Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« SUONI E VISIONI : 17° ED...ON LINE IL QUADRIMENSILE PAN »

STRONCATURE : FRANCESCO CAFISO SU JAZZ MAGAZINE

Post n°586 pubblicato il 16 Marzo 2007 da pierrde
 

immagineGian Mario Maletto nella rubrica Carta Stampata sul numero di marzo di Musica jazz traduce una stroncatura di Thierry Quenum a proposito del recente album Happy Time inciso dal giovane sassofonista siciliano per la CAM Jazz. Vediamone i passi salienti : "quando si ha in mano un puledro giovane e dotato quanto Francesco Cafiso deve essere grande la tentazione di tirare da lui il massimo. Il massimo su un piano quantitativo, senza dubbio (otto dischi tra i suoi tredici e diciassette anni !) ma certo non il meglio. Perchè se le dita del giovane sassofonista possiedono la velocità che si ha il diritto di attendersi da un neo-bopper che conosce i suoi classici , molto c'è da dire sulla sonorità, che, ed è logico, ha ancora molto bisogno di maturare e di affermarsi, senza parlare dell'ispirazione marcata da un estetica rigida anzichè nutrita da una cultura realmente assimilata. Un'ispirazione spesso invischiata in progetti datati, che lo porta a ricorrere periodicamente a effetti di dubbio gusto (accelerazioni brusche e meccaniche, growls..) quando le idee non giungono all'appuntamento. In maniera prevedibile, è sulle ballads che questi difetti maggiormente appaiono come dei veri handicap, e si arriverebbe a incolpare la sezione ritmica "adulta" del giovane sassofonista per il lasciarsi indurre su questa via invece di esercitare essa un compito di inquadramento pedagogico e stimolante.  Ma questa ritmica è forse altro che una formazione di compiacenza, un trio di tutori che approfittano della loro adolescente gallina dalle uova d'oro ? E che dire di quei produttori che hanno permesso a Cafiso di proporre otto sue composizioni farcite di clichè presi in prestito dagli standar e dal blues (come, a quella età, potrebbe essere diversamente ?). In realtà si avrebbe voglia di dire a questo Pinocchio del jazz : Fuggli fin che sei ancora in tempo! Vogliono fare di te il loro burattino. Fuggi se vuoi diventare un giorno un uomo e un grande musicista."

Abituati agli osanna e ai peana incondizionati, ecco un critico che, seppur un pò troppo severamente e con un pizzico di paternalismo, in fondo racconta delle verità e ci dovrebbe aiutare a riportare i piedi per terra. D'altronde perfino un fuoriclasse come Sonny Rollins, all'apice del successo senti' il bisogno di studio, approfondimento e silenzio, e si ritirò dalle scene per due anni (famosi gli annedoti del ponte di New York sotto il quale Sonny andava ad esercitarsi)  , ritornando più maturo e più determinato. Un parere su Francesco l'avevo già scritto molti mesi fa, e, senza le punte acuminate di Quenum, precorrevo le stesse remore, augurando a Cafiso, cosi' come faccio ora, di crescere e di diventare innanzitutto una bella persona, e poi, magari, anche un grande musicista.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

bra_80pierdinoia8renmelisoniadp1969jellicle.dancemania.eva74luporugstorairparadaisSCTRAORDINERIOvdrinClooney1967luca.cavalensinicola.baroniselly20090jazzguitar62
 

ULTIMI COMMENTI

Molto bello e interessante il nuovo blog.
Inviato da: Less.is.more
il 23/08/2019 alle 21:27
 
La musica di di Monk ne definisce la prepotente...
Inviato da: Piero Terranova
il 13/07/2019 alle 20:06
 
Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom