Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
divinacreatura59e_d_e_l_w_e_i_s_smonellaccio19gianor1mariateresa.savinoTerzo_Blog.Giusgabri02010ba.vi60licsi35peneopensionataNuvola_volanina.monamourdenisamariutei97mainer
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

Messaggi di Aprile 2019

 

VIVERE A PARNASO NEL TEMPIO DI APOLLO

Post n°286 pubblicato il 17 Aprile 2019 da gabbiano642014
 

 

 

  TEMPIO DI APOLLO - DELFI -

Esplorare l'ignoto in quel" virtute e canoscenza" è andare a Delfi,

nel tempo di Apollo.

Nel pensiero antico dell'ombelico del mondo ,dove si interrogavano

gli oracoli compare la  scritta "Conosci te stesso",la locuzione latina

che nel pensiero contiene le verità del mondo.

Nell'antichità non si tergiversava nella comunicazione,il culto degli

antichi prevedeva la brevità nelle domande, in quel

conosci te stesso affiora la frase analizzata in ogni tempo da psicologi,

teologi,politici,scienziati,religiosi:

"Il Nulla di Troppo".

Il Nulla sono le illusioni che si formano nei meandri dell'animo.

Il Troppo è nel contrario,l'ambito della conoscenza.

Nel Nulla a volte ci si perde,nel nero del dolore della morte,

della superficialità,dei fantomatici sentimenti.

Nel Troppo si apre la strada nella nuova Bellezza di conoscenza

di Delfi, quello specchio di mare che non contiene

nessun fine,ma permette di vedere con una nuova ottica

l'immenso panorama politico, sociale,personale.

Il "Nulla di Troppo" non appartiene al passato di Ulisse,

è il linguaggio comune di tutti i giorni nel comprendere.

Il comprendere, prendendoci cura di noi riflette tutto quello

che circonda e ha la capacità di modificare l'intera vita,

non nel sopravvivere ma nel Vivere.


Dal tempio di Apollo i migliori auguri di Buona Pasqua

a tutti Voi!


Fonte:Divina Commedia  Inferno -Canto XXVI

          Enciclopedia Treccani - Delfi