Creato da IlVentoDelSahara6 il 06/10/2008

VentoDelSahara

Si alza il vento e inizia la tempesta dentro di me.. devo dominarla

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fire.57Sky_EagleMagica.Alchimiaronnytagomagaserenadolcecat4giovanna100685rubinaeyesfuocoezagaraalex.riderDarkawailisa.morgansilviab19740LunaDiCleopatraetnapuma49
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao :o)
Inviato da: Sky_Eagle
il 01/09/2011 alle 17:40
 
Ciao, complimenti per il blog! E' bellissimo, Sandra
Inviato da: vany47844
il 23/02/2010 alle 12:35
 
Dai vento, stupiscici con i tuoi bei post, vedo che hai...
Inviato da: vany47844
il 28/08/2009 alle 10:34
 
Bello quello che scrivi, un salutone e tante buone...
Inviato da: vany47844
il 10/08/2009 alle 11:48
 
Alle volte il deseto fa pensare alla passione, non so...
Inviato da: vany47844
il 07/03/2009 alle 02:06
 
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

« La SorgenteAvrei tante cose da... »

Lui

Post n°31 pubblicato il 21 Novembre 2008 da IlVentoDelSahara6
 


C’era
tanta gente, mai vista tanta nella mia vita ed erano tutti venuti per
sentirlo.

Qualche cane abbaiava e un venditore di focacce urlava per attirare acquirenti.

Era bello lui, soprattutto i suoi occhi, sembrava guardare sempre ciascuno negli occhi.

Le donne impazzivano per lui, ma nessuna si diceva potesse averlo, ma la gente mormorava di una.

Una voce, una voce unica la sua, incantava tutti con le sue favole.

Rideva, si che rideva quando gli chiedevo perché.......

C’erano alcuni con lui, alcuni che lo seguivano sempre, non come me che ero li solo per curiosità e per amicizia.

I
soldati controllavano i documenti,  parlavano di
lui come di un folle e i preti peggio ancora, ma si sa che i preti non
vogliono mai nulla che mini il loro potere.

Lui
rideva di tutto questo, e rise ancora di
più quando gli chiesi se ero io il demonio di cui a volte parlava.

Io
gli dicevo che la gente non capiva, che raccontavano di lui cose
assurde e impossibili e che si stavano approfittando della sua buona
fede.

Solo allora, solo allora smise di ridere e mi guardò negli occhi.

Stava per dirmi qualcosa, ma si fermò e alzò le spalle ancora una volta.

C’era tanta gente quel giorno e quando iniziò a parlare tutti rimasero in silenzio per ascoltarlo.

Le donne guardavano i suoi occhi, le donne s’innamoravano di lui, ma lui sembrava non darsene conto.

Poi
moltiplicò quei pesci e quei pani e io inizia davvero a pensare di
essere io il demonio di cui tanto parlava, ma mi misi a ridere anche io
come

Lui.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963