per non smarrirmi

opinioni libere (anche di cambiare...)

 

SE IL PORTAFOGLIO CONTA PIU' DI UN POPOLO...


BOICOTTIAMO I PRODOTTI TEDESCHI ! ! !

Finché i governanti tedeschi non smetteranno di usare l'Europa per arricchire la propria economia, noi...impoveriamola...!

(anche noi, colpiamoli per educarli)


 

 

 

 

D I C H I A R A Z I O N E

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA, DATO CHE NON E' AGGIORNATO PERIODICAMENTE E NON HA FINI DI LUCRO: AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE, NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE (L.62 DEL 7/3/'01).

PER QUANTO ATTIENE AL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI E I VIDEO USATI, PRESI DALLA RETE, CONTATTATEMI PRIVATAMENTE: NON HO ALCUN PROBLEMA AD ELIMINARLE...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60cassetta2nichivrocchiblufra19572mgf70ditantestelleossimoramoon_Ipoeta_sempliceRavvedutiIn2QuartoProvvisorioormaliberaolegna69lubopolachiamoingiustizia
 
 

BAGAGLIO

COSA C'E' D'INDISPENSABILE? COSI' COME, PREPARANDO UNA VALIGIA, LASCI LE COSE INUTILI, RICORDATI DI NON CARICARE L'ANIMA DEI PESI CHE PUOI EVITARE...

 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

ALLA DERIVA…

NULLA AVANTI A ME, COME AI LATI E DIETRO. SENZA DIREZIONE, SONO IN ATTESA DEL DOMANI...

 

AREA PERSONALE

 

NO PONTE

QUESTO BLOG E' CONTRO IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

NIRVANA - YOU KNOW YOU'RE RIGHT

 

DA MOLTO NON SE NE PARLA PIU', MA LA "RIFORMA GELMINI", IN REALTA' E' PASSATA. NON HA PIU' SENSO RICHIAMARE UNA RACCOLTA DI FIRME (COME AL MIO POST #160, IN CUI NE RICHIAMAVO UNO DI  elena.c.q.d) . PERO', INVITO TUTTI COLORO CHE HANNO FIGLI, TUTTI QUELLI CHE SOGNANO UN MONDO MIGLIORE, TUTTI QUELLI CHE SANNO ANCORA PENSARE CON LA PROPRIA TESTA, A NON ABBASSARE LA GUARDIA E AD ESSERE PRONTI AD ANDARE IN PIAZZA PER SALVARE LA SCUOLA ITALIANA E, CON ESSA, IL NOSTRO FUTURO.
mgf70

 

LOSING MY RELIGION

 

CREDO SIA IMPORTANTE...

Inviato da andrea7770 il 26/05/08 @ 08:41 via WEB
MESSAGGIO IMPORTANTE Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica. Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (=In Case of Emergency). E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc. Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile. Se pensate che sia una buona idea, fate circolare il messaggio di modo che questo comportamento rientri nei comportamenti abituali.
 

HERE WITH ME

 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

LA STORIA DELLE COSE (VERS.21'08")

ALTAMENTE CONSIGLIATO PER LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA (ANCHE SE, DOPO, NON CAMBIERETE NULLA DEL VOSTRO VIVERE)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Poca scelta

Post n°1123 pubblicato il 28 Aprile 2020 da mgf70
 

Ci sono momenti, nella vita in cui è palese la mancanza di scelta, in cui si è costretti ad accettare ciò che la vita propone, anzi...dispone... Questo periodo di contagi, di separazioni, di cassa integrazione e scelte obbligate, ne sono un esempio perfetto.

(earl grey tea, poco zuccherato

con musica d'anima, di fondo)

Avezzi a vivere con l'ansia del "tempo di corsa", adagiati in un'abbondanza mai messa in discussione, abituati ad una libertà data per scontata, difficile non rimanere frastornati da tutta questa lentezza, da così tanto "poco", da certi limiti logici ed incomprensibili: nella penombra del mio seminterrato tra le nuvole, in attesa di quei quotidiani momenti d'interazione, cerco di abbandonarmi ad articoli da leggere, ad articoli da scrivere, per provare a sentirmi ancora parte del mio mondo. E anche il ricominciare a scrivere qui, non è che un modo per ritrovare un po' di quella parte di me, che se n'è andata nella memoria di un cellulare rotto, nei commenti di anime di persone mai conosciute (mai incontrate).

(un po' freddo: mi metto qualcosa,

mi cambio, per scaldarmi un poco)

Chissà se l'allentarsi dei limiti per la "fase 2", mi regalerà qualche momento di antica normalità in più, o creerà nuovi contrasti tra ciò che sono e ciò che avrei dovuto essere. Mi chiedo inoltre, se magari potrò recuperare il tempo perduto in quest'attesa senza data, per vedere, per rivedere (se non ancora abbracciare), chi mi è entrato nell'anima e mi è rimasto dentro, chi è da sempre in me, prima ancora che nascessi. Ma, qualunque cosa sia, qualunque opportunità mi venga data dai D.P.C.M., dovrà essere colta con naturalezza, con quel "senza fretta", che ci ha insegnato questo tempo.

(ora accendo le prime luci,

ché comincia a fare scuro)

La sensazione, però, che questo sia comunque un tempo di poca scelta, di strada ferrata in cui non si possa svoltare, rende talvolta più pesante certi momenti: come non mi è concesso oggi di cambiare le cose, lo sarà anche domani? Il crescendo di aspettativa, diviene piccola ansia, così come l'orologio fermo lo è per un'attesa.

(non m'ero accorto, quanto fosse tardi:

mi concedo una telefonata, di piacere)

Non so perché, ora penso a te in modo cosciente, domandandomi perché le cose siano andate in questo modo, tra noi, perché tanto distanti siano stati, siano e saranno i nostri giorni. Ma non ho risposta e non credo che l'avrò mai: mi accontenterò di pensare a te e di mandarti un po' della mia anima, magari da qui...

 
 
 

Nel silenzio di tanta follia

Post n°1122 pubblicato il 03 Marzo 2020 da mgf70
 

 

Si sciolgono i ghiacciai e l'aria è sempre più irrespirabile,

si spara sui disperati che mendicano una vita dignitosa,

mentre, nell'ombra, il radicalismo prepara nuove stragi

e ai lutti del virus, rispondono incompetenza e opportunismo

.

Tutto il mondo sembra preda di una perversa spirale,

di autodistruzione e bieco cinismo, di odio e stupidità:

tutto sembra precipitare nel baratro degli egoismi umani,

mentre si uccide madre terra ed il concetto di umanità

.

Come al rallentatore, cadon giù le braccia e le grida,

di chi chiedeva un mondo migliore per il creato

e credeva nel divino, che risiede negli uomini:

le ginocchia affondano nella cenere della vita

.

E mentre la natura si prepara a punire la nostra arroganza,

condannando con se stessa, l'umane cupidigia e idiozia.

E mentre il domani ogni giorno viene cancellato da tanta follia,

m'accorgo di non aver più parole, di denunzia e di condanna

.

Colpevole è il silenzio dei giusti e dei consapevoli,

ma come riuscire a far sentire le voce della verità,

mentre l'odio e la pazzia, gridano le loro menzogne?

Questo silenzio, porta lentamente verso la morte

.

Mentre, come in un incubo, si sgretola il nostro mondo,

cerchiamo d'intorno gli occhi di chi amiamo 

e ad essi tendiamo la nostra mano, per stringerci

nell'abbraccio che ci porti via assieme, in un altro domani...

 
 
 

Mi mancano...

Post n°1121 pubblicato il 11 Novembre 2019 da mgf70
 

...certe nostre chiacchierate, come mi manca il tempo in cui eravamo liberi di tutte le nostre comodità, di tutti i nostri limiti. Eravamo felici di niente, un po' come di nulla erano pieni certi discorsi, che dipanavamo nella penombra...

Oggi, assurdamente siamo più distanti, senza un reale motivo, senza che da ciò si riparta verso un nuovo inizio. Forse è maturità, forse è inerzia, forse le cose sono troppo cambiate e, per un motivo o per un altro, forse è che abbiamo esaurito quanto avevamo da dirci.

Una pizza e fare l'amore, non necessariamente in quest'ordine, una cioccolata calda in un bar di periferia o in una località di mare, d'inverno, sono nei miei sogni con te, come se avessi ancora vent'anni.

Le rate del mutuo, la paura di perdere il lavoro, i figli da crescere...e tutto è alle spalle, o nei desideri. E tutto il mondo si tinge di grigio...

 
 
 

Appello ai concittadini umbri...

Post n°1120 pubblicato il 25 Ottobre 2019 da mgf70
 

ULTIMO APPELLO, PRIMA DEL SILENZIO ELETTORALE


Carissimi concittadini umbri,

chi vi scrive non è un politico, non ha tessere di partito e non ha risparmiato critiche a nessuna parte politica; chi vi scrive, per vicende familiari, è intimamente legato alla vostra regione e se ne sente un po' parte. Chi vi scrive, capisce molto bene il vostro disappunto verso l'ultima giunta regionale di sinistra e comprende bene che vorreste voltare pagina, mandando a quel paese tutte le forze politiche responsbili di quel pasticciaccio brutto, che ha portato alle dimissione della vostra Presidentessa Catiuscia Marini, però...

...però, se nella vostra sete di pulizia e nel vostro desiderio di "voltare pagina", cederete al facile impulso di disertare le urne, o deciderete di premiare gli oppositori ai precedenti governanti, dando loro il voto, sappiate che non farete né il bene vostro, né quello di tutto il paese....

E' facile attaccarsi alle ultime vicende, provando a dare fiducia "agli altri", dopo che questi abbiano cavalcato il disagio di una de-industrializzazione globalista (a cui nessun governante, nemmeno di destra, ha mai posto rimedio, o freno), ma gentilmente, vi chiedo se non sia il caso di valutare positivamente il quasi mezzo secolo di amministrazioni di sinistra, invece di fermarsi alle sole vicende dell'ultimo mandato. Vi chiedo di guardare bene chi siano "gli altri" cui dareste il voto, per punire chi ha tradito la vostra fiducia.


Ricordate che coloro che erano sul palco il 19 ottobre u.s. a Roma e che oggi vorrebbero ergersi a vostri paladini, sono gli stessi che erano in prima linea del disastroso IV° Governo Berlusconi (costui, ovviamente, premier e la Meloni, quale ministro della...gioventù...), o che ne erano nelle seconde linee (Salvini come deputato/eurodeputato e giornalista dell'organo ufficiale del partito: "La Padania"): chi più, chi meno, sono stati responsabili del disastro che ci portò al governo di lacrima-e-sangue, targato Monti. Quanti danni fecero allora e quanti ne hanno poi fatti?

Costoro, che non hanno mai mantenuto gli impegni presi con gli elettori (se non peggio), oggi chiedono il vostro voto. Costoro, se darete loro fiducia, useranno la vostra rabbia nei confronti della giunta regionale, per rendere ancora più acceso e irresponsabile lo scontro politico. Costoro, fino a qualche mese fa dell'Umbria se ne fregavano e, se non gli fosse utile in chiave nazionale, di voi se ne fregherebbero ancora: prima di queste elezioni, utili per dare una spallata al II° governo-Conte, cos'hanno fatto fin'ora per voi? Credo che questa sia una domanda molto importante da porsi.

Il mio appello è più o meno lo stesso di quello che Montanelli fece anni fa, cioè quello di votare chi vi ha rappresentato fino ad oggi, "turandosi il naso", perché l'alternativa è peggiore di quanto lascereste, per voi stessi e per il paese. Usate le possibilità che vi dà la vostra legge elettorale per fare selzione sulle persone, ma non lasciate in mano a questa destra, il vostro destino e quello dell'Italia tutta.

Tra poco più di un giorno, sarete chiamati a votare: mi appello a voi, per non lasciar sprofondare ancor di più il paese, per non lasciare in quelle sordide mani, la vostra splendida regione...

 
 
 

Senza pietà, arriva il freddo

Post n°1119 pubblicato il 24 Ottobre 2019 da mgf70
 
Tag: anima

[adagio]

Con queste nuvole plumbee, ad incombere su di noi, cambia la nostra percezione del mondo: anche se il tempo non è ancora inclemente, cominciamo ad avere freddo.

Vorremmo tutto l'amore del mondo, tutto il calore racchiuso nel corpo e negli occhi di chi non ci respinga: desideriamo illuderci d'essere ancora qualcosa per qualcuno, di non ritrovarci "il nulla" delle nostre sensazioni, dei nostri più occulti pensieri.

Ecco che, al primo freddo, sentiamo arrivare l'angoscia per la sospensione del vivere: non c'è pietà, da quelle gocce sospese in quegli ammassi grigi che ci sovrastano.

Arriverà la pioggia, che crescerà e diventerà scroscio, temporale, tempesta...

Arriverà la pioggia e, d'istinto, cercheremo riparo pur se condannati ad essere inzuppati.

Arriverà la pioggia, che c'imporrà di correre evitando le pozzanghere, o di scivolare.

Arriverà la pioggia e, con fastidio, c'imporrà di convivere con l'umido e l'odore di muffa.

Arriverà la pioggia, che svuoterà le strade dei pedoni, che spegnerà gli sguardi.

Arriverà la pioggia e, irrazionalmente, volgeremo lo sguardo al cielo perché finisca prima: inganneremo l'attesa del cielo terso, conversando di nulla e bevendo qualcosa di caldo...

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mgf70
Data di creazione: 09/01/2008
 

A V V E R T E N Z A ! ! !

IN QUESTO BLOG (E CORRELAZIONI), VI SONO MOLTI FRUTTI "D'UMANO INGEGNO", CHE HO DECISO DI CONDIVIDERE CON CHIUNQUE FOSSE INTERESSATO. PER QUESTO, CHIEDO DI NON COPIARE NULLA, SE NON DIETRO ESPLICITO MIO CONSENSO. GRAZIE

mgf70

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mgf70
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 50
Prov: RM
 

PREGASI DIFFONDERE !

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni quando la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell'intimidazione, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola.
(Primo Levi- Torino 1974 )

 

QUESTO BLOG, STA CON ROBERTO SAVIANO

ROBERTO SAVIANOLucide le sue analisi, coraggiose le sue parole, profonda la speranza che sa dare: non esiste un "Grazie" sufficientemente grande, per la luce che sa dare, in questo lungo periodo di tenebre.

Meriterebbe una vita "normale", a premio del suo coraggio.

Il suo esempio, riscatta la sua terra e l'umanità intera...

 

C O N S E G U E N Z E . . .

Alla gran maggioranza di noi si richiede un'ipocrisia costante, eretta a sistema. Ma non si può, senza conseguenze, mostrarsi ogni giorno diversi da quello che ci si sente: sacrificarsi per ciò che non si ama, rallegrarsi per ciò che ci rende infelici. (...) La nostra anima (...) Non si può impunentemente violentarla all'infinito...

(Boris Leonidovic Pasternak, Il dottor Zivago)

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

L'ENCRE DE TES YEUX... (F.CABREL)

Qualcosa resta sempre in noi, quando s'incontra qualcuno di speciale: i suoi sorrisi, i suoi sguardi, il bene che ha portato alla nostra anima e, infine, i rimpianti...

L'importante è che tutto ciò che da questa persona abbiamo attinto, resti scritto indelebilmente nelle nostre anime, affinché il tempo assieme, non sia stato inutile

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

STING -Moon over Bourbon street

 

(1989) SENTO IL ROMBO DEI BUS

Non più amici, né donne, o altro, intorno a me. Alle mie parole, solo il silenzio risponde. Lontano, sento il rombo dei bus: pur colmi di gente, a me paion vuoti. Condannato così, a restar in balìa di me stesso, nevrosi e stanchezza...           Inverno e non me ne accorgo, se non dal passo pesante: lo stesso di chi ha perso una partita; identico a quello sulla ghiaia di un cimitero.                                              E, così, non riesco più a sorridere, ad esorcizzare le mie fobìe: spezzati sono i miei ricordi (giammai felici).                                                                                                 Questo mondo di rumori cittadini, è ben distante dai miei pensieri e, mi fa sentire ancor più distante; non ho scampo, dalla mia mente, né dal mio destino...
 

L'ULTIMO SPETTACOLO (S.VECCHIONI)

...non lasciamoci "stancare" dalla prima parte: dà un senso alla (meravigliosa) seconda...

 

R E V I S I O N E

OGGI DI' 5 D'APRILE DELL'ANNO DOMINI 2012, HO DECISO DI PROCEDERE AD UNA PRIMA REALE REVISIONE DEL TEMPLATE DEL MIO BLOG, RIPRISTINANDO, CANCELLANDO, SPOSTANDO, CIO' CHE NON HA PIU' RAGIONE DI RESTARE, CIO' CHE NON ERA PIU' FRUIBILE, CIO' CHE HA PERDUTO DI ATTUALITA' IMMEDIATA: ogni tanto, occorre far pulizia !

SPERO, NESSUNO SE NE ABBIA A RISENTIRE...

 

COL TEMPO SAI (VERS. BATTIATO)

 

(1992) LA FRATTURA

Un attimo, una stupida incomprensione, un attrito ridicolo e ogni motivo di serenità è già finito: non sembra svanita la passione; ma, appare perduta ogni volontà di comprendersi. Non più la voglia di starsi accanto, ma la tentazione d’offendersi, che diviene un muto schivarsi, tra le pareti domestiche…Anche da momenti banali, stupidi, può morire un rapporto.

A che serve, far l’amore con passione, con la voglia dell’altro, se poi ne subiamo il fastidio, nelle cose di tutti i giorni? Poi, si finisce di farlo per noia, o (peggio), per quella forma di “dovere”, insita nei comportamenti consolidati... Così, si finisce per sconfessare il proprio desiderio, arrivando a fare (o farsi) male, pur di annullarne l’identità, con la cosa bella, che conoscevamo.