Creato da: BROWSERIK il 29/05/2009
Frustrazione ciibernetica

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

Gigitortorgabriellacitro.cgstacchificio.sirepoetanmalejandratabernafed871nico.mirandaemilytorn82bongiovifilippo2014pachiscoharmony0NIKO665miss.martina67armandodirienzomarco_chianale
 

Ultimi commenti

Chi puņ scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Lo SfidantePetizione contro MES/ESM... »

CREATIVITY

Post n°281 pubblicato il 22 Luglio 2012 da BROWSERIK
 

 

ghyLo scorso marzo Douglas Hofstadter ha mandato al gruppone dei suoi amici-di-studi una mail dal titolo “some rubbish about creativity, courtesy of the WSJ”, il cui testo conteneva solamente il link a questo articolo di Jonah Lehrer, dal titolo “How To Be Creative”.

Hofstadter non è che mandi mail a ogni piè sospinto, e così molti gli hanno risposto, chi dicendosi d’accordo con lui (per esempio Melanie Mitchell e in parte Scott Kim) e chi come Daniel Dennett si è invece messo ad argomentare in maniera differente, probabilmente per divertirsi a vedere la reazione.

Doug ha radunato le risposte, ha aggiunto le sue controdeduzioni a Dennett, e la storia è finita qui, tranne un post scriptum quando un mese dopo ci ha spedito un link a un articolo del Guardian che faceva una recensione non proprio positiva (“a scathing review”, scriveva Hofstadter) del libro di Lehrer. In effetti il suo articolo nel Wall Street Journal era più che altro una automarchetta per il libro Imagine che Lehrer aveva scritto. Ok, saranno trent’anni che Hofstadter studia la creatività, spesso con idee non esattamente mainstream; e in seguito ho scoperto che nel mondo accademico ed editoriale Lehrer ha dei giudizi diciamo non sempre entusiastici.

Ma quello che aveva scritto è tutto da buttare? E cos’è effettivamente la creatività? (Ve lo dico subito: la risposta a questa domanda io non la so mica)

Inizio dal fondo. I “10 Quick Creativity Hacks” dell’articolo si possono tralasciare senza rimorso alcuno, a meno che pensiate davvero che si sia più creativi in una stanza dalle pareti azzurre o con una scatola al vostro fianco.

Frasi come “pensare come un bambino” non significano naturalmente nulla all’atto pratico; gli unici due consigli di un qualche valore sono “pensare generico” e “girare per il mondo”. Nel primo caso, usare termini generici invece che specialistici per descrivere un problema possono far venire alla mente immagini non-standard; per l’altro, se uno si abitua a vedere come altra gente ha risolto le piccole cose della vita e a pensare alla differenza col “modo in cui noi si è sempre fatto” riuscirà ad affrancarsi dalla dittatura del pensiero unico… e questo mi sa sia soprattutto un consiglio utile per gli americani, o forse tutto il decalogo è pensato per chi vive dall’altra parte dell’oceano.

hju

Scott Kim, ma anche Douglas Hofstadter, si dilettano a disegnare ambigrammi, come questa scritta. Ci vuole certamente creatività per riuscire a creare qualcosa del genere, no?(immagine di deichgnu, da flickr)

Per il resto dell’articolo, a parte le questioni di neurologia per le quali cui mi fido sulla parola ma che tanto non portano certo a risultati pratici – diciamocelo: è tanto bello sapere che nel flash di creatività le circonvoluzioni temporali anteriori superiori mostrano un picco di attività, ma non credo che sia possibile stimolarle chimicamente, elettricamente o in un qualunque altro modo e diventare creativi – la prima tesi di fondo di Lehrer è che chiunque può essere creativo. Gli esempi portati sono più o meno noti.

L’ingegnere della 3M Arthur Fry, dopo sentendo un collega che stava cercando di sviluppare una colla superpotente e si era trovato tra le mani una colla debolissima, l’ha riciclata per inventare i Post-It™; e l’idea (posso dire “l’ispirazione”?) gli è venuta in chiesa. Milton Glaser modificò la sua idea originale di maglietta con la scritta “I Love New York” facendola diventare “I ♥ New York” mentre era in un taxi bloccato nel bel mezzo di un ingorgo; uno si chiede se quello fosse un amore masochista, ma lasciamo perdere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog