Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« MISTERIOSA ORCHESTRAI 90 ANNI DI MINGUS (22/04/1922) »

BRASS BANG AL SOCIALE DI COMO

Post n°2753 pubblicato il 21 Aprile 2013 da pierrde

Il penultimo concerto della breve tournè italiana del Brass Bang ha come sede il Teatro Sociale di Como. Poi, tra pochi giorni, i quattro musicisti registreranno il primo album come gruppo, cementato da un sodalizio che oramai dura da tre anni e che vede il repertorio iniziale ulteriormente allargato.

Non mi soffermo sulle personalità dei protagonisti, credo che la maggior parte delle persone che mi leggono ne conoscano abbondantemente le qualità ed i talenti che nel concerto di ieri sono emersi prepotentemente dando vita ad un set frizzante e coinvolgente durato poco più di un'ora e mezzo.

Se nel concerto di Ambria Jazz del 2010 mi era sembrata evidente l'influenza di Lester Bowie e della sua Brass Fantasy ora le ramificazioni dell'ensemble sono certamente più variegate e affondano le radici in territori alquanto diversi tra loro, mantenendo comunque una eccellente unitarietà espressiva ed una dirompente comunicatività.

Nella loro proposta c'è la tradizione barocca (Handel con due brani, un tema da Musica per i reali fuochi d'artificio e il celeberrimo Lascia ch'io pianga), la classicità afro-americana (Black and Tan Fantasy di Duke Ellington, Bemsha Swing di Thelonious Monk),  e la sua punta più avanzata (il lirico ed avvolgente Zero di Lester Bowie), ma c'è spazio anche per gli evergreen di sempre (Moon River e, naturalmente, l'immancabile Guarda che luna), composizioni originali di Fresu ed una versione semplicemente fantastica di As Tears Go By, aperta dall'unica lunga parentesi concessa ai delay ed ai suoni filtrati dal computer per poi chiudersi prepotentemente con il ritornello della canzone dei Rolling Stones suonato all'unisono. 

Come in ogni quartetto fiatistico i compiti sono suddivisi in base alla gamma timbrica di ogni strumento, con naturalmente ampi spazi solistici per ognuno: cosicchè al basso tuba di Marcus Rojas e al trombone di Gianluca Petrella spetta sopratutto l'ancoraggio ritmico, mentre il flicorno di Paolo Fresu e la tromba a coulisse di Steven Bernstein tocca il ruolo del primo e secondo violino nel corrispettivo classico, il quartetto d'archi. Personalmente ho apprezzato molto il ridotto ricorso all'elettronica rispetto all'esperienza concertistica precedente, prediligendo l'approccio acustico che meglio riflette il reale spessore dei musicisti.

Impressionante il sostegno propulsivo di Rojas, un motore perpetuo, vero ago stabilizzatore del gruppo che con tre solisti di primissimo piano ha una valenza tecnica ed espressiva di livello assoluto. Una goduria per le orecchie e le menti di un pubblico caldo e numeroso, salutato nel secondo bis con la dolcissima melodia di Non Posso Riposare, antico tema popolare sardo

 

 

  Foto di Marina Magri

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

silcattleibenbartoli.vittoriofabio.morganti1robby0001monnoMariasolePortaleadordimarcodpr74paolapupulinmaturosicuroWdavideWNovaresivogliadiamare01santalberto10
 

ULTIMI COMMENTI

Molto bello e interessante il nuovo blog.
Inviato da: Less.is.more
il 23/08/2019 alle 21:27
 
La musica di di Monk ne definisce la prepotente...
Inviato da: Piero Terranova
il 13/07/2019 alle 20:06
 
Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom