Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« Tracce Sensibili Relazio...TRASLOCHIAMO »

SOPRAVVIVERSI

Post n°4103 pubblicato il 26 Ottobre 2018 da juliensorel2018
 

Raggiungere i 90 anni è traguardo ragguardevole. Ancor più per un jazzman: è pur vero che la stagione dei drug habits e delle implicazioni di emarginazione sociale è ormai alle spalle, ma anche il forzato, frenetico vagabondaggio da una camera d’albergo all’altra facendo il surf tra i fusi orari e collezionando jet lags a catena non è certo un buon viatico per la longevità.

Resta però da domandarsi se giunti ad età così estreme si sia ancora in grado di rimanere all’altezza di una reputazione spesso faticosamente costruita in una musica in cui la fisicità ha una parte importante, particolarmente quando si parla di trombettisti e sassofonisti.   

Un paio di giorni fa ho fatto un tentativo: ho iniziato ad ascoltare alla radio un concerto di un musicista che ho molto amato sin dai primi temi delle mie frequentazioni jazzistiche: Lee Konitz. Ero avvertito: un paio di anni fa lo avevo ascoltato in concerto a Milano, una delle rarissime occasioni in cui sono stato tentato di abbandonare la sala prima del tempo. La prova di appello si è conclusa dopo qualche minuto di fraseggi erratici e lacunosi, pur volenterosamente sostenuti da un gruppo di sidemen forzatamente ridotti al ruolo di meri accompagnatori dalla necessità di non metter in difficoltà un leader che, oltre che evidenziare delle scontate carenze strumentali (messe in conto e perdonate in partenza), rivelava una chiara mancanza di visione e discorso musicali complessivi. Concediamo comunque a Konitz la possibile – ma forse improbabile – attenuante di esser costretto da necessità economiche a continuare ad esibirsi anche ad avvenuto esaurimento delle proprie risorse creative. Non possiamo comunque sottacere la miglior scelta di stile di un Sonny Rollins, che dopo aver offerto sino all’ultimo le sue doti di artista creativo, si è ritirato in una casetta del New England, tuttora oggetto di pellegrinaggi da parte di molti che giustamente tentano di cogliere il miglior contributo che solo questi rarissimi ‘grandi vecchi’ del jazz possono ancora dare: quello alla costruzione di una sorta di ‘storia orale’ ed in prima persona di questa musica, che, ricordiamolo, è stata molto più spesso raccontata ‘dall’esterno’.

Ma distacchiamoci dalla questione della scelta personale di Konitz di continuare a calcare le scene fuori tempo massimo. Veniamo invece a quella di proporre occasioni di ascolto di questo tipo. Accantoniamo senza tanti complimenti l’ipotesi dell’intento benefico, completamente incompatibile con la dura realtà dell’impresariato musicale, soprattutto di questi tempi. Mettiamo tra parentesi anche il calcolo commerciale insito nel far leva sulla nostalgia alimentata da uno dei pochissimi miti ancora viventi di questa musica. Mi sbaglierò, ma sul piano delle motivazioni artistiche mi sembra di intravedere dietro queste scelte una certa ‘estetica dell’abnorme’, che sembra quasi un tratto di corda di quelle remote e recondite catene che legano dalle sue origini più remote la musica afroamericana al mondo dell’intrattenimento di grana grossa, direi dell’avanspettacolo. Considerato il sempre precario status culturale di questa musica, mi sembra che di tutto abbia bisogno tranne che di un’estetica venata di una certa morbosa spettacolarità e, in fondo, di un certo masochismo.

Sarò un sentimentale, ma per quanto mi concerne preferisco conservare dei bei ricordi  (anche se un po’ ingialliti) che assistere all’autopsia di un talento. My five cents, ovviamente.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Devix75donatella_covellatocci.silviaAlessandro_Lamanteacannismaubignottigianni2010Bonniemaualfonsolucioflavio.poltronierifulvio.frolachemical2006claude0308isonzo1anitafabbriPROFETA08
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
magnifico blog, cose fantastiche
Inviato da: lorissc
il 29/09/2018 alle 17:14
 
Sfogo fin troppo elegante e contenuto. A me verrebbe da...
Inviato da: pierrde
il 23/09/2018 alle 20:50
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom