo, lo trovo meraviglioso, mi sento attrezzato alla vita, come un gatto. È la società borghese che non mi piace. È la degenerazione della vita del mondo. Hitler è stato il tipico prodotto della piccola borghesia. Anche Stalin è un prodotto piccolo-borghese.” (P.P.P., intervista a La Stampa, 12/07/1968)

proibito il dissenso?

Trieste, 8 denunciati per le contestazioni a Berlusconi
PROIBITO IL DISSENSO
di Margherita Hack
Fra breve succederà come sotto il fascismo: durante le visite di illustri personaggi, i dissidenti, opportunamente schedati dalle questure, erano ospiti per qualche giorno delle patrie galere.

Contestavano Berlusconi: 8 denunce
 

Pino Impastato, ucciso due volte

Alla mafia piace uccidere anche i simboli. Noi alziamo il dito medio come simbolo della nostra lotta, le nostre armi sono il disprezzo, il rifiuto, la denuncia. Mafia, arriverà il giorno in cui sarai inghiottita nel fuoco appiccato da te stessa con l'aiuto di qualche cittadino onesto, magistrato onesto, intellettuale onesto....muori maledetta mafia, una volta per tutte!!!

http://digilander.libero.it/WinstonMontag/immblo_file/querciapeppino.jpg 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

dome.oV1andantehank.buknataieri73emilytorn82diletta.castelliMascherat0lady.vietoltre_ilsognoconoscomaxranLUX_DIAPHANUMangeloo611motototopastoreavvfedele
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« LacrimePETIZIONE PER AUTO AD IDROGENO  »

Siamo con voi

Post n°34 pubblicato il 09 Marzo 2007 da nataieri73
 

immagineDonne dell'Iran noi siamo con voi. Sento di parlare a nome di tutte le donne italiane. Scolarizzate, intellettuali, semianalfambete, operaie, avvocatesse, impiegate, inprenditrici, studentesse, pornostar, magistrati, economiste, casalinghe, letterate, storiche, antropologhe, ricercatrici, fisiche, scienziate, astronome, biologhe, contadine, vigilesse, dottoresse, ministri, consiglieri comunali, assessori, guardie giurate, fattorine, postine, bancarie, fiscaliste, naturopate, matematiche, ragioniere, artiste, ballerine, cantanti, attrici, nobildonne, operatrici ecologiche, direttrici di gallerie, analiste finanziarie, broker, capitani d'azienda, insegnanti, madri, figlie, bambine, neonate e se ho dimenticato qualcuno, chiedo umilmente venia.

Donne iraniane, noi vi sosteniamo, noi vi sproniamo, noi siamo con voi con il cuore e con la mente affinchè la vostra lotta per la parità dei diritti sia vinta. Siamo con voi affinchè venga riconosciuta in tutto il paese la vostra forza e la vostra importanza nella società.

In questi giorni in cui in Iran vengono arrestate le donne che contestano, che chiedono diritti, picchiate e chiamate prostitute, in questi giorni in cui il minimo che esse osano chiedere è di smettere di lapidare le adultere, in questi giorni in cui il massimo che osano chiedere è di avere riconosciuta parì dignità rispetto al maschio, noi siamo con voi.

Anche da noi fino a qualche anno fa l'adulterio femminile veniva considerato reato. Le donne erano uccise affinchè l'uomo lavasse l'onta del tradimento e nessun tribunale si sarebbe mai sognato di incarcerare un uomo per questo, anzi ne era legittimato. Lo stupro era prassi comune. La donna era meno che niente, un buco in mezzo ad una chioma di svariati colori. Un buco in cui inserire l'organo maschile e una schiava adibita a straccio per pavimenti.  Se in famiglia nasceva una bambina era una disgrazia. Se moriva una bambina era un sollievo. Anche noi abbiamo le nostre ferite, ancora sanguinano. Perciò vi sosteniamo.

Siamo tutte sorelle.

http://www.cinemah.com/editoriale/2002/0307/porto002.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog