« A chi figlia e a chi figliastra.MONDHER »

Il balcone

Post n°18 pubblicato il 27 Giugno 2013 da keepty67
Foto di keepty67

Rorò guarda la sua pianta di zucca e sorride, sta crescendo proprio bene, non sa ancora se usciranno le zucche vere e proprie, ma la pianta viene su che è una meraviglia. Alzando la testa ,con lo sguardo abbraccia tutto il balcone , una timida piantina di menta sorride soddisfatta nel suo vaso ricavato da un coloratissimo secchiello da mare, mentre una più seria e scontrosa piantina di basilico , resta indifferente agli amorevoli sguardi di chi si prende cura dei suoi rametti, ma Rorò è fiduciosa, prima o poi guadagnerà anche la sua stima e lo dimostrerà regalandole splendide foglie profumate. L'ispezione giornaliera di Rorò continua, controlla l'essiccazione dei semi che pianterà a gennaio,quelli che pianterà in primavera e infine si avvicina al piccolo ma necessario progetto che sta costruendo : una serra in miniatura. Rorò abita in città, in un appartamento situato all'ultimo piano di un vecchio palazzo, spazio per un vero è proprio orto è solo un'utopia, il desiderio di vivere in campagna, immersa nel verde, lontana da stress, smog e caotiche giornate cittadine, sta diventando una vera e propria ossessione, da sempre vissuta in una metropoli, da qualche tempo Rorò sogna una vita più rurale, sana e genuina....... un'utopia per l'appunto !!!!

Trafficando con teli di plastica, pedana in legno e listelli di alluminio, Rorò ripensa al giorno in cui suo padre, decise di costruire il balcone. Rimasto vedovo , il suo papà passava le giornate seduto in poltrona davanti alla finestra, aspettando il giorno in cui avrebbe finalmente raggiunto la sua adorata moglie, i suoi occhi spenti da una struggente malinconia, avevano perso tutto lo splendore tipico degli occhi azzurri, e il sorriso che da sempre lo contraddistingueva , era storia antica. Dopo la morte della mamma, Rorò era rimasta da sola con il papà, in quella stessa casa dove era nata, le sorelle si erano sposate e lei portava il fardello di una gestione casalinga che non desiderava affatto. Tra lei e il papà , si era subito instaurato un rapporto di odio-amore irrisolvibile. Le cose peggiorarono quando il papà andò in pensione, la sua presenza fissa in casa, era diventata per Rorò, un peso insostenibile. In aiuto di Rorò, c'era la sua vicina, da sempre amica della famiglia, rappresentava un piccolo porto dove rifugiarsi dopo una burrasca. Fu proprio grazie ai consigli della vicina, che un giorno il papà comunicò a tutta la famiglia, che avrebbe costruito il balcone, essendo l'ultimo piano, in estate faceva davvero molto caldo, e avendo deciso che non sarebbe mai andato più in vacanza da nessuna parte, voleva creare un posto dove stare all'aria aperta, pur rimanendo vicino ai suoi ricordi più cari. Nella prima settimana del settembre 1992, cominciarono i lavori. Come sempre accade ,le previsioni dei tempi di realizzo furono sbagliate, e le due settimane preventivate diventarono due mesi. Finalmente a fine ottobre, gli operai lasciarono l'appartamento . Rorò ricorda di aver notato riaccendersi una piccola scintilla negli occhi di suo padre, quando prese possesso della sua creazione. 

Ma tutte le cose belle, sono destinate a durare poco. Nel dicembre di quello stesso anno, il papà di Rorò, raggiunse la sua amata.

Rimasta da sola , Rorò inizia una vita da single vera e propria, a volte divertente, a volte sregolata, a volte costruttiva , a volte no. La casa, piano piano l'aveva trasformata e personalizzata, ma il balcone era l'unico posto dove proprio non riusciva ad andare, perfino il bucato preferiva farlo asciugare sullo stendino, pur di non valicare la soglia della porta finestra. 

Oggi Rorò è sposata, ha due figli meravigliosi e ha finalmente superato il blocco che le impediva di utilizzare quello spazio all'aria aperta, che era stata una creatura di suo padre , e proprio in suo onore, Rorò sta costruendo una piccola serra, dove far crescere le stesse piante che avrebbe voluto coltivare il suo papà.

Rorò.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

cassetta2Cherrysldaunfioreodio_via_col_ventojackone0scrittocolpevolekeepty67lubopoSEMPLICE.E.DOLCEpoverella.meaishalunaMarquisDeLaPhoenixsolemar_72prassiosergio64dgl
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963