Creato da DocGull il 09/12/2006
Approfondimenti e dibattiti di GEOPOLITICA. Dite la vostra in libertà. Per cercare gli argomenti che più vi interessano utilizzate i tags, li trovate sulla sinistra, sono l'elenco dei temi trattati.
 

COME LEGGERE IL BLOG:

Per scegliere l'argomento di maggior interesse:

Per cercare un argomento che sia di vostro maggiore interesse rispetto agli altri, utilizzate i TAGS. Li trovate subito sotto questo box. Cliccate e vi si aprirà un menù a tendina. A quel punto scegliete l'argomento che preferite e si apriraranno tutti i posts relativi ad esso.

Come leggere i titoli degli articoli:

Di fianco al titolo dell’articolo si trovano gli argomenti, ad esempio il nome di un Paese: Iraq, Libano, Israele, ecc. o un argomento più generale: ad es. Energia, Opere pubbliche, ecc.

Di fianco agli argomenti troverai spesso dei numeri, Es. "Iraq 3", "Energia 2", ecc. Significa che, prendendo Iraq 3 ad esempio, quello è il terzo articolo dedicato all’Iraq. A volte potrai trovare due argomenti congiuntamente, come "Iraq 3 – Energia 4", significa che il medesimo articolo tratta sia di Iraq che di questioni energetiche.

 

Tag

 

Area personale

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Free hit counters

 
 

SITI DI INTERESSE - links

Clicca qui per accedere a siti di Centri Studi e Analisi geopolitiche, di Istituzioni internazionali, a siti che approfondiscono questioni di Criminalità Organizzata, Economia, Energia, a siti di Riviste a tematica geopolitica, nazionali ed internazionali.

 

Ultimi commenti

Contatti

1) Se desideri che vengano pubblicati tuoi articoli o inviare altro materiale attinente all'argomento trattato nel blog o comunque metterti in contatto, scrivi a: geopoliticando@libero.it

Se desideri che venga pubblicato anche il tuo nome o nick, indicalo nella mail che dovrà, a  sua volta, risultare attiva. Il materiale inviato non sarà restituito e Geopoliticando non ne garantisce la pubblicazione, nel caso che non sia ritenuto idoneo al blog;

2) Tutti possono inserire liberamente commenti agli interventi/articoli pubblicati;

 

Ultime visite al Blog

psicologiaforensemax_6_66lo_snorkiWIDE_REDsidopaulgiov_annabal_zacDGull.Geopoliticandoninograg1unamamma1nomore.norlessgeopoliticandodomusbishopelove10
 

 

« Messaggio #101Messaggio #103 »

Post N° 102

Post n°102 pubblicato il 26 Agosto 2008 da DocGull
 

KOSOVO, ABKHAZIA E OSSEZIA DEL SUD, CHE CI ASPETTAVAMO?

___________________

Argomenti (tags) dell'articolo:

RUSSIA 5 - GEORGIA 1

_________________

Non dite che almeno Geopoliticando non l'aveva detto (vd. artt. "Serbia 6 - Kosovo 3" e "Serbia 7 - Kosovo 4"), l'illegale secessione del Kosovo poneva grandissimi rischi all'ordine internazionale.

Un concetto banale, volutamente trascurato.

Ora è venuto il momento di pagare il conto con la secessione di questi territori ex georgiani.

L'unico modo per impedirlo sarebbe militare, ergo, la Georgia deve ridisegnare i confini. E' da tempo che la Russia manda segnali di insofferenza che sono stati comletamente trascurati, pare persino chiaro la volontà degli Stati Uniti di allontanare la Russia dall'Europa altrimenti non si capirebbero le continue ultime provocazioni (Kosovo, appunto, ma anche scudo spaziale in Polonia).

L'inesistente Europa, come sempre, non guarda al proprio interesse o sono i singoli Paesi europei a farlo, oguno per la sua strada. La follia, l'indecenza e l'assoluta illegalità dell'indipendenza del Kosovo ha aperto una  ferita che speriamo si chiuda solo con la questione georgiana.

Non credo chei Russi supereranno questo limite, ma sul Kosovo dovevano farla pagare all'Occidente, in qualche modo.

Urlare ora all'illegalità sulle due regioni ex georgiane sa di beffardo quando si è accettata, anzi spinta, l'illegalità del Kosovo.

Che questo serva di esempio a tutti, il diritto inetrnazionale non può essere violato a seconda delle convenienze, oggi può far comodo, ma domani può accader qualcosa che non ci piace.

Per ora siamo uno pari, speriamo che le parti tornino a ragionare, ma come per la Serbia, anche la Georgia deve certamente rassegnarsi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog