Creato da fadiesis_minore il 08/11/2011

Nuvole Barocche

Piove musica e colori, pensieri, opere e omissioni...

 

 

La pls belle chanson...

Post n°16 pubblicato il 03 Dicembre 2011 da fadiesis_minore

 

Abbey Lincoln

 

Se al momento mi si dovesse chiedere

qual'è la tua canzone preferita

risponderei senza esitazione:

Avec le temps

Una canzone scritta nel 1970

da Leo Ferrè

poeta, scrittore,

compositore e cantautore francese.

In Italia è stata proposta da vari artisti

da Patty Pravo, a Gino Paoli

e per ultimo Battiato nel suo album raccolta

Fleur.

Ma la lingua francese ha il suo fascino indiscusso

e quindi la mia versione preferita è quella di

Abbey Lincoln

una cantante jazz statunitense

morta ad 80 anni nel 2010.

Quando ha inciso Avec le temps

aveva la bella età di 64 anni

Età che di certo non aveva affatto influito sulla sua voce

e sulla sua capacità di interpretazione.

Nel brano è accompagnata dalla chitarra di

Pat Metheny!

 


 
 
 

Fallimento?

Post n°15 pubblicato il 01 Dicembre 2011 da fadiesis_minore

fallimento

 

Stò guardando Servizio pubblico

di Santoro

L'aria che tira è davvero preoccupante,

le notizie dei giornali non fanno che aumentare

l'allarme per un possibile default

del nostro Paese

e da quanto si dice in Inghilterra

è probabile un intero

Crack dell'Europa intera!

E allora mi torna in mente questa estate,

e una conversazione  con una amica

che ha fatto un viaggio a New YorK.

Lei lì ha conosciuto una donna che lavora

a Wall Street

la quale le ha detto

(e ciò risale a luglio e cioè prima di agosto

quando si è infuocata la speculazione contro l'Italia)

che alla borsa di NY

si prevedeva un fallimento del nostro paese

per la fine del 2011!

 

Quando mi fu detta questa cosa

feci quasi spallucce

e sorrisi pensando che non sarebbe mai stato possibile

.......................................

invece ora

penso che per come stanno andando le cose

siamo perfettamente nei tempi

E' iniziato il mese di dicembre e........

.............

siamo in corsa

e

chissà

cosa accadrà?!

 

Finiremo così?

Brano tratto dal film

Umerto D.

di Vittorio De Sica

.........e infine mi chiedo

cosa

c'è

dietro

tutta questa

storia?

 
 
 

Influenzabile...

Post n°14 pubblicato il 01 Dicembre 2011 da fadiesis_minore

Peggy Lee

 

Ebbene si

sono infuenzabile

Da un po' ho scoperto

di essere molto sensibile

agli standard,

quei pezzi musicali

nati per opere musicali o teatrali

che hanno vinto la sfida del tempo.

Intramontabili

indimenticabili

immortali.

Che bella febbre!

 

e allora

Fever

cantata da Peggy Lee

nel 1958

e ripresa da tanti altri

negli anni successi

Ella Fitzgerald

Tom Jones

Elvis Presley

I Doors

 

Ovviamente vi faccio ascoltare

l'originale



 

 
 
 

Preparatevi...che il momento si avvicina!!!

Post n°13 pubblicato il 28 Novembre 2011 da fadiesis_minore

babbo natale scortato

 

Il Natale quasi si appropinqua...e io un po' per scaramanzia, un po' per esorcizzarlo ho dato inizio ad una tradizione, e cioè leggere questo scritto che qualche anno fa trovai in rete, giusto per prepararmi alle dure giornate che mi attendono!:-P

Non so chi lo abbia scritto, ma ciò che so è che è forse l'immagine più azzeccata del tipico Natale italiano!

In barba alle pubblicità e ai luoghi comuni che ci vogliono trasmettere, secondo cui a Natale si è tutti più buoni...salvo poi doversi mettere in salvo dai Parenti serpenti! :-))

 

 

Ebbene si, stanno pe arriva’ le feste de Natale…sò tutti contenti, sò tutti felici… sò tutti piu’ bboni…invece a me me rode er culo!

A Natale te se riempie casa de parenti, zii, zie, cugini, cugine, nipoti,nonni, pro-zii, pro-zie, de tutto, tutta gente che vedi solo pè 2 motivi, le feste o i funerali.

Tocca mettese i cartellini sur petto pè ricordasse i nomi.

Insomma se comincia er 24, da la mattina appena me arzo, mi madre parte cò la tiritera….

Scenno, manco me siedo pè fa colazione che parte la lagna… ‘Ricordate che er 24 è Vigilia, quindi er 24, PESCE…’ me la guardo ancora ner sonno e je dico ‘A ma’ stò a fà colazione, posso magna’ i biscotti o nel latte ce devo inzuppà la spigola??’

Insomma a casa ce stà n’armata de affamati, gente che pare che nun magna da naa vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a insalatine pè nun rovinasse l’appetito, insomma oramai a casa mia non fanno piu’ la spesa ar dettaglio.

L’anno scorso hanno preso 123 mq de mediterraneo e 83 mq de mar baltico…te dico solo che mì nonna stava pè infarinà e frigge er capitan findus, stò cojone stava a passà nello spazio de mare che s’eravamo comprati, lui cò quer cazzo de peschereccio azzurro.

C’e’ gente che pè magna’ conosce i peggio trucchi… de solito a cena dopo un par de portate se slacceno la cinta… mì zio l’anno scorso pè frega’ i parenti s’e’ presentato in tuta: cosi’ non comprime e po magna’ de piu’!

La cena score, se finisce de magna’ ed e’ l’ora dii regali… In tutte le famije ce sta quella che vole fa l’istruita, pure che ha fatto pè puzza la seconda elementare… e allora senti.. mi zia che da il regalo ar marito della sorella e je dice… ‘tieni, un bel CARDIGAN’, che mì zio c’aveva paura fosse un cane da riporto del Caucaso, ha aperto cor terore…

Poi cò ‘n sospiro je fa: ‘ah! un majone coi bottoni… m’ero preso nà paura’.

Fiuuu! pericolo scampato!

Sempre lei e’ quella che fa i regali impegnati ai nipoti, viene e te fa… ‘tieni un bel libro, che la cultura e’importante!’.'

A zì, sara’ pure importante ma si me regali ‘I 3 moschettieri’ che c’ho 45 anni, che cazzo de cultura voi che me faccio…’

Ma la cosa piu’ bella, che va contro tutto quello che che viene detto in televisione, sò i regali della nonna.

Sò anni che sentimo di che co l’euro tutto e’ aumentato: quelle che erano 5 mila lire, mò nella nostra mente, sò 5 euro… sì, er cazzo che te se frega…

Mì nonna me regalava 50 mila lire prima, mò uno se aspetta 50 euro… e invece no!! Te se presenta co un pezzo da 20, un pezzo da 5 e 50, 20 e 10 centesimi… te verrebbe da daje nà sediata.

Mì nonna e’ la vera risposta italiana al problema euro!Poi la gente se ne va a casa, ma er peggio deve ancora da venì.

Er peggio e’il 25!

La notte io non ce dormo… so’ teso… nervoso…

I preparativi per il 25 partono dall’Immacolata.

Se riuniscono le donne e se mettono a decide… che famo che non famo… agende cò le ricette, puntate registrate della prova del cuoco… poi alla fine se finisce sempre a magna’ le stesse cose.

Te arzi la mattina, entri in cucina, e le vedi lì, manco stessero a sperimenta’ la fusione a freddo.

Appena provi a entra’ te fanno ‘CHE VOI?’… ‘niente, che vojo, un bicchiere d’acqua’… ‘NO, mò aspetti…’manco i Vietcong ereno cosi’.

Poi pare sempre che e’ successo qualcosa, so tutte co la faccia disperata…
Te spaventi, ce stai male e domandi ‘che e’ successo?’… ‘lascia stà…’ ‘…come lascia sta? Vojo sape’! Ahò, se so cose della famija, c’ho il diritto de sapello’…

Te guardano cò la faccia distrutta…e te dicono ‘…la besciamella ha fatto i grumi…’

MA ANNATEVENE A FANCULO VOI E LI GRUMI!

Da 30 anni, er 25 c’ha er menu fisso… e non solo quello. La cosa peggio che po’ succede e’ il doppio tavolo: uno pei grandi e uno pei piccoli.

Me dava ar cazzo da ragazzino… ma adesso me fa proprio smadonnà…

L’anno scorso se semo ritrovati al tavolo che er piu’ piccolo c’aveva 25 anni… Gente che e’ annata in guerra, gente cò 2 divorzi…pero’ sempre relegata al TAVOLO DEI PICCOLI. L’unica cosa e’ che da 2 anni a sta parte ce danno pure i coltelli.

Poi nel mentre che se magna, noti che er fratello de zio, che er 24 c’aveva la tuta, oggi s’e’ presentato co la tunica che ha fregato a un lavavetri al semaforo. Sotto e’ rigorosamente nudo, che le mutande segano! E c’ha la faccia contenta. Hai capito sì che stratega, er Bonaparte del colesterolo!

Er pranzo finisce, se contano i superstiti, se sparecchia, se lavano i piatti e poi… poi… se gira a tovaja che da bianca diventa verde… se comincia a gioca’ a carte!

E a che se gioca? a sette e mezzo? NO!
Se gioca a BESTIA! Er gioco dell’infamita’, tutti contro tutti. Er tipico momento arriva cò un piatto de na quarantina de euri. Comanda coppe. Te c’hai er 3 secco…. bussi… sei de mano te senti un leone…bussa solo tù nonna.

Te dici…. ‘nonna me vò bene, m’ha cresciuto, sto tranquillo…’, cambi 2 carte. Non t’entrano altre briscole ma t’entra un carico. Un po’ de paura ce l’hai, ma ostenti sicurezza. La vecchia non deve intravedere il minimo turbamento in te, sò come i cani… sentono si c’hai paura. Allora parti: lanci er carico a denara.

Tù nonna te lo magna col 2 de coppe. Cominci a sudà freddo e te dici ‘no, non ce lo pò ave’, no, non me po’ dì cosi’ sfiga….’ E invece che fa? Cala er COPPONE….

Poi cò lo sguardo finto dispiaciuto te dice: ‘ Bello de nonna tua e’ er gioco…’Butti er 3 smadonnante e lei non contenta butta er 5 a spade, che te c’avevi er 4. Insomma tù nonna t’ha mannato in bestia… ‘cci suaa!

A me m’ha fermato mì padre appena in tempo, je la stavo pe da nà lamata…Gia’ me fai i regali pidocchiosi poi te li ripii pure… Poi dici li metti all’ospizio!

Comunque, giocando giocando se fa ora de cena e parte la domanda retorica:’qualcuno cena?’ E c’e’ gente che ancora c’ha er coraggio de dì de sì..

Poi che vor di’ sta divisione cena-pranzo-cena… Io sò sicuro che l’anno scorso mì zio s’e’ messo a sede er 24 e s’e’ rialzato er 2…Ma alla fine arriva l’ora de salutasse… e la solita manfrina: ‘Se vedemo troppo poco. Tocca organizza’ piu’ spesso…’ Vedi tù nonno che se fa du conti e dice… ‘Aho’ contando che er Natale vie’ nà volta l’anno, la prossima occasione deve da esse….’

Ed e’ allora che parte un sonoro ‘ANNATEVENE UN PO’ AFFANCULO TUTTI QUANTI!’
Che bello er Natale in famiglia…

 
 
 

Scripta manent

Post n°12 pubblicato il 24 Novembre 2011 da fadiesis_minore

 

scrivere

 

Scrivere per

Raccontarsi

Fissare le emozioni come in un fermo immagine

Inventarsi

e reinventarsi

Scoprirsi

e anche farsi scoprire

Confessarsi

o nascondersi

Perdonarsi

o farsi perdonare

Esplorarsi

Comunicare

Sovvertire

Indignarsi

Enfatizzare

Esorcizzare

Liberarsi

Confidarsi

...........

queste e tante altre di più

 

video

Confianzàs

dei

Gotan Project

 

qui la traduzione (mia)

del testo:

CONFIDENZE

Si siede al tavolo e scrive
" con questa poesia non otterrai il potere" dice
" con questi versi non farai la Rivoluzione " dice
" nemmeno con mille versi farai la Rivoluzione " dice

E in più:

questi versi non faranno in modo che
I braccianti, i maestri, i taglialegna vivano meglio
Mangino meglio o se lo stesso, mangi, viva meglio
Non serviranno neanche a farlo innamorare

Non guadagnerà argento con essi
Non entrerà al cinema gratis con essi
Non gli daranno abiti per essi
Né otterrà tabacco o vino per essi

Né pappagalli, né fazzoletti, né barche
Né tori, né ombrelli otterrà per essi
Se per essi fuori sotto la pioggia si bagnerà
Non otterrà perdono o grazia per essi

" con questa poesia non otterrai il potere" dice
" con questi versi non farai la Rivoluzione " dice
" nemmeno con mille versi farai la Rivoluzione " dice

Si siede al tavolo

…e scrive.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

m1k1m1k1pinnamariafranc.m1mgf70estempora_neaje_est_un_autrebal_zacpsicologiaforenseio_pacemakerLolablu7via_dei_sognihabibieMiaDraculea68pantouffle2011mattialoren
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom