Creato da: Merube il 27/07/2014
Diafisario

Area personale

 

Ultimi commenti

 

 

 
« diafiṡàrio 1diafiṡàrio 3 »

diafiṡÓrio 2

Post n°2 pubblicato il 31 Agosto 2014 da Merube


Lo scenario di un segno omesso mi allibisce. Per tentare di vederlo mi aggetto in avanti, ma per quanto io mi sforzi, manca con continuità ininterrotta all'appello. Così lascio che i giorni si spostino rapidamente e come pioggia una goccia dopo l'altra sdrucciolino sulle spalle nude ad agosto fino a rendermi conto che la trasparenza dei gesti, delle opportunità e dei confini, nell'-estesìa doloroso degli attimi, diventa fondamentale tanto quanto l'inaspettata intimità con me stessa.

Conditio-onis come il principio più solido a cui potermi sorreggere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Merube/trackback.php?msg=12937805

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
putt0
putt0 il 31/08/14 alle 14:14 via WEB
m'Ŕ piaciuto da matti !!!! ... forte :-)
(Rispondi)
 
Parsifal_62
Parsifal_62 il 31/08/14 alle 22:43 via WEB
O i giorni scorrono veloci.. o noi attendiamo spasmosi i segni. Magari.. se non attendessimo i segni, i giorni scorrerebbero pi¨ lentamente.. Ummm??? non ci credo poi tanto neanch'io .. Serena notte.. Parsi..
(Rispondi)
 
call.me.Ishmael
call.me.Ishmael il 01/09/14 alle 17:37 via WEB
Si oscilla e si vibra. In questo post si attende e ci si espone. E le goccioline nude sulla pelle glabra disegnano un papiro con la mappa di remoti confini.
(Rispondi)
 
ottimistasempreecomu
ottimistasempreecomu il 02/09/14 alle 09:38 via WEB
Inutile tentar di vedere qualcosa che Ŕ omesso in origine... molto meglio immaginarlo, a mio parere!! Serena vita!
(Rispondi)
 
PerturbabiIe
PerturbabiIe il 03/09/14 alle 12:10 via WEB
un cieco mi sorprese ad osservare
come avesse lo sguardo rovesciato
e capii che lasciandolo passare
sarebbe stato tutto inaspettato

l'omissione allibisce e mi si appella
come l'acqua che riempie le grondaie
una mondina zoppa con la sua stampella
sorride nella pioggia alle risaie

[ciao]
(Rispondi)
 
Essayer
Essayer il 07/09/14 alle 22:25 via WEB
Omesso Ŕ pi¨ di invisibile, Ŕ una deliberata scelta d'assenza. Inutile cercarne un graffio, il panorama non trattiene. Conditio-onis sottile inserimento, denota un'attenta scelta delle parole, elegantemente maniacale. Complimenti Merube.
(Rispondi)
 
GianFrusaglia
GianFrusaglia il 09/09/14 alle 18:20 via WEB
bellamente complesso nel suo dispiegarsi, forse attorcigliandosi un po' oltre.... buona serata
(Rispondi)
 
loscrittoremascherat
loscrittoremascherat il 13/09/14 alle 09:01 via WEB
L'intimitÓ con se stessi a volte Ŕ poco sopportabile :-)
(Rispondi)
 
dominjus
dominjus il 28/09/14 alle 11:31 via WEB
io credo invece che 'l'autointimitÓ sia la base da cui partire e su cui costruirci o ricostruirci. per dolorosa o scomoda che sia Ŕ conditio sine qua non, pena l'alienazione dell'essere.
(Rispondi)
 
hard_bone
hard_bone il 18/02/15 alle 06:51 via WEB
Bella. H_B
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.