Creato da marco.aliaslosciccos il 05/12/2007
...inviolato santuario dello spazio...levai in alto la mano e sentii il volto di Dio.

Ultime visite al Blog

m12ps12marco.aliaslosciccosstopwordgreciansZITTI_EXEMarkaliaslosciccososergiosciacoun_uomo_della_follaoscardellestellelinovenaFanny_Wilmotchiaracomeilsole1giovanni.euripidecorsaro.23
 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

    marcoaliaslosciccoso

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Area personale

 

DA DOVE BRUCHI???

page counter
 

Ultimi commenti

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

STEMMA DELL'A.M.

 

STEMMA DELL'A.M.

Ascolta la marcia d'ordinanza dell'Aeronautica
 

1. Il quadrupede chimerico alato con fiaccola, con la parte anteriore da leone e quella posteriore da cavallo, raffigura il distintivo della "X Squadriglia Farman", costituita il 1° aprile 1913. Tale reparto durante la 1ª Guerra Mondiale prese parte a numerosissime operazioni belliche di ricognizione e bombardamento leggero. Denominata successivamente "27a Squadriglia Aeroplani" eseguì, durante il primo conflitto mondiale, oltre 900 voli di guerra.
2. Il "Grifo Rampante" rappresenta l'insegna della "91ª Squadriglia da Caccia". Nota come "Squadriglia degli assi", ebbe tra le sue file eroi come Francesco Baracca, Piccio, Ruffo e Ranza.
3. Il "Quadrifoglio" riproduce il simbolo della "10ª Squadriglia da bombardamento Caproni", anch'essa impiegata in audaci azioni belliche durante la Grande Guerra.
4. Il celebre "Leone di S.Marco" fu adottato come emblema dalla "87ª Squadriglia Aeroplani", ribattezzata "La Serenissima" in omaggio alla città di Venezia. E' di questa squadriglia l'epico volo su Vienna al comando di D'Annunzio.
 

 

« LUNA NUOVACOME SEMPRE...NELLA TEMP... »

Post N° 142

Post n°142 pubblicato il 18 Maggio 2008 da marco.aliaslosciccos

LA CREAZIONE
E LE ORIGINI SECONDO I NATIVI D'AMERICA
I miti e i racconti che spiegano l'origine del mondo e
dell'uomo sono tantissimi. L'intervento creatore è affidato a diverse e
variabili entità e spesso si tratta di Antenati-Animali: Corvo, Castoro, Volpe,
Coyote. Molto spesso agli inizi non c'è che una grande distesa d'acqua; a volte
i primi esseri vivono in Cielo e da lì poi discendono sulla Terra; a volte si
tratta invece di un'emersione da mondi sotterranei.

COME FU FATTA LA TERRA
Il Creatore fece la terra e fu come avesse spiegato un immenso telo. Sopra vi
mise gli Indiani. Furono creati qui, parola d'onore, e ciò accadeva al tempo in
cui questo fiume iniziò a scorrere. Poi creò i pesci di questo fiume e mise i
daini nelle montagne e fece leggi che permisero ai pesci e alla selvaggina di proliferare.
Poi il Creatore ci diede la vita. (Yakima)*

*(Gli Yakima sono indiani d'America che appartengono alla famiglia linguistica
sahapti Abitavano dei territori ampi lungo i fiumi Yakima e Columbia nella zona
orientale dello stato di Washington).

(Mito degli Indiani Yakima)
Agli inizi del mondo c'era solo acqua. Il Grande-Capo-Lassù,
viveva su nel cielo tutto solo. Quando decise di fare il mondo, venne giù in
luoghi dove l'acqua è poco profonda e cominciò a tirar su grandi manciate di
fango, che divennero la terraferma. Fece un mucchio di fango altissimo che, per
il gelo, divenne duro e si trasformò in montagne. Quando cadde la pioggia,
questa si trasformò in ghiaccio e neve sulla cima delle montagne. Un po' di
quel fango indurì e divenne roccia.

Il Grande-Capo-Lassù fece crescere gli alberi sulla terra,
ed anche radici e bacche.

Con una palla di fango fece un uomo e gli disse di prendere i pesci nell'acqua,
i daini e l'altra selvaggina nelle foreste. Quando l'uomo divenne malinconico,
il Grande-Capo-Lassù fece una donna affinché fosse la sua compagna e le insegnò
a preparare le pelli, a lavorare cortecce e radici e a fare cesti con quelle.
Le insegnò quali bacche usare per cibo e come raccoglierle e seccarle. Le
insegnò come cucinare il salmone e la cacciagione che l'uomo portava.
LE ORIGINI-IL DILUVIO UNIVERSALE PRESSO GLI INDIANI
D'AMERICA

Il mito della creazione più diffuso
tra gli indiani dell'America Settentrionale prende origine da un diluvio
causato da una grave colpa nel comportamento.

Un dio invia a turno degli animali sul fondo del mare a raccogliere del fango:
i primi due o tre non ci riescono e tornano a galla annegati e senza tracce di
fango sulle zampe; tocca all'ultimo animale riuscirci, perdendo la vita,ma
recando con sé un po' di melma che servirà al vecchio per creare la terra e gli
esseri umani.
Anche in questi miti prevale l'idea che alle origini ci fosse una razza imperfetta:
secondo la tribù dei Blood (Blackfoot) un tempo, al posto degli esseri umani,
c'erano degli esseri con due teste. In un mito degli Algonkini (che comprendono Arapaho, Cheyenne,
Ogibwa, Fox e altri)gli animali protagonisti sono la lontra, il castoro, il topo muschiato e
l'anatra; in una narrazione analoga dei Crow del Montana la ricerca del fango è
affidata a quattro anatre.
Il dio in questione è considerato il Sole, che un tempo si chiamava "il
vecchio" ed è tutt'uno con il "vecchio coyote". Questa figura popolare,
dalle caratteristiche ambigue, è frequente nei racconti indiani.Inktonmi, per i
Sioux del Canada (Assiniboin), è una figura demiurga che ha un corrispondente
in Inktonmi dei Sioux del Dakota (il quale ha le stesse caratteristiche del
Coyote). Per questi ultimi – l’essere supremo è Wakantanka, il "grande
potere", mentre per gli indiani Algonkini è Manitou: la "forza magica" e l'espressione del lo spirito
che culmina con l'essere supremo, "il grande spirito". Un altro mito della
creazione si trova tra i Gros Ventre (Algonkini nord occidentali). In esso si
narra di Nihant (bianco), il formatore della nuova umanità, anch'egli, come il
Coyote, protagonista di alterne vicende.In questo racconto, Nihant, stufo del
modo di vivere delle popolazioni selvagge di quel tempo, dà il via al diluvio
con un complesso cerimoniale di cui fanno parte lo sterco di bue (che veniva
usato come combustibile), la pipa sacra e l'accompagnamento di tre canti e tre grida
culminante con un calcio decisivo sferrato alla terra.
"Venne
fuori l'acqua e piovve per giorni e giorni" dice la leggenda. Cessata la
pioggia Nihant era l'unico sopravvissuto alla deriva nelle acque assieme a una
cornacchia che, stanca di volare, gli hiedeva continuamente di riposarsi.
Nihant le rispondeva ogni volta di appoggiarsi sopra la pipa sacra. La pipa,
avvolta in una pezza di pelle, conteneva tutti gli animali. Essi, pur essendo
tutti privi di vita,potevano venir resuscitati dalla pipa sacra e dal canto di Niharat.

Nihant. scelse quelli più resistenti sott'acqua. Il primo a tuffarsi fu un
toffolo che non riuscì ad arrivare fino in fondo: sentendosi mancare tornò a
galla semisoffocato. Egli lo rianimò col suo canto e il toffolo si tuffò di
nuovo, arrivò quasi a sfiorare i1 fondo e tornò su tramortita. Toccò poi a una
tartaruga che credette di non aver raccolto la melma. Dopo un attento esame
Nihant scoprì invece che aveva un po' di terra nascosta tra le zampe; con quella
poca terra, con un incantesimo, fece sorgere un lembo di terra abbastanza
grande per lui e per la cornacchia che finalmente potè riposare (nel frattempo si
era ancora lamentata senza posarsi sulla pipa)."Voglio che ci sia terra
fin dove posso vedere!" disse Nihant. È questo un aspetto curioso del
mito; nella terra a perdita d'occhio non c'era neppure una goccia d'acqua. La
situazione venne poi risolta dal pianto di Nihant dal quale nascono i corsi
d'acqua, mentre dalla terra vengono poi plasmati gli uomini che terranno
compagnia a Nihant e alla cornacchia.
A proposito dei miti indiani del nord Stith Thompson osserva: "Fra gli americani
troviamo, ora il "creatore" in un mondo che egli noti ha ancora
creato, ora l'acqua primordiale che sembra coprire tana terra non ancora
creata; concezione, quest'ultima, comune a tutte le tribù indiane, con la sola
eccezione, forse, del gruppo eskimese.
Il Thompson rileva che non ci si può attendere criteri ordinati per la sistemazione
dei miti da parte degli indiani, prerogativa questa delle mitologie più
filosofiche.
Gli indiani del Southwest invece, pur riferendosi anche loro a una distesa
d'acqua primordiale, presuppongono che la tribù sia sorta dal basso, dopo una
serie di passaggi attraverso tre o anche quattro inondi sovrapposti. Ogni mondo
viene perfezionato, o distrutto e sostituito da quello successivo perché
ritenuto non soddisfacente.
Questi indiani hanno in comune con quelli della California una storia sulle
origini: all'inizio la terra e il cielo erano congiunti, la terra era la madre
dell'umanità, mentre il cielo era il padre. In un certo periodo succede che, in vari modi,
il cielo venga spinto in alto e staccato
dallaterra, così da dar spazio all' umanità.

ESTANATLEHI
(Estanatlehi)La dea Navajo del cielo, moglie del sole, sorella gemella di
Yolkai Estsan, moglie della luna. E’ la dea più rispettata tra gli Indiani
Navaho, lei è vista come la Dea del cambiamento, e si narra che sia in grado di
invecchiare, per tornare poi ad essere giovane.

E’ in grado di passare attraverso una serie infinita di vite senza mai morire.


Estanatlehi creò la prima coppia di primitivi dal mais. Detta anche “Donna che
cambia” è simbolo di trasformazione ed eternità.

LA NUOVA CREAZIONE
Dopo che tutto fu compiuto, l'Uomo-del-Sole si consultò con i suoi figli che lo
avevano informato che alla terra mancavano gli uomini. L'Uomo-del-Sole mandò i
figli a dire alla loro madre Estanatlehi che c'era bisogno degli uomini: ella
avrebbe saputo cosa fare. Quest'ultima, ricevuto il messaggio, prese due cesti.
Ne riempì uno con farina di mais bianca e l'altro con farina di mais gialla.
Poi agitò i suoi seni facendo cadere nella farina bianca e in quella gialla una
polvere che impastò con dell'acqua per farne un impasto solido.
Con il miscuglio bianco formò rapidamente un uomo e con quello giallo una
donna, li fece stare per tutta la notte l'uno accanto all'altro e quando venne
mattina Estanatlehi diede loro una forza speciale,
cosicché entro quattro giorni
ebbero dei figli che erano già grandi.
E i nuovi uomini e i loro figli ebbero altri figli ogni quattro giorni, e continuò
così sinché la terra fu popolata di nuovo. Non rallentarono questo ritmo se non
quando furono numerosi come gli uomini che una volta avevano popolata la terra
e avevano attirato su di se la punizione per le loro colpe. Infine Estanatlehi
si recò in viaggio a ovest, decisa a generare ancora nuovi uomini e, lungo la
via, con il mais variopinto fece altri otto uomini, a seconda di come mescolava
la farina con i suoi seni. Si crede sia per questo che i capezzoli delle donne
di queste tribù sono di particolare bellezza.

(materiale informativo tratto da ricerca nel WEB e cartaceo, prego gli autori
di citare se protetto dal diritto d'autore (copyright), per l'eventuale cancellazione
o citazione, grazie. (marco.aliaslosciccos@libero.it))
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963