Il lento declino dei laburisti

Post n°118 pubblicato il 11 Maggio 2008 da HENRY_VIII

I giornali britannici l'hanno definito "il massacro del primo maggio". Quando hanno cominciato a circolare i primi dati delle elezioni amministrative, è stato subito chiaro che il Partito laburista di Gordon Brown stava andando incontro a un risultato catastrofico. Ha perso 331 seggi in tutto il paese, lasciando agli avversari il controllo di 9 giunte comunali. I laburisti sono diventati il terzo partito del paese, dietro ai conservatori e ai liberaldemocratici.

Il 3 maggio è arrivata la notizia che il candidato laburista per la poltrona di sindaco di Londra, "Ken il Rosso" Livingstone, era stato battuto dal conservatore Boris Johnson. Livingstone è stato un sindaco carismatico e popolare. Il fatto che perfino lui sia stato sconfitto da un avversario famoso soprattutto per i capelli biondi, una complicata vita sentimentale e delle imprevedibili gaffe è lo specchio della crisi laburista.

Il risultato, dicono i più importanti dirigenti del New labour, non è così significativo. Le elezioni locali sono un indicatore inaffidabile dell'orientamento politico nazionale e spesso vengono considerate solo come un'opportunità per dare uno schiaffo al governo in carica.

È chiaro, però, che il Partito laburista attraversa una crisi molto grave e sono pochi gli esperti che a questo punto si aspettano una sua vittoria alle prossime elezioni politiche. Uno dei motivi è il fallimento della politica fiscale. Nell'ultima finanziaria da ministro dell'economia, Gordon Brown ha eliminato l'aliquota del 10 per cento sui redditi, la più bassa del fisco britannico.

La fascia più povera della popolazione è stata così assorbita nello scaglione successivo, a cui – poche settimane prima delle elezioni – l'aliquota fiscale è stata ridotta dal 22 al 20 per cento. I redditi più bassi, dunque, hanno subìto un aumento delle tasse di centinaia di sterline all'anno. Lo zoccolo duro dell'elettorato laburista è stato danneggiato e ha usato le urne per esprimere la sua rabbia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Putin "uomo dell'anno 2007"

Post n°117 pubblicato il 19 Dicembre 2007 da HENRY_VIII

LONDRA - Time Magazine ha nominato "Uomo dell’anno" 2007 il presidente russo Vladimir Putin. Lo ha annunciato il direttore del settimanale, Richard Stengel. Putin è stato "incoronato" per «la sua straordinaria capacità di leadership nel prendere un Paese che era nel caos e portarlo alla stabilità». La scelta è stata accompagnata sul Time da un lungo profilo del leader del Cremlino intitolato: «È nato uno Zar». «La Russia vive nella storia e la storia vive in Russia», scrive Stengel. Che poi, durante la trasmissione "Today Show" del canale tv Nbc, aggiunge: «Putin non è una brava persona, ma ha fatto cose straordinarie. È un nuovo zar di Russia ed è pericoloso, nel senso che non gli interessano le libertà civili; non gli interessa la libertà di parola; si preoccupa della stabilità. Ma la stabilità è ciò di cui la Russia ha bisogno ed è per questo che i russi lo adorano».

So bene che non sarete d'accordo ma per proprio per le motivazioni indicate da Time Magazine sono dello stesso parere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Cambridge

Post n°116 pubblicato il 10 Ottobre 2007 da HENRY_VIII

Studentesse squillo per pagarsi gli studi

La «carriera» come prostitute e le esibizioni nei locali di striptease delle giovani di Cambridge

LONDRA - Un tempo la moralità e la disciplina dei giovani studenti di Cambridge era riconosciuta e invidiata da tutte le università del mondo. Ma forse negli ultimi anni qualcosa è cambiato. Adesso per sbarcare il lunario molte studentesse di questo antichissimo ateneo anglosassone si prostituiscono o lavorano in locali di strip-tease. A denunciare il legame tra prostituzione e educazione universitaria non è il solito pruriginoso tabloid britannico, bensì Varsity, il prestigioso settimanale studentesco che dal 1947 racconta la vita nell’Università di Cambridge.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

 I Beatles

Post n°115 pubblicato il 05 Ottobre 2007 da HENRY_VIII

5 ottobre 1962 - I Beatles debuttano in U.K. con Love Me Do: un pezzo scritto principalmente da Paul McCartney, alla fine dei Cinquanta. Lo apre l'armonica di Lennon, seguita dagli intrecci vocali di John e Paul. "Si trattava di una canzone d'amore abbastanza convenzionale: George (Martin, produttore e quinto membro della band di Liverpool) insisteva perché il tono fosse confidenziale, una specie di introduzione alla musica che si voleva costruire insieme"; questo il ricordo di Harrison, mentre Ringo Starr si lamentò perché "nelle prime sedute di incisione non venni mai chiamato in causa. Non si fidavano ancora del tutto di me, magari era colpa di tutti gli anelli che portavo. Comunque, io usavo il tamburello, mentre alla batteria c'era Andy White". "Credo che non volessimo apparire troppo aggressivi: Martin voleva toglierci di dosso la fama che ci eravamo fatti ad Amburgo, magari troppo rock'n'roll. Dovevamo sembrare bravi ragazzi (Lennon)".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Valencia (Spagna)

Post n°114 pubblicato il 30 Agosto 2007 da HENRY_VIII

Oltre 40 mila persone si sono lanciate addosso 115 tonnellate di pomodori durante il «Tomatina» festival, il tradizionale evento di Bunol vicino a Valencia (Spagna), giunto alla sessantesima edizione. Un vero e proprio record di presenze. Tra i lanciatori scelti di pomodori maturi non si sono registrati feriti gravi né incidenti. Solo arrossamenti di occhi dovuti all'acido del pomodoro e qualche svenimento per il caldo. Molti turisti stranieri, arrivati soprattutto da Giappone, Corea del sud, Belgio, Australia, Stati Uniti, Canada, Italia, Francia e Germania, si sono ritrovati nel simpatico «gazpacho umano» che si celebra ogni ultimo mercoledì d'agosto. Per i partecipanti alla battaglia «in salsa rossa» il comune ha messo a disposizione ben 500 docce 
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Rendite, 2 mld in più allo Stato

Post n°113 pubblicato il 22 Agosto 2007 da HENRY_VIII

Le prime stime dell'aumento aliquote

Oggi sono al 12,50%, ma potrebbero presto salire al 20%. Sono le aliquote sulle rendite finanziarie, per cui il governo progetta un netto aumento che porterebbe nelle casse dello Stato oltre due miliardi di euro. La proposta è stata risollevata dal sottosegretario all'Economia Alfiero Grandi e ha trovato sostegno nel ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero.
A volte mi chiedo se questi personaggi conoscono realmente l'economia e la finanza. La storia a questi ignoranti non ha insegnato nulla, questa azione porterà tanti soldi in meno nelle casse dello Stato e cosa ancora più grave porterà in fuga capitali stranieri di cui l'Italia ha assoluta necessità (leggessero qualche dato economico dall'unità d'Italia ad oggi e si farebbero una cultura!!!).. Cmq abbiamo degli economisti all'altezza di quei caxxoni della Fed che fino a due pochi giorni fa, dicevano che i mutui subprime non erano pericolosi e che non avrebbero mai e poi MAI abbassato il tasso di sconto (è stato ritoccato di -0,50% cioè il doppio dei normali rialzi). Capisco che le aspettative sono pericolose e non creare il panico è l'obiettivo, ma addirittura bruciare miliardi da immettere sul mercato per poi abbassare i tassi è da dementi....Aspetto al varco quest'altro demente che propone l'aliquota al 20% su azioni e Bot. Voglio godere quando le aziende non avranno più soldi per gli investimenti e lo Stato per pagare i debiti..Però sono curioso di vedere l'analisi che è stata fatta da questo astuto servitore dello Stato e proporgli di pagare direttamente nel caso la sua grandissima idea non andasse in porto...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Ma quale Premier League!!

Post n°112 pubblicato il 13 Agosto 2007 da HENRY_VIII

Un diciannovenne ha rifiutato le offerte di tre club per restare fra i Dilettanti.

LONDRA - "Perché dovrei essere pagato per fare qualcosa che amo?". Con questa domanda disarmante, il giovane Duncan Williams manda all'aria tutti i paradigmi del mondo del calcio. È il Times oggi a raccontare la storia del ragazzo di 19 anni che, pur avendo ricevuto offerte da tre club del massimo campionato inglese (Middlesbrough, Bolton Wanderers ed Everton), ha preferito rimanersene nella squadra in cui è cresciuto, il Garforth Town, che è appena stata promossa nella "Northern Premier League Division One North", corrispondente a un'ipotetica serie H italiana.

I suoi gol il giovane Williams preferisce farli a squadre che si chiamano Harrogate Railway Athletic o Nostell Miners Welfare. E nel suo nuovo campionato giocherà contro l'United of Manchester anziché incontrare il più blasonato Manchester United di Premier League.

L'anti-Beckham che alla sacra regola del calcio (il divertimentro prima di tutto) sacrifica soldi e passerelle, racconta al Times il suo sogno impossibile: "Voglio diventare il primo giocatore della Premier League a non ricevere uno stipendio". Ma non si ferma qui, e dimostra di avere principi più forti ancora dei suoi muscoli: "Non è giusto essere pagati per qualcosa che è divertimento, quando c'è gente che viene uccisa in giro per il mondo".

Quanto tempo ci vorrà prima che il 19 enne cambi idea? Forse gli basterà terminare le scuole per trovarsi catapultato nel mondo reale?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Swapping parties

Post n°111 pubblicato il 08 Agosto 2007 da HENRY_VIII

Negli Stati Uniti e in Inghilterra li chiamano 'swapping parties' e sono incontri chic per scambiarsi abiti firmati. Si organizzano in bar o locali, anche attraverso community in rete. Per combattere lo sprego restando glamour
 

Fare shopping con i tempi che corrono non è molto di gusto e se non proprio volgare sicuramente poco cool. Comprare costa e inquina, l´armadio gonfio di magliette e jeans è un mausoleo della colpa e non c´è verso di svuotarlo del significato che ha: troppa merce, troppi sprechi, troppo. Il fastidio della sovrabbondanza ha toccato l´anima della moda, e allora eccola l´idea, il baratto, l´antica forma di scambiare valore con valore equo, in questo caso magari un Gucci con un Prada perché salvare il pianeta d´accordo ma mai senza un tocco di eleganza.

Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna già da qualche anno gli swapping parties, feste del baratto chic, hanno creato circoli virtuosi di beni e comportamenti: vestiti griffati da portarsi a casa al posto dei propri lasciando intatta la carta di credito e anche la responsabilità etica. In Italia il fenomeno è più artigianale e familiare, come è tipico della nostra tradizione economica, anche se esistono marchi come il bolognese Swap club, filosofia eco-glamour e parecchi iscritti.

Terribilmente ingegnoso, far passare una vecchia usanza dei nonni e dei loro nonni  come qualcosa di veramente originale, cambiando la definizione dello scambio

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Amore Disperato

Post n°110 pubblicato il 22 Luglio 2007 da HENRY_VIII

Sembra un angelo caduto dal cielo
com'e' vestita quando entra al "Sassofono Blu"
ma si annoia appoggiata a uno specchio
tra fanatici in pelle che la scrutano senza poesia
sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo
sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo tempo

Una sera incontro' un ragazzo gentile
lui quella sera era un lampo e guardarlo era quasi uno shock
e tornando, e tornando, e tornando, e tornando
e tornando, e tornando, e tornando, e tornando a casa

Rit: Lei ballera' tra le stelle accese
e scoprira', scoprira' l'amore
l'amore disperato

Dopo quella volta lei lo perse di vista
disperata lo aspetta ogni sera al "Sassofono Blu"
una notte da lupi lei stava piangendo
quella notte il telefono strillo' come un gallo
sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando
sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando, sta chiamando lui

Sembra un angelo caduto dal cielo
quando si incontrano toccarsi e' proprio uno shock
e tremando, e tremando, e tremando, e tremando
e tremando, e tremando, e tremando, e tremando forte

Rit: Lei ballera' tra le stelle accese
e scoprira', scoprira' l'amore
l'amore disperato

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il mondo è folle e folle è l’amore.

Post n°109 pubblicato il 20 Luglio 2007 da HENRY_VIII

Roma: Globe Theatre dal 21 luglio al 5 agosto 2007, ore 21.00

Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare“Sogno di una notte di mezza estate”, scritta in occasione di un matrimonio, è come una serie di scatole cinesi. All’esterno dell’opera ci sono la sposa, lo sposo e il pubblico, all’interno le coppie, Teseo e Ippolita, Titania e Oberon e i quattro innamorati e nell’opera dentro l’opera, i teatranti, la vicenda di Piramo e Tisbe. In questo mondo stregato domina il capriccio, il dispotismo di Oberon che attraverso Puck gioca con i mortali e con Titania, per imporre il suo dominio. Si compie quindi su Titania quella violenza che Teseo compie su Ippolita e che Egeo vorrebbe compiere sulla figlia costringendola a un matrimonio che respinge. Si noti la sequenza degli scambi fra gli amanti. Si inizia con Ermia che ama Lisandro e con Elena che ama Demetrio, ma quest’ultimo con l’appoggio di Egeo, padre di lei, vuole invece conquistare Ermia. Si passa, attraverso l’intervento “magico” di Puck, al folle girotondo in cui Ermia insegue Lisandro, Lisandro Elena, Elena Demetrio e Demetrio Ermia. E non è finita. Perché Ermia, alla quale dapprincipio aspiravano entrambi i giovani, sarà abbandonata da tutti e due, innamorati ora di Elena, e solo nel quarto atto dopo un nuovo intervento di Puck, si avrà la conclusione in cui gli amanti formeranno davvero due coppie.

Il mondo è folle e folle è l’amore. In questa grande follia della natura, l’attimo di felicità è breve. Un richiamo alla malinconia che accompagna tutta la vicenda.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Quanto costa trovare l'anima gemella

Post n°108 pubblicato il 17 Luglio 2007 da HENRY_VIII

ROMA - Innamorarsi è costato agli italiani lo 0,25 del prodotto interno lordo dell'anno 2006. Per l'esattezza, centesimo più, centesimo meno, 3,5 miliardi di euro. All'incirca, ogni anno, chi è in cerca dell'anima gemella spende 700 euro tra regali, cene, cure di bellezza, spostamenti, viaggi e ricerche on line tra i siti dei cuori solitari.

Ebbene sì, cade anche l'ultimo tabù, l'ultimo totem del romanticismo, dell'intimità e dei sogni. Con buona pace della scintilla, dei campanellini e di tutto l'apparato di frivolezze che si mette in moto quando scatta il colpo di fulmine. A misurare i costi dell'innamoramento - proprio così, né più né meno che uno "scalino" della pensione o una voce dell'Irpef, un vero e proprio costo sociale - ha provveduto la Parship, "la prima agenzia europea on line - si legge nella ragione sociale della società - dedicata a chi cerca un partner per una relazione duratura e basato sull'affinità psicologica di coppia". Come dire: nulla a che vedere con avventure hot e incontri sexy. Roba seria, ecco.

Che tristezza, mi sono accorto che non posso innamorarmi, mi costerebbe troppo, vabbè sarà per un altra vita!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Politica e risparmio

Post n°107 pubblicato il 13 Luglio 2007 da HENRY_VIII

Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi il disegno di legge per la riduzione dei costi politico amministrativi e per la trasparenza della pubblica amministrazione. Il disegno di legge, a firma del ministro Giulio Santagata, a quanto si apprende, sarebbe stato approvato all'unanimità. Il risparmio previsto a regime sarà di oltre 500 milioni di euro.

Quattro i principi cardine della legge: 1) La razionalizzazione della pubblica amministrazione "con la previsione di una delega per il riordino e l'accorpamento di enti, organismi e strutture pubbliche, nonché il taglio automatico di enti inutili non riordinati entro una determinata data"; 2) la riforma della rappresentanza politica a livello locale per razionalizzazione i costi; 3) trasparenza e riduzione dei costi delle società in mano pubblica con relativa riduzione dei membri degli organi di tutte le società controllate dall'amministrazione pubblica non quotate in mercati regolamentati e di meccanismi di selezione pubblica per tutte le assunzioni; 4) promozione dell'etica pubblica, e cioè trasparenza degli stipendi dei vertici amministrativi; misure che permettano di scegliere tramite offerta al pubblico i candidati per le nomine di competenza delle amministrazioni pubbliche; limiti al cumulo di incarichi pubblici da parte dei titolari di cariche elettive.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Marsala, 82 anni al volante col cellulare

Post n°106 pubblicato il 09 Luglio 2007 da HENRY_VIII


MARSALA (TRAPANI) - Un'auto guidata da una donna di 82 anni, dopo che questa ha perso il controllo, è piombata su una spiaggia distante pochi chilometri da Marsala in Sicilia dove ha travolto e terrorizzato numerosi bagnanti. Tra i feriti ci sono due bambine, una di queste di tre anni, e una donna incinta all'ottavo mesi di gravidanza. Una bambina colpita dall'urto della vettura rischia di essere costretta all'amputazione di una gamba.

La donna anziana, secondo una prima ricostruzione dei vigili urbani, sembra avere perduto il controllo della vettura per rispondere al telefono cellulare. Subito dopo la vettura sarebbe così entrata nella spiaggia in contrada Spagnola, nei pressi di Villa Genna, dove alcuni uomini hanno provato invano a fermare la macchina in moto.

Agghiacciante il resoconto di una testimone. Giovanna Cennamo, insegnante di 34 anni, racconta di avere visto l'auto piombare sulla spiaggia. "La gente scappava da tutte le parti - spiega l'insegnate - e alcuni, mentre la macchina girava su se stessa, entravano e uscivano da sotto".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il sindaco e il Pd

Post n°105 pubblicato il 06 Luglio 2007 da HENRY_VIII


"Aveva detto che sarebbe uscito di scena alla fine del suo mandato come sindaco di Roma, per andare in Africa, ma alla fine ha preferito la giungla della politica italiana", scrive Libération riguardo alla decisione di Walter Veltroni di candidarsi alla guida del Partito democratico. "Invocato come il salvatore di una sinistra in declino, Veltroni ha accettato di guidare il partito riformista nato dalla fusione dei Ds e della Margherita. Dopo anni di lotte intestine, tutti i principali leader della maggioranza sembrano disposti a sostenerlo per far fronte alla scarsa popolarità del governo Prodi e alla paralisi della coalizione di governo".

El País considera positiva la decisione di Veltroni: "Il sindaco di Roma si è candidato a dirigere un partito che ancora non esiste. Potrebbe sembrare una notizia da poco, ma per il sistema politico italiano potrebbe essere questione di vita o di morte. Veltroni ha esposto un programma di governo concreto: meno tasse, più liberalizzazioni, rispetto dell’ambiente, riforma elettorale e un patto generazionale per riformare il sistema delle pensioni e lottare contro il precariato giovanile".

Secondo il Washington Post la discesa in campo di Veltroni favorirà il rinnovamento della classe politica italiana: “Anche se con i suoi 52 anni non può essere considerato giovane, la sua candidatura è un evento in un paese in cui l’età combinata dei due avversari alle ultime elezioni era di 135 anni. La svolta nel centrosinistra potrebbe favorire cambiamenti anche nel centrodestra".

L’Independent ha dei dubbi sulla candidatura di Veltroni: "Il sindaco di Roma è noto come un ‘buonista’ e un grande organizzatore di eventi culturali. Ma è sbagliato considerarlo il salvatore della patria. Nei suoi anni alla guida della capitale il degrado urbano è aumentato: le strade sono piene di buche e Trastevere e Campo de’ Fiori sono diventate zone a rischio".  
 
Ma è possibile che quando si parla di rinnovamento, non si rinnovano le persone e le idee, ma i nomi dei gruppi politici? C'è un errore culturale di fondo nella nostra politica..La sinistra cambia nome per farsi votare e la destra non cambia mai il leader per farsi votare..che triste storia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Cambiamento epocale in Svezia

Post n°104 pubblicato il 17 Giugno 2007 da HENRY_VIII


Come racconta Libération, la Corte di giustizia delle comunità europee ha dato ragione a Klas Rosengren, un medico di Göteborg che aveva ordinato su un sito internet seimila bottiglie di vino. Il carico però era stato confiscato alla dogana perché nel paese scandinavo la vendita dell'alcol è monopolio dello stato e lo si può comprare solo nei negozi della catena Systembolaget.

Il tribunale del Lussemburgo ha stabilito che il monopolio svedese - che ha origine dalla preoccupazione dello stato di tutelare la salute pubblica - vìola le leggi sulla libera circolazione delle merci nell'Unione europa.

La felicità degli svedesi sarà esplosa in brindisi a profusione. Quelli che avranno festeggiato un po' meno sono i doganieri, che ora devono consegnare ai legittimi proprietari i 350mila litri di bevande alcoliche che hanno sequestrato dal 2004.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

I miei Blog preferiti

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

driver64smaltorossoVLitha84slippery.zonemaggiedeiconsortiilprimocapoandrea.983gianniguidafranco460
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom