Creato da pierrde il 17/12/2005

Mondo Jazz

Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 9 ottobre 2018 alle 20.30

------------------------------------------------------------------

JAZZ & WINE OF PEACE

Pipe Dream

violoncello, voce, Hank Roberts

pianoforte, Fender Rhodes, Giorgio Pacorig

trombone, Filippo Vignato

vibrafono, Pasquale Mirra

batteria, Zeno De Rossi

Registrato il 26 ottobre 2017 a Villa Attems, Lucinico (GO)



 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

« AD ARBORE E BOLLANI LE L...UN DUO AL PIANOFORTE: HA... »

PARANOIE E MAGIE: JARRETT TRIO A BERGAMO

Post n°1554 pubblicato il 18 Luglio 2010 da pierrde
 

All'ingresso del Lazzaretto, lo splendido spazio dove si è esibito il trio, campeggiano ovunque cartelli di divieto: no video, no audio, no foto, no smoking (all'aperto ?...). Il palco poi è avvolto da tendaggi, srotolati solo poco prima dell'inizio, che avrebbero lo scopo di mantenere la temperatura a 21 gradi. Impossibile, vista la canicola, ma comunque precisa richiesta del sommo antipatico, il quale, detto per inciso, è arrivato nel pomeriggio con aereo da Nizza dove fa ritorno immediatamente dopo il concerto. Un travet di lusso verrebbe da pensare, egocentrico e maniacale come pochi, ma genio immenso quando siede alla tastiera. Ogni tanto le sue paranoie fanno scoppiare polemiche, ma in genere l'appassionato è disposto a sopportare, cosa che il pubblico bergamasco ha fatto disciplinatamente, anche quando Jarrett ha rifiutato il secondo bis per ignoti motivi, con Peacock che già aveva imbracciato il contrabbasso.

Ho ascoltato il trio molte volte, l'ultima in ordine di tempo è stata la fatidica serata di Perugia, quella che è poi costata il bando da Umbria Jazz a Jarrett. La sensazione immediata che ho avuto fin dai primi brani della serata è di un progressivo lavoro di prosciugamento, rarefazione, limatura del supefluo. Nel corso del tempo il trio è divenuto una macchina sempre più perfetta, eliminando orpelli e contenendo esuberanze. Basta vedere il ruolo di De Johnette, mai cosi' basilare e fondamentale nel suono complessivo, e sempre assolutamente controllato e minimale. Esattamente il contrario di quello che accade invece nella maggior parte dei progetti personali del batterista. Anche l'apporto di Peacock mi è parso particolarmente concentrato ed in evoluzione; mai solo supporto ritmico ma sopratutto melodico, liricamente alternativo al leader, con un suono di inconfondibile bellezza.

Il repertorio è ovviamente il solito: la grande canzone americana più qualche brano preso direttamente dalla penna di grandi jazzisti (Thelonious Monk, John Lewis,...). Due set, il primo di circa 50 minuti con la musica che sale progressivamente di intensità, raggiungendo il culmine nella coda improvvisata dell'ultimo pezzo. Sono momenti di magia pura, con Jarrett che inventa una melodia costruita su poche note ripetute. Tensione e rilascio, bellezza e rapimento. I piatti che scandiscono meravigliosamente il tema, poi la musica si acquieta e purtroppo giunge la pausa che spezza l'incantesimo.

La seconda parte è piuttosto corta, circa una mezz'ora, la magia non si ripete ma classe, buon gusto e interplay sono profusi a piene mani. Jarrett è concentrato e inventivo, controllato sia nelle esposizioni dei temi sia nelle successive improvvisazioni. Mai una parola al pubblico, nemmeno la presentazione dei due patners, solo inchini e ringraziamenti alla fine, prima dell'abbandono del palco   Ascoltare questi tre maestri è sempre una esperienza gratificante, anche conoscendone repertorio e idiosincrasie e nonostante prezzi tutt'altro che popolari.  

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AUTORI DEL BLOG

                 Andrea Baroni


                 Fabio Chiarini


                 Roberto Dell'Ava


                 Franco Riccardi

 

                 Ernesto Scurati

 

ULTIME VISITE AL BLOG

beethoven_acamgiamina.bloisigaetanopostaGermanadicarasecondap2012claudiosantanatogliabeemot63bra_80pierdinoia8renmelisoniadp1969jellicle.dancemania.eva74luporugstorairparadais
 

ULTIMI COMMENTI

Molto bello e interessante il nuovo blog.
Inviato da: Less.is.more
il 23/08/2019 alle 21:27
 
La musica di di Monk ne definisce la prepotente...
Inviato da: Piero Terranova
il 13/07/2019 alle 20:06
 
Grazie!
Inviato da: Luciano Linzi
il 19/10/2018 alle 15:44
 
Una notizia che scalda il cuore. Anche perchè è decisamente...
Inviato da: juliensorel2018
il 12/10/2018 alle 15:21
 
Il jazz di oggi miagola e non ruggisce? Mah, spesso ma non...
Inviato da: juliensorel2018
il 07/10/2018 alle 16:17
 
 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom