Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

Ultimi Commenti

Utente non iscritto alla Community di Libero
Luciano Linzi il 19/10/18 alle 15:44 via WEB
Grazie!
 
juliensorel2018
juliensorel2018 il 12/10/18 alle 15:21 via WEB
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente in controtendenza. Purtroppo altrove i jazz club (o comunque i luoghi dove il jazz viene comunque ospitato) continuano a soccombere sotto varie difficoltà, non escluso ora un contesto culturale circostante ostile. Mesi fa questi problemi avrebbero dovuto esser sottoposti con forza al Ministero della Cultura, invece ci si è accontentati di un platonico e sterile "riconoscimento del rilievo culturale del jazz italiano" (quasi che la consistenza culturale di certe esperienze debba esser soggetta ad omologa ministeriale, anzichè esser conseguita sul campo). I locali che ospitano regolarmente programmazione jazzistiche hanno seri problemi di ostilità di vicinato (spesso pretestuosa e preconcetta), di reperimento di locali adeguati e di loro messa a norma (pensiamo alle numerose proprietà di enti locali abbandonate al degrado da anni), di rapporto con la pesante burocrazia SIAE (giaceva in Parlamento un disegno di legge che prevedeva un regime forfettario che molto avrebbe aiutato le piccole realtà), da ultimo si sono registrati anche atteggiamenti di vero e proprio ostracismo ideologico da parte di amministrazioni locali. Un esempio era già disponibile: in Lombardia (non si parla quindi delle Emilie o delle Toscane a suo tempo all'avanguardia) molto si è fatto per agevolare la transizione al digitale delle piccole sale cinematografiche che ospitavano programmazione di rilevo culturale: l'operazione è riuscita al punto che mentre chiudono le labirintiche plurisale con i pop corn, gli eredi dei passati cinema d'essai sopravvivono, ed anzi ogni tanto ne nasce una nuova. Purtroppo la vecchiaia è ripetizione, ma non mi stancherò mai di ricordare che al nostro jazz manca in buona parte l'esperienza della pratica musicale quotidiana, del confronto ravvicinato con un pubblico non casuale ed occasionale, situazioni che possono scaturire solo nell'ambito di un circuito di club. Inutile illudersi: sono anche le condizioni materiali in cui si sviluppa che 'fanno' la musica che ascoltiamo. E che talvolta possono anche strangolarla. Fine geremiade. Milton56, "gufo" non rassegnato
 
juliensorel2018
juliensorel2018 il 07/10/18 alle 16:17 via WEB
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non sempre. Il fatto è che i miagolii, per quanto flebili, sono potentemente amplificati (specie dalle nostre parti) e facilmente sovrastano diversi ruggiti (o quantomeno ringhii) viceversa unplugged. Poi è anche un nostro problema aguzzare l'orecchio per udire anche questi ultimi (magari azzerando il volume ai miagolii sui nostri dispositivi, pur sempre dotati di apposito controllo). "Quelli che ascoltano il bop per rilassarsi": bella invenzione letteraria, quanto a me, mai conosciuto uno (sempre che si parli di bebop). Milton56
 
lorissc
lorissc il 29/09/18 alle 17:14 via WEB
magnifico blog, cose fantastiche
 
pierrde
pierrde il 23/09/18 alle 20:50 via WEB
Sfogo fin troppo elegante e contenuto. A me verrebbe da dire ai jazzisti italiani che li capisco, tributi siffatti danno visibilità e soldoni, ma sono anche una trappola infida. Non esprimo giudizi, ricordo solo che delle decine di tributi esistenti quelli che si possono ricordare senza imbarazzo stanno si e no sulle dita di una mano. Tutto il resto è noia, giusto per rimanere in tema canzone...
 
juliensorel2018
juliensorel2018 il 08/09/18 alle 21:18 via WEB
Doverosa rettifica di una topica cortesemente segnalata: il batterista del gruppo di Frisell non era Eric Harland, bensì Rudy Royston, altrettanto formidabile del primo, purtroppo sempre sottoutilizzato nell'occasione. Chiedo venia. Franco Riccardi
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
riccardo il 08/09/18 alle 14:29 via WEB
Vediamo di non far capziosa confusione, poiché la parola "interpretazione" è ovviamente relativa all'uso e al senso che gli si dà nell'ambito del jazz da sempre. Quello che mi pare intendi tu (e non io) è il significato relativo più all'ambito dell'esecutore di una pagina scritta nella tradizione accademica. Michelangeli interpreta Debussy o Chopin, in un modo e in un senso che è completamente diverso a ciò che fanno, che so, Sonny Rollins o Jarrett se suonano You don't know what love is. Non so, nel caso proponi tu una parola diversa, più adeguata, che so personalizza? Riscrive? Il significato attribuito al medesimo uso della parola non è lo stesso né può esserlo. Il jazz ha tra l'altro una tradizione più orale che scritta per cui la parola "interpretazione" nel caso specifico va letta e compresa nel suo contesto, non in quello di altri.
 
juliensorel2018
juliensorel2018 il 07/09/18 alle 15:37 via WEB
“Interpretazione”. Dubito che il rapporto fra jazzmen e standards (intesi nel senso più estensivo del termine) possa esser inquadrato così. Si interpreta ciò che tendenzialmente è già compiuto e definitivamente strutturato, salvo qualche interstizio residuale in cui può inserirsi la soggettività dell'esecutore (non ho usato a caso questo termine). La funzione degli standards è molto più complessa e per ora nel jazz non si ‘esegue' ….Fortunatamente: diversamente dovremmo celebrare le esequie di questa musica (che ancora ci scalda in un presente a dir poco problematico). My five cents. Milton56
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
riccardo il 01/09/18 alle 13:23 via WEB
il fatto che Braxton abbia amore per la propria tradizione e che abbia sempre avuto interesse per il songbook e gli standard non significa in automatico che ne sia un grande interprete. Non è questione di detrattori.
 
juliensorel2018
juliensorel2018 il 12/08/18 alle 12:36 via WEB
Chiosarsi da soli non è il massimo, sotto il profilo dello stile; passatemelo comunque in nome di ragioni di pubblica utilità. Su Bandacamp sono disponibili due corposi brani in ascolto 'free' tratti dal doppio live dei Five Elements.Aprite questo link, e credo rimarrete parecchio intrigati: https://stevecoleman.bandcamp.com/album/live-at-the-village-vanguard-vol-1-the-embedded-sets Milton56
 
Successivi »
 
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

pierrdevacerrapenombra70sandbarcercolavoroesterodgljuliensorel2018ettina525nanosat2004a.fredaHaruaki.Yachigianlucadd1989tonellic0DeanMoriarty0FedericiElena
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
magnifico blog, cose fantastiche
Inviato da: lorissc
il 29/09/2018 alle 17:14
 
Sfogo fin troppo elegante e contenuto. A me verrebbe da...
Inviato da: pierrde
il 23/09/2018 alle 20:50
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom