Creato da: Merube il 27/07/2014
Diafisario

Area personale

 

Ultimi commenti

 

 

 
« diafiṡàrio 2diafiṡàrio 4 »

diafiṡÓrio 3

Post n°3 pubblicato il 08 Febbraio 2015 da Merube

 

Ed ora, non dalla cappa dell'empireo, ma dal celeste del tetto, che pressa, una sera come inventata, la sera riagguanta le ossa laide e rachitiche delle parole e se ne va in quel paesaggio forellato delle cose che permangono. Con linguaggio dicèrto da lastricare mostro ora spalle impolverate che scrollo dall'ossuto incastro, insorgente odo il carrucolarsi della realtà, giù come un deus ex machina, col trapestìo desolato e giunto, uno sfiato rugghia del corpo quella eloquentia delicata al tatto e cedevole degli spazi che hinc ad hōram non risiedi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog