Un blog creato da piccola23 il 16/01/2012

Pensieri e Parole

Perchè scrivi solo cose tristi? Perchè quando sono felice esco.

 
 
 
 
 
 

Vivo soprattutto in

quello che non ho.

(D.G.)

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

È stupido cercare di spiegare (e tuttavia non riesco a smettere), ma è sempre così per me. In qualche punto, molto vicino, si accumula qualcosa – o qualcuno – che implora di esplodere, soffocherà non trovando uno sfogo e, anche se non mi è assolutamente chiaro cosa – o chi – sia, capisco perfettamente il suo bisogno di erompere, sento chiaramente il suo grido soffocato.

(D.G.)

 
 
 
 
 
 
 

Il tempo che ti piace buttare non è buttato.

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

È il segreto che ti sussurro all'orecchio già da un mese: noi due non siamo vivi! Voglio dire, non in un luogo in cui vigono le leggi ordinarie che regolano i rapporti tra le persone, tantomeno tra uomo e donna. Dove siamo, allora? Non m'interessa saper dove, perché dargli un nome? Sarebbero comunque nomi "loro", nomi tradotti, e con te voglio una costituzione diversa di cui saremo noi a fissare le leggi.

(D.G.)

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« PessoaCome se l'avessi scritto io. »

Ci siamo

Post n°338 pubblicato il 02 Dicembre 2020 da piccola23

 

Arriva il momento in cui bisogna necessariamente lasciare andare. Mollare la presa. Prendere le distanze da qualcosa che non puoi cambiare e che non riesci ad accettare come tuo. E questo succede quando arriva la consapevolezza, o meglio, quando accetti la consapevolezza del fatto che non si può pretendere di essere la priorità di qualcuno. Una priorità lo sei o non lo sei, è stupido anche solo discutere su questa cosa. Magari lo lo sei stata per un po’ e umanamente ti eri abituata a quella condizione, e diciamo la verità, ti piaceva anche un po’, in fondo quale ego non si sentirebbe nutrito da attenzioni continue? Ma le cose cambiano velocemente e spesso senza un reale motivo, quello che ha funzionato splendidamente per un periodo più o meno lungo all’improvviso si inceppa e non ne vuole sapere di tornare alle stesse prestazioni di prima. Ed è in quel momento che bisogna stare attenti a non sbagliare, cercare di forzare un meccanismo che si è inceppato può portare a sbloccarlo, certo, ma più spesso porterà a romperlo del tutto. E forzarlo costerà fatica, richiederà impegno, a volte richiederà anche di abdicare a chi sei tenendo comportamenti che la tua natura non prevede, con il risultato che ugualmente niente tornerà a funzionare, ma tu ti sentirai svilita e frustrata. E ferita.

E allora è meglio lasciar andare, lasciar correre, smettere di trattare come priorità chi invece fa di te un’opzione, e non capisce neanche perché questa cosa non sia accettabile. Ci hai provato, hai forzato, provato a convincere, a spiegare, a raccontare, ad avvertire, ma non è servito, il meccanismo non solo continua a non funzionare come meriteresti o come funzionava prima, ma addirittura l’inceppamento sembra sempre più resistente, a ogni tuo tentativo corrisponde beffardamente una dimostrazione pratica di malfunzionamento. L’unica cosa da fare a questo punto è smettere di fare, smettere di dire, di recriminare, di spiegare, se non è servito le altre duecentomila volte che lo hai fatto perché dovrebbe magicamente servire ora? Smetti, deponi le armi, siediti nel tuo angolo ed osserva. Il tuo lo hai fatto, hai provato ad aggiustare qualcosa che si rifiutava di farsi aggiustare, lo hai fatto per te, certo, perché gestire le mancanze non è mai stato il tuo forte, lo hai fatto perché certe cose valgono il tentativo, ma a un certo punto insistere comincia ad avere il sapore di accanimento terapeutico. Quindi basta, resta ferma e zitta, aspetta, fai le tue cose e guarda che succede. Se non succederà niente non avrai niente da rimproverarti, se non il fatto di aver smesso di insistere un momento troppo tardi, forse.

Perché, semplicemente, tutto ciò che non è reciproco, è inutile.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

Well you only need the light when it's burning low
Only miss the sun when it starts to snow
Only know you love her when you let her go
Only know you've been high when you're feeling low
Only hate the road when you're missin' home
Maybe one day you'll understand why
Everything you touch surely dies

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

A volte, devo dimenticaгe ciò che desideгo e гicordaгe ciò che meгito.

M. M.

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 

È una legge non scritta: chi vuole starmi vicino deve assumersi la responsabilità della mia anima.

(D.G.)

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Fidelio_971piccola23Male.di_mielezen969enkephaloscinzia.muoioR_osaRLaMorteDiBunny.MunroWord_Usermisteropaganonurse01raziocinanteMonkeyHunterStenrafKtm
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963