Creato da gabbiano642014 il 15/01/2015
Cultura,tempo libero,collegamenti occasionali
 

Area personale

 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
woodenshipe_d_e_l_w_e_i_s_smonellaccio19gabbiano642014massimocoppaandrea.papaandreaocergipquartararocinziaedilcabercalonicoTupazigianor1Marchetti.CristianoProf_Luigi_Oreficeg1b9
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo  blog non rappresenta

una testata giornalistica,

non ha scopo di lucro.

Alcune foto e testi del Blog

sono state reperite dal web.

Qualora fosse stato violato

il diritto di copyright prego

di darmene avviso,per la

rimozione immediata.

 

SHINYSTAT

 
 
 

Messaggi del 29/06/2020

 

GELATINA IN SALI D'ARGENTO:FIGLIUOL FU IO D'UN BECCAIO

Nino Migliori - Beccheria 1956
Gelatina in sali d'argento su carta vintage


Mito e Passione è la Mostra fotografica presso Il Centro Italiano per

la Fotografia,grazie al collezionista d'arte Guido Bertero che dal

1970 ad oggi ha raccolto duemila stampe.


Nel Mito e Passione delle 200 foto esposte, legame unico del

potere delle immagini tra la passione e il dato dell'arte del tempo,

ho scelto la "Beccheria 1956" del fotografo Nino Migliori.

In quel "beccheria" l'immagine ci proietta all'indietro, quello sguardo

della nostra intera storia,il declino della nuova era nelle tante

rappresentazioni dell'odierno.


Il potere simbolico delle immagini si trasforma "reale" nel modello

di incontro, di usi e costumi ,che a volte ci appare incomprensibile.

Nei tempi moderni ,molto spesso è proprio la fotografia nella dimensione

estetica che determina il vuoto della dimensione di opere d'arte della

storia di tutti i popoli.

Quello che viene a mancare nei secoli della ragione è l'immagine

nel significato della sua rappresentazione, quel palcoscenico reale.

La memoria è proprio in quella scritta del passato, un vasto

collettivo non solo delle singole vite, ma intere generazioni, il silenzio

che si concretizza nelle cicatrici, nelle ferite delle guerre, nel

potere industriale.

Il passato non cambia il presente ,ma è la presenza del passato

che è la chiave di vita del presente.

P.F.


29/06/2020


Buona settimana