Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
cruelangelsneopensionatamonellaccio19woodenshiporanginellariccidoratie_d_e_l_w_e_i_s_sSchiavodiunRicordomariateresa.savinoQuartoProvvisoriolalieno_2016Coralie.frgiuliano.alunni4margiomalascrivana
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

 
Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

 

 
« UNA DONNA,UNA FIGLIA,UNA MADREGELATINA IN SALI D'ARGE... »

SUA ECCELLENZA ALFIERI:VOLLI LA MUSICA DELL'ANIMA

Post n°315 pubblicato il 22 Giugno 2020 da gabbiano642014
 

Correva l'anno 1749,

sua Eccellenza il nobile Vittorio Amedeo Alfieri

nei "tre respiri" scelse la letteratura come spazio creativo.

La ricerca di libertà di pensiero di tutti i popoli in decadenza è

il potere assoluto nella lettera a Ranieri de Casalbigi:

"Vòlli,e vòlli sempre, e fortissimamente vòlli"

Vòlli è la potenza,ma la risorsa nelle sue sfumature assurde è

la tentazione nell'odio, nella violenza,nel possesso.

Vòlli nel contesto religioso è il più astuto degli animali

selvatici nell'Eden.


Nel contenuto profondo del Vòlli, osserva il panorama

dal più bel castello del Roero,dei nobili Alfieri.

Homo sapiens, non dimenticare mai che "Vòlli" era quello che non

potevi fare a meno al tempo del Covid

la libertà,la natura,la tua famiglia,i tuoi affetti più cari.

P.F.


Buona settimana

22/06/2020

Photo#Castello Magliano Alfieri#


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/MAPPAMUNDI/trackback.php?msg=15014951

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
gianor1
gianor1 il 22/06/20 alle 14:18 via WEB
Il libero arbitrio Ŕ condizione essenziale di alcuni principi primari di noi esseri umani, quali consapevolezza e autodecisionismo. Ma, come personalmente ritengo , che il principio di libertÓ si esplica interamente solo in collegamento e in rapporto con quello di volontÓ ossia come valore primario sulle nostre azioni, allora l'approffondimento significativo del lemma ôvolontÓö Ŕ determinato in modo essenziale non solo nell' etica ma anche in tutte quelle discipline, quali in particolare il diritto e la politica, che non possono fare a meno di determinare quali siano le condizioni per giudicare qualcuno responsabile o capace di responsabilitÓ. Il periodo negativo che abbiamo attraversato, dimostra che in qusta facoltÓ gli uomini che esercitano la politica sono stati carenti, forse anche irresponsabili. Mentre la classe medica in generale ha mostrato competenza valoriale. A si biri cun saludi. Gian
 
g1b9
g1b9 il 22/06/20 alle 15:34 via WEB
Il "volli"di Alfieri ,riletto ai tempi nostri, si mostra ,agli occhi della mente, come l'ultima espressione di questa nostra libertÓ, giÓ molto scarsa, riduttiva nei contenuti, e credo irrimediabilmente compromessa dal Covid 19, vero o falso che sia tutto l'ambaradan nato attorno ad esso. E' innegabile come sia stato lo strumento di comodo per molti governi, ai quali ha allungato la vita, imbavagliando le opposizioni, dovunque incominciassero a diventare molto scomode. Il volli Ŕ quella forza che ti fa legare al tavolo, come faceva il giovane Vittorio per non abbandonarsi alle distrazioni, una illusione di piccolo potere, che ognuno di noi pensa di riuscire a mettere in atto per ottenere qualcosa... ma come il Covid ha dimostrato, la forza dell'uomo comune Ŕ inesistente, quando il condizionamento mentale Ŕ cosý facile! Ciao Patty, un abbraccio:) Giovanna
 
licsi35pe
licsi35pe il 22/06/20 alle 16:23 via WEB
Dopo aver letto con grande interesse il tuo post e i commenti di Gian e di Giovanna...mi vergogno del mio pensierino di alunna di V░ elementare...ti lascio, per˛ il mio sincero saluto e un sorriso...licia
 
monellaccio19
monellaccio19 il 22/06/20 alle 17:07 via WEB
E chi se lo scorda il maledetto Vittorio legato alla sedia: "Polli, sempre polli, fortissimamente polli!!!!". Forse non ricordo bene.....ma.......ahahahahah!!!!! Buona serata Patty.
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 23/06/20 alle 12:15 via WEB
Perennemente in lotta con se stesso, spesso malinconico ma talvolta sereno, a volte si considera un eroe, altre volte un vile. Il nostro pi¨ grande scrittore e poeta tragico del settecento. La sua forza correlata e affiancata al covid, ci sta tutta...eccome!!! Salute a te Patty.
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 22/06/20 alle 18:28 via WEB
Nel *v˛lli sempre v˛lli fortissimamente v˛lli" c'Ŕ la massima espressione del libero arbitrio. Della capacitÓ di scegliere liberi ma anche di tenere a mente che la *mia* libertÓ finisce dove comincia la *tua*. Un sorriso Patty :)
 
occhi_digatta
occhi_digatta il 22/06/20 alle 18:31 via WEB
.....Mia cara Patty leggo con piacere il tuo post ma ahimŔ non sempre conosco questi capolavori. Un abbraccio
 
lascrivana
lascrivana il 23/06/20 alle 07:34 via WEB
E io volli con tutta me stessa sabotare le circostanze. La mia gioia non deve essere da meno di chi possiede ci˛ che io desidero; e allora ho imparato ad apprezzare quello che ho. Ciao Cara Patty
 
woodenship
woodenship il 25/06/20 alle 04:38 via WEB
ChissÓ perchŔ quest'uso ed interpretazione del "v˛lli"mi ricorda moltissimo un tale Odisseo,al momento di fare visita alle sirene, quando decise di opporre la propria volontÓ a quella delle sirene suadenti ed incantatrici. Anch'egli, come l'Alfieri, ricorre all'espediente di farsi legare. Un espediente, questo, in grado di esprimere il livello di sofferenza che l'essere umano pu˛ raggiungere nella determinazione a raggiungere la consapevolezza di una razionalitÓ che l'aiuti a diventare scienza. E'proprio nel motto dell'Alfieri, come nell'astuzia di Ulisse, il grande afflato dell'uomo che rifugge la superstizione per approdare alla modernitÓ. Una modernitÓ che, in Alfieri e nelle sue tragedie, riaffiora in Dei delitti e delle pene, dove il"v˛lli"diventa umanitÓ che si riconosce, come tale, dal momento che cerca di commisurare il delitto alla pena, rigettando la vendetta e l'inutile crudeltÓ del sistema nei confronti dell'individuo.Dunque,lo stratagemma dell'esser legati, in un certo senso non Ŕ tanto e soltanto un rifarsi alla volontÓ dell'individuo, bensý una metafora di come l'uomo debba esser pronto ad andare anche contro i sentimenti e la visceralitÓ, nel tentativo di raggiungere quell'imparzialitÓ che ne faccia giudice accorto, imparziale e persona civile. Peccato che all'oggi, sotto la spinta di populismi, giustizialismi, sovranismi e quant'altro di folle, si va materializzando una forma di medioevo prossimo futuro che, beffardamente, sta facendo precipitare nell'obsolescenza i prinicipi alti dell'Alfieri. Ma anche quello rappresentato dalla storia di Ulisse e le sirene. L'uomo, all'oggi, sembra sempre pi¨ catturato dalle sirene che gli prospettano un mondo che non esiste, se non nelle menti interessate di alcuni che si affidano proprio a queste sirene, per fare i propri sporchi interessi.......Un bacio scintillante di stelle......W......
 
 
woodenship
woodenship il 25/06/20 alle 15:01 via WEB
Mia cara gabbiano, 'stanotte, nello scrivere il commento, un po' per la stanchezza, un po' per il mezzo, c'Ŕ stato un mezzo disastro per cui ho perso parte dello scritto, in cui figurava anche Cesare Beccaria autore del Dei delitti e delle pene. Poco male, si potrebbe anche dire, non fosse che, rileggendo il commento, pare che questa opera venga attribuita all' Alfieri. Cosa piuttosto ingiusta dal lato umano profondamente sbagliata sul piano storico e Letterario. Ma Ŕ che il mio discorso verteva pi¨ in generale sull'illuminismo italiano di cui, Alfieri e Beccaria, sono tra i massimi esponenti, per ricollegarsi a quella linea di pensiero che ha posto l'Italia all'avanguardia sulla via della civiltÓ. Una via che nell'arco dei secoli ha prodotto un corpo giuridico di leggi che hanno fatto avanzare la societÓ mondiale sul terreno dei diritti umani e del cittadino. ╚ in questo ambito che inquadro quel"volli... ", ovvero come volontÓ di superamento di uno stato arcaico per giungere ad uno stato dei diritti moderno. ...... Un pomeriggio sereno......
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.