Un blog creato da LadyMetal81 il 17/01/2008

Detto tra noi...

Pensieri volanti, magari inconcludenti

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Per il mio Signore e Amore.Quanto cambia la vita in... »

Sai che c' di nuovo?! Oggi ho deciso di sorridere nonostante gli imprevisti :D

Post n°71 pubblicato il 13 Novembre 2010 da LadyMetal81

- A ci no ghe piase el vin el Signor ghe cava l'aqua (Dio tolga l’acqua a chi non piace il vino)
- A torghene e no metarghene, ogni mucio cala (togliendo senza mettere, ogni mucchio cala)
- Al vento e ale done no se comanda (al vento e alle donne non si danno ordini)
- Amor, tosse e pansa no i se sconde (amore, tosse e pancia non si possono nascondere)
- Ani e goti mai contarli (gli anni e i bicchieri non si contano mai)
- A san Bartolomio, ogni fruto l’è compío (il giorno di san Bartolomeo, ogni frutto è maturo)
- A santa Toscana se maura l'ua Iuliana (a santa Toscana si matura l’uva Giuliana)
- A san Pelegrin, poca pàja e poco vin  (il giorno di san Pellegrino, poca paglia e poco vino)
- A Setèmbre se destàca tuto quel che pende (in settembre si stacca tutto quello che pende)
- A tòla no se vièn vèci (a tavola non si diventa vecchi)
- A trincar sensa misura, molto tempo no se dura (bevendo troppo non si dura a lungo)
- Avanti col Cristo che la processiòn l'è longa (avanti con il Cristo, che la processione è lunga)
- Beati i ultimi, se i primi gh'à creànsa (beati gli ultimi, se i primi hanno rispetto)
- Caval bianco e bela mojèr, da sempre pensier (cavallo bianco e bella moglie danno pensieri)
- Cése e ospedài, no i falisse mai (chiese e ospedali, non falliscono mai)
- Che la piasa, che la tasa e che la staga in casa (che piaccia, taccia e stia in casa (la moglie)
- Ci dise dona dise dano (chi dice donna, dice danno)
- Ci dise sposa dise spesa (chi dice sposa, dice spesa)
- Ci dispreza conpra (chi disprezza poi acquista)
- Ci g'a 'na bela mojèr no l'è tuta soa (chi ha una bella moglie, non è tutta sua)
- Ci magna da solo, el crepa solo (chi mangia da solo, muore da solo)
- Ci mal capisse péso risponde (chi male intende, peggio risponde)
- Ci massa se cucia mostra el cul (piegandosi troppo, si mostra il sedere)
- Ci no è bon de far, insegna (chi non sa fare, insegna (agli altri)
- Ci no g'à fame o l'è malà o l'a magnà (chi non ha fame è ammalato oppure ha mangiato)
- Ci laora gh'à na camisa e ci no laora do (chi lavora ha una camicia, chi non lavora due)
- Ci non g'à testa, g'à bone gambe (chi non ha testa, ha gambe buone)
- Ci rispèto vòl, rispèto pòrta (chi vuol’essere rispettatto deve rispettare)
- Ci se ama, se ròsega (chi si ama, si rode)
- Ci varda la luna casca in tel fosso (chi guarda la luna, cade nel fosso)
- Ci vol vaga, ci no vòl manda (chi vuole vada, chi non vuole mandi)
- Ci sbaja de testa paga de scarsela (chi sbaglia con la testa paga con la tasca)
- Con la pansa piena se rajona mèjo (con la pancia piena si ragiona meglio)
- Con le ciàcole no se inpasta fritole (con le parole non si preparano frittelle)
- Con l'età, l'omo fa pansa, la dona stomego (con l’età l’uomo fa pancia, la donna stomaco)
- Contro el cul, rason non conta (contro la fortuna, la ragione non serve)
- Contro Dio no se pol andar (non si può andare contro Dio (e i potenti)
- Costa pì on vìssio che diése fioi (costa più un vizio che dieci figli)
- Da 'n musso no se pol spetarse che peade (da un mulo bisogna aspettarsi solo pedate)
- De note leòni e de giorno còjoni (leoni di notte e scemi di giorno)
- De note tute le vache jè more (di notte tutte le mucche sono brune)
- De Setembre, dei fruti ghe n’è sempre (in settembre ci sono sempre frutti)
- Do omeni i ciàcola, tre done le fa mercà (due uomini parlano, tre donne fanno un mercato)
- Dopo on ano, on mese e on dì, so ci te si (dopo un anno, un mese e un giorno, so chi sei)
- Dopo siè giorni s'ha riposà anca 'l Signor (dopo sei giorni ha riposato anche Dio)
- El can de tanti paroni, el more de fame (il cane di tanti padroni, muore di fame)
- El costa come 'na pipa de tabaco (non costa nulla ...come una tirata di tabacco)
- El diaolo el fa le pignate ma no i quercioli (il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi)
- El fero el va batùdo fin che l'è caldo (il ferro dev’essere battuto quando è caldo)
- El formaio pì bon l'è quel tacà la grosta (il formaggio migliore è quello vicino alla crosta)
- El gato sul fogolar l'è segno de miseria (il gatto sul fornello è segno di miseria)
- El laoro nobilita l'omo, ma lo fa simile a 'na bestia (il lavoro nobilita, ma ci rende animali)
- El lèto l'è el paradiso dei poaréti (il letto è il paradiso dei poveri)
- El va indrìo come un gàmbaro (va’ indietro come fanno i gamberi)
- El vin de casa no imbriàga (il vino bevuto a casa non ubriaca)
- El vin l’è bon vecio, ma le done zòene (il vino è buono vecchio, ma le donne giovani)
- El vin l'è el late dei vèci (il vino è il latte dei vecchi)
- El più bon dei rossi, l'à copà so pare (il più buono dei rossi, ha ucciso suo padre)
- Fiòi e nissòi, no ìè mai massa (figli e lenzuola, non sono mai troppi)
- Fiole da maridar, ossi duri da rosegar (le figlie da sposare sono ossi duri da rodere)
- Fin che dura i schei, i amiçi no i manca (fin che ci sono soldi, gli amici non mancano)
- Fin che ghe pan in convento, frati no manca (se c’è pane in convento, i frati non mancano)
- Fogo de paja e troto de vecia dura poco (fuoco di paglia e corsa di vecchia, durano poco)
- Fora el dente fora el dolòr (fuori il dente, fouri il dolore)
- Fumo e dona cativa fa scapar l'omo de casa (fumo e donna cattiva fanno scappare l’uomo)
- I cojoni dei cani e i schei dei puareti jè i primi isti (... e soldi dei poveri si vedono subito)
- I fasoi jè la carne dei poareti (i fagioli sono la carne dei poveri)
- I fioi i vien dal cor e 'l marì da la porta (i figli vengono dal cuore, il marito dalla porta)
- Impara l'arte e metela da parte (impara un mestiere e tienilo a mente)
- I schei vien de passo e i va al galopo (i soldi arrivano camminando e vanno via correndo)
- La neve dicembrina, la ven zò come la farina (la neve dicembrina, scende come la farina)
- L'è l'ultimo goto quel che imbriaga (è l’ultimo bicchiere quello che ubriaca)
- L'è mèjo 'n "to" che çento "te darò" (è meglio un “tieni” che cento “ti darò”)
- L’è péso che andar de note (è peggio che muoversi di notte)
- L'Epifanìa tute le feste la porta vìa (l’epifania tutte le feste si porta via)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elisa.companyandidadapaolafrancesca.85IL.DUCA1francpolitano43beabeabea2avvDanielaEspositosogno6365xpannaxpietro.audidelyryanilsalo80caterinasidotiIlTuoLukaermanno_claypool
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom