**TEST**
Creato da archetypon il 03/08/2005

Ombre di Luce

Davanti a me fluttua un'immagine, uomo o ombra, più ombra che uomo, più immagine che ombra. (W.B. Yeats)

 

« etica del male... »

t'amo, che t'importa

Post n°929 pubblicato il 11 Gennaio 2010 da archetypon
 

L'affetto assomiglia a una creatività, mentre l'essere amato a una passività. Perciò l'amare, e ciò che concerne l'amicizia, conseguono a chi è superiore nell'azione.

Aristotele, Etica Nicomachea, ix, 7


[Potrò arrogarmi questo "diritto"? Che le mie passioni, qui ragionate - le ragioni delle passioni o le passioni di una ragione? - che evocano amore, affetto, amicizia, insomma ponti, communio, tra i precipizi umani, sono ciò che mi fanno superiore nell'azione? Eppure, caro Stagirita, io non ho percezione di un qualche vantaggio, poiché, al tempo d'oggi, buffo appare colui che ama, buffo nell'azione istituita al di fuori di un consorzio umano che ha attese certe, pre-tende azioni sicure - aspettative normalizzanti - buffo proprio in quei modi che segnali creativi e che vorresti essere più con-vincenti nell'azione, ma che sembrano più nessuna utilità danno quando si porgono, insieme al proprio desiderio, all'altrui cuore. Toccherà dare ancora ragione al grande Goethe: e se io t'amo, a te che importa?]

 

 

Commenti al Post:
Red_Lady
Red_Lady il 11/01/10 alle 07:59 via WEB
Già: e invece gliene importa a quasi tutt*...-)
 
atisha0
atisha0 il 11/01/10 alle 08:11 via WEB
Ama, dona e basta... del resto che t'importa? :)
 
electra1900
electra1900 il 11/01/10 alle 08:48 via WEB
:) Bari sapendo di barare , la superiorità dell'agire non è legata ad un concetto di utilità (con.) vincente o vantaggiosa. Si agisce su livelli superiori , talvolta non consola ma sono gli unici possibili per alcuni cuori.
 
 
archetypon
archetypon il 11/01/10 alle 14:36 via WEB
...
 
Framment.Aria
Framment.Aria il 11/01/10 alle 08:57 via WEB
se poi chi ami t'ama, c'è una superiorità pari :)
e comunque a me importa... certo, se non ti volessi bene no, non m'importerebbe, credo. forse. ma anche sì.
buffo, sì. appare chi ama senz'essere amato. appare buffo a se stesso.
 
fiera.selvaggia
fiera.selvaggia il 11/01/10 alle 14:23 via WEB
L'Amore è "utile" solo a se stesso pertanto "in-utile" ovunque non sia riconosciuto... (a volte mi perdo nei miei concetti... pazienza) :-)
 
 
archetypon
archetypon il 11/01/10 alle 14:36 via WEB
...
 
luna.isola
luna.isola il 11/01/10 alle 19:25 via WEB
Si vorrebbe amare sempre... anche senza essere ricambiati... ma c'è l'ostacolo del non sapere se questo amore reca il classico senso di fastidio nell'altra persona, tipico del sentimento non richiesto che comunque conferisce alcune responsabilità psicologiche (ecco che ce lo teniamo per noi, senza renderne nota la "presenza").. IO sono daccordo sulla creatività dell'amore donato come gesto attivo e non passivo... e sono più propensa a donare questo amore tramite poesie, canzoni, pensieri... senza necessariamente dichiararlo "apertis verbi". Ma sognarlo. Farlo sognare.... MCM
 
PSICOALCHIMIE
PSICOALCHIMIE il 13/01/10 alle 00:04 via WEB
mi piace molto il tuo post, mi piace molto il tema dell'amore-azione creativa-fallimentare... coraggio di sfigurare e di sfigurarsi...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

AVVERTENZE

Leggerete in trenta secondi;
poi torneremo al silenzio.

I testi in corsivo sono citazioni.

Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Checker

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

iltuocognatino1cassetta2otavianRoberta_dgl8mauriziocamagnavolami_nel_cuore33moon_Igaza64femmina.ludicasofya_mdaunfiorearchetypongryllo73letizia_arcuri
 

ULTIMI COMMENTI

CIÒ CHE ORA LEGGO

A MEMORIA

Si può mancare non solo la propria felicità, ma anche la propria colpa decisiva senza la quale un uomo non raggiunge mai la propria totalità.

- C.G. Jung
 -


Quando uno ha avuto una volta la fortuna di amare intensamente, passa la vita a cercare di nuovo quell'ardore e quella luce.

- A. Camus -



Il serpente aveva appena guardato quella venerabile immagine quando il re prese a parlare e domandò: «Da dove vieni?». «Dai crepacci in cui abita l'oro» rispose il serpente. «Che cosa è più stupendo dell'oro?» domandò il re. «La luce» rispose il serpente. «Che cosa è più vivificante della luce?» domandò il primo. «Il dialogo» rispose il secondo.

- Goethe -


Quando devi scegliere tra due cammini, chiediti quale abbia un cuore. Chi sceglie il cammino del cuore non sbaglia mai.
- Popol Vuh -

 

Chiunque prende la strada sicura è come se fosse morto.

- C.G. Jung -

 

Nel coltivare se stessi non esiste la parola "fine". Chi si ritiene completo, in realtà, ha voltato le spalle alla Via.

- Yamamoto Tsunetomo -


La vita, per compiersi, ha bisogno non della perfezione ma della completezza. Di questa fa parte "la spina nella carne", la tolleranza all'imperfezione, senza la quale non c'è né progresso né ascesa.

- C. G. Jung -


Un uomo che dubiti del suo proprio amore può, o meglio deve dubitare di qualsiasi altra cosa meno importante.

- S. Freud -

 

Io sono, più di ogni altra cosa, quel che non sono riuscito a compiere. La più vera delle vite che indosso, come un fascio di serpenti annodato a un'estremità, è la vita non vissuta. Sono un uomo che ha vissuto immensamente. E che nella stessa misura non ha vissuto.

- V. Vosganian -


Tutto ciò che teniamo dentro di noi senza viverlo cresce contro di noi.

- M.L. von Franz -


E poi ti voglio bene, nel tempo e nel freddo.

- Julio Cortàzar -

 

TWITTER

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 182
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova