Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« IL GALLO E' MORTOPubblico »

Duke's Flowers per Ambria Jazz

Post n°4029 pubblicato il 06 Luglio 2018 da pierrde
 

Foto di Marina Magri

Serata d'apertura della decima edizione di Ambria Jazz nell'Auditorium Trabucchi di Castione, con protagonista il gruppo Duke's Flowers di Riccardo Fioravanti, Roberto Cecchetto, Alessandro Rossi e Daniele Raimondi.

Una formazione abbastanza inusuale per effettuare riletture delle pagine ellingtoniane, ma proprio per questo originale ed intrigante quanto basta per ascoltare classici senza tempo e brani meno battuti in una versione oltremodo contemporanea.

Un concerto generoso, con il leader nella doppia veste di bassista e comunicatore, fatto che mi ha lasciato una piacevole dimensione narrativa: ogni brano veniva raccontato nella sua esegesi e nella posizione storica all'interno della sterminata produzione del duo Ellington-Strayhorn. 

Inutile ma comunque doveroso soffermarsi sulle qualità strumentali di Cecchetto, da anni ai vertici della scena nazionale per quanto riguarda il suo strumento. Unica nota dolente, per me arrivato in leggero ritardo, la posizione nella retrovia dell'Auditorium: l'effetto della batteria e del basso elettrico produceva un rombo che rendeva poco distinguibile ogni strumento. Meglio quando i volumi sono calati, come nei due finali Blue Rose e Blue Flowers.

Bis richiesto a gran voce ed ecco Caravan, unico brano che esula dalla scelta di Fioravanti di eseguire brani con il titolo a soggetto floreale. 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

nappaoanita.macaudapierrdevacerrapenombra70sandbarcercolavoroesterodgljuliensorel2018ettina525nanosat2004a.fredaHaruaki.Yachigianlucadd1989tonellic0
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
magnifico blog, cose fantastiche
Inviato da: lorissc
il 29/09/2018 alle 17:14
 
Sfogo fin troppo elegante e contenuto. A me verrebbe da...
Inviato da: pierrde
il 23/09/2018 alle 20:50
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom