« Cose che ti fanno pensareNonna Concettina »

Il mitico Filippo Palizzi

Post n°13 pubblicato il 01 Settembre 2012 da keepty67
Foto di keepty67

Rorò sta navigando su internet e tra un sito e l'altro, il passaggio quotidiano su FB è diventato un rito immancabile.

Rorò controlla le notifiche, sbircia fra i commenti e si sofferma sui vari gruppi a cui è iscritta, alcuni per scelta, altri per coinvolgimento dei suoi contatti. 

Uno fra tutti a cui è particolarmente legata, è quello che porta il nome del liceo che ha frequentato da ragazza ( oggi diventato liceo, ai suoi tempi era un'istituto ) aperto da ex alunni e professori , dove vengono pubblicate notizie attuali di pubblica utilità, ma più di tutto foto ricordo e video degli anni passati.

Rorò , ha sempre considerato quei 5 anni, come i più belli e spensierati della sua vita, non tutti però, i primi sono stati i più difficili, da adolescente complessata quale era, poi la svolta al terzo anno, dieta, ( 30kg in meno ) chiusura di un rapporto sentimentale opprimente, e completo sconvolgimento estetico. Ora si che la vita è bella. Rorò ricorda come fossero cambiati i suoi rapporti con gli altri da quando era dimagrita, il ragazzino carino che le sorrideva, la super-vip che le rivolgeva la parola , e i suoi compagni di classe che non la consideravano più una nullità. Gli adolescenti sanno essere così crudeli a volte, è nella loro natura, poi crescono e si pentono, ma quelli che hanno subito le umiliazioni difficilmente dimenticano, ma per fortuna Rorò aveva aggirato l'ostacolo diventando una di loro, a volte anche un pò stronzetta, ora se lo poteva permettere.

Rorò sorride mentre con la mente ricorda piccoli particolari rimossi con la crescita, non tutti di cui andare fiera, altri censurabili, altri molto belli. A quest'ultima categoria appartengono quelli legati alle sue compagne di classe, alcune di loro diventate vere amiche, le stesse che ancora oggi, a distanza di 30 anni, Rorò frequenta e con le quali condivide emozioni ed esperienze.

Prima fra tutte c'è Rossana,con la quale Rorò ha legato da subito,  una tipetta magrolina , molto magrolina, quattrocchi, simpatica, unica figlia femmina dopo quattro maschi molto più grandi, cresciuta ascoltando Beatles e Rolling Stones, poco coraggiosa quando si trattavo di infrangere le regole , ma che se insistevi, qualche eccezione alla regola pure la commetteva. Il suo pregio più grande era quello di saper ascoltare, ancora oggi è bravissima in questo, e Rorò con le sue perenni elucubrazioni mentali, aveva trovato un tesoro inestimabile.

Poi c'era Stefania, una ragazzina tutto pepe, bionda, molto carina, una che si faceva notare, non tanto per la sua avvenenza fisica, ma per la sua "svampitezza ", peggiorata negli ultimi 30 anni, dolce e affabile, sognatrice e in perenne ricerca di emozioni forti, vere, passionali, di quelle che ti fanno capire che sei viva. Rorò ha condiviso con lei tutto, nel vero senso della parola, dalle emozioni ai ragazzi, dalle figuracce alle vittorie, dai dolori alle gioie, dal cibo ai vestiti, se il giorno è fatto di 24 ore, lei e Stefania ne trascorrevano insieme almeno 20, da vicino o per telefono, il contatto era continuo. Oggi dopo 30 anni, nulla è cambiato,  si vedono e sentono meno spesso, ma l'intensità è rimasta invariata.

Il mondo di Rorò era perfetto, la sua scuola, i suoi interessi e le sue amiche.

Poi al quarto anno, un temporale investe la serenità di Rorò: in classe arrivano dei nuovi acquisti , alcuni senza infamia e senza lode, e di cui Rorò ricorda a stento il nome e il viso, altri che si permisero di intaccare le sue certezze e le sue amicizie.

Le sue nuove nemiche , si chiamavano, Maria, Rosalba e Amelia.

Amelia è stata sempre quella che pur legando molto con Stefania , non ha mai provato a detronizzare Rorò, era una presenza attiva nella vita della sua cara amica, ma persa nel suo mondo di disegni e progetti, lavoro e interessi vari, costituiva un ostacolo relativo, restò solo un anno con noi, poi come una meteora, come era comparsa, così era sparita. Oggi Rorò e Amelia hanno un bellissimo rapporto, si sono ritrovate grazie a FB , e hanno scoperto che si può essere entrambe amiche di Stefania senza nulla togliere a nessuno delle due, in realtà è Rorò che ha scoperto tutto questo, per Amelia non c'era mai stato nessun ostacolo. Crescendo si impara!

Tutt'altro discorso per le altre due nemiche: di Maria oggi si sono perse le tracce, Rorò però ricorda quanto ha sofferto a causa sua, la sua leggera vena di follia, aveva attratto Stefania come una mosca nella tela di un ragno, con lei ha vissuto esperienze e disavventure, segreti e pazzie, con lei rideva di gusto scambiandosi sguardi complici e maliziosi, insomma un legame forte e coinvolgente, da cui Rorò era esclusa.

Un giorno Rorò chiese a Stefania, cosa fosse cambiato fra di loro e la risposta non le era piaciuta: " Per ora ho bisogno di questo , non te la prendere, ma con te mi sento le ali tarpate ". Forse le parole che usò erano leggermente diverse, ma il senso era senz'alcun dubbio quello.

Rosalba: descrivere Ros, non è facile nemmeno oggi, anche in questo caso FB è riuscito in una missione impossibile, Rorò e Rosalba si sono ritrovate sul social-network e miracolo dei miracoli, si sono trovate simpatiche e si vogliono bene...CARRAMBATA !!!!!

Della Rosalba di quegli anni , Rorò ricorda la sua ironia, il suo prendere in giro il mondo con diplomazia e eleganza, la sua mente arguta, i suoi discorsi filosofici, senza mai cadere nel retorico, la politica di sinistra era il faro che illuminava la sua esistenza, anticonformista senza esasperazioni, le sue idee e i suoi ideali erano fermi e decisi, nulla avrebbe potuto influenzare le sue scelte, Rosalba era così, chi decideva di amarla doveva accettarla così, prendere o lasciare. 

Rorò a quei tempi pensava: ma questa chi l'ha mandata?

Tra Stefania e Rosalba, fu amore a prima vista, un processo chimico tipo alchimia, aveva fuso insieme due menti argute, due donne molto intelligenti, troppo intelligenti, che dovevano per forza stare bene insieme, si perchè Stefania era svampita, ma molto intelligente, e questo Rorò lo sapeva, e questo fu, per un lungo periodo, il suo cruccio più grande : " forse Stefania non mi considera abbastanza intelligente, con me si è divertita, ma io non mi occupo di politica, di cause sociali, io non sono come lei ".

Crescendo si impara.

Passati che furono anche il quarto e quinto anno, Stefania e Rorò ripresero a frequentarsi come nulla fosse mai successo, ma Amelia e Rosalba , non fecero più parte della sua vita, fino a oggi.

Rorò , Stefania , Amelia e Rosalba, oggi si sentono tutti i giorni, un'amicizia sincera lega tutte e quattro, Rorò quando pensa agli anni del liceo, ricorda le stupende avventure che ha vissuto, non si sente più poco intelligente, Rorò è felice di averle ritrovate. Crescendo si impara.

                                             Rorò

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

cassetta2Cherrysldaunfioreodio_via_col_ventojackone0scrittocolpevolekeepty67lubopoSEMPLICE.E.DOLCEpoverella.meaishalunaMarquisDeLaPhoenixsolemar_72prassiosergio64dgl
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963