per non smarrirmi

opinioni libere (anche di cambiare...)

 

SE IL PORTAFOGLIO CONTA PIU' DI UN POPOLO...


BOICOTTIAMO I PRODOTTI TEDESCHI ! ! !

Finché i governanti tedeschi non smetteranno di usare l'Europa per arricchire la propria economia, noi...impoveriamola...!

(anche noi, colpiamoli per educarli)


 

 

 

 

D I C H I A R A Z I O N E

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA, DATO CHE NON E' AGGIORNATO PERIODICAMENTE E NON HA FINI DI LUCRO: AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE, NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE (L.62 DEL 7/3/'01).

PER QUANTO ATTIENE AL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI E I VIDEO USATI, PRESI DALLA RETE, CONTATTATEMI PRIVATAMENTE: NON HO ALCUN PROBLEMA AD ELIMINARLE...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60carloreomeo0MAGNETICA_MENTE.2017hemel_0alexenzo22prefazione09crazy_21_1945jumpynazeronuvolettamartinatendemgf70ITALIANOinATTESAalberto.gambinerilicsi35pe
 
 

BAGAGLIO

COSA C'E' D'INDISPENSABILE? COSI' COME, PREPARANDO UNA VALIGIA, LASCI LE COSE INUTILI, RICORDATI DI NON CARICARE L'ANIMA DEI PESI CHE PUOI EVITARE...

 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

ALLA DERIVA…

NULLA AVANTI A ME, COME AI LATI E DIETRO. SENZA DIREZIONE, SONO IN ATTESA DEL DOMANI...

 

AREA PERSONALE

 

NO PONTE

QUESTO BLOG E' CONTRO IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

NIRVANA - YOU KNOW YOU'RE RIGHT

 

DA MOLTO NON SE NE PARLA PIU', MA LA "RIFORMA GELMINI", IN REALTA' E' PASSATA. NON HA PIU' SENSO RICHIAMARE UNA RACCOLTA DI FIRME (COME AL MIO POST #160, IN CUI NE RICHIAMAVO UNO DI  elena.c.q.d) . PERO', INVITO TUTTI COLORO CHE HANNO FIGLI, TUTTI QUELLI CHE SOGNANO UN MONDO MIGLIORE, TUTTI QUELLI CHE SANNO ANCORA PENSARE CON LA PROPRIA TESTA, A NON ABBASSARE LA GUARDIA E AD ESSERE PRONTI AD ANDARE IN PIAZZA PER SALVARE LA SCUOLA ITALIANA E, CON ESSA, IL NOSTRO FUTURO.
mgf70

 

LOSING MY RELIGION

 

CREDO SIA IMPORTANTE...

Inviato da andrea7770 il 26/05/08 @ 08:41 via WEB
MESSAGGIO IMPORTANTE Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica. Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (=In Case of Emergency). E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc. Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile. Se pensate che sia una buona idea, fate circolare il messaggio di modo che questo comportamento rientri nei comportamenti abituali.
 

HERE WITH ME

 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

LA STORIA DELLE COSE (VERS.21'08")

ALTAMENTE CONSIGLIATO PER LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA (ANCHE SE, DOPO, NON CAMBIERETE NULLA DEL VOSTRO VIVERE)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Il volto di Dio

Post n°1128 pubblicato il 12 Ottobre 2020 da mgf70
 

 [ https://www.youtube.com/watch?v=seE-5YDsmFY ]

.

Malgrado il mondo moderno mi chieda di correre,

al guardare il sole del mattino, uscire dalle nubi,

cessa d'incalzare il tempo, la serenità mi permea:

vedo il volto di Dio, benevolo, che indica la via

.

Chino sulla terra, il suo sguardo dà calore,

in questi primi freddi, in questi tempi caotici,

in questo tempo di attese e paure:

un abbraccio che riempie di serenità l'anima

.

Il mio braccio, proteso al cielo, può raggiungerlo,

senza arroganza e senza pretese, con umiltà,

poiché nelle mie mani ha lasciato il mio destino:

con placido volo d'airone, mi perdo nell'orizzonte...

 
 
 

Sciagura-Raggi: il nulla fatto sistema

Post n°1127 pubblicato il 06 Ottobre 2020 da mgf70
 

Visto il mio rapporto conflittuale col mondo 5 Stelle, potrebbe sembrare che il mio giudizio venga alterato da dei preconcetti. Invece, credo di poter essere piuttosto obbiettivo, perché oltre ad informarmi su quanto venga deciso in Comune e fatto in città, io la città la vivo, la vedo ed ho buona memoria. Quindi, nell'affermare che quest'amministrazione sia stata e sia ancora una sciagura, lo posso fare a ragion veduta, anche solo con gli occhi di un cittadino che sappia poco di politica. In tutti questi anni ho visto che la giunta Raggi si è contraddistinta dapprima a bloccare ogni atto, ogni riforma e ogni risanamento già impostato dall'unica giunta che abbia provato a risistemare i conti, la produttività delle aziende municipalizzate, riqualificando le aree degradate e ridando impulso al tessuto produttivo cittadino, quella di Ignazio Marino. Ma questo è già oltre il tema di questo mio post.

Per mia esperienza, è difficile farsi un'idea di cosa voglia significare il vivere in una città, soprattutto se grande, senza...viverci... Abito nella capitale del paese oramai da più di vent'anni, ma precedentemente, ho abitato nella sua provincia e l'ho frequentata quotidianamente per più di un decennio. Molte problematiche inerenti la mia città, le ho capite solo nell'ultimo ventennio, proprio abitandoci. Ho visto e "subito" tante amministrazioni, da quella Veltroni (funzionante e...indebitante), a quella Alemanno (ruberia e dissesto), a quella Marino (speranza di rinascita, con sabotaggio pedissequo e tradimento finale), a quella del commissario Tronca (ordinaria amministrazione, neanche troppo decente), all'amministrazione della Raggi...caratterizzata dal non-fare, dal rimandare, dall'aspettare che altri facciano le cose, dal lasciare che le cose vadano per conto proprio (cioè in malora), dallo scaricare ad altri le proprie responsabilità...

In questi vent'anni ho visto di tutto, ma non avevo mai visto tanta saccenza , tanta arroganza, in un gruppo di amministratori che: dietro la bandiera degli Onesti, hanno imbarcato personaggi corrotti o comunque inquisiti (da Marra a a De Vito, da Frongia a Romeo... ); dietro la parola d'ordine quale Risanamento, hanno bloccato lavori già avviati e investimenti (anche quelli privati, come lo stadio dell'A.S.Roma) per anni, portando a danni economici, ritardi e disservizi; nonostante una pretesa Capacità, hanno peggiorato i servizi (manutenzioni, trasporti, decoro urbano, qualità della vita). Sì, forse hanno risanato un po' il bilancio, ma lo hanno fatto sospendendo molte attività basilari: facile risanare, se non si spende, ma una metropoli non può essere relegata nell'immobilità, deve risanare i suoi conti portando avanti comunque progetti e innovazioni. In questi vent'anni, non avevo mai visto la città tanto sporca (pur se il cittadino paga la più alta tassa sui rifiuti urbani d'Italia), così scarsamente manutenuta da renderla meno sicura (troppe strade ancora pericolose e troppi alberi che cadono, allagamenti all'ordine del giorno), il traffico ed i servizi al cittadino al collasso (mezzi pubblici sempre più inaffidabili e uffici sempre più lenti), la mancanza di rispetto delle regole che diventa sistema (non vedo mai nessuna forma di repressione delle violazioni, palesi, di regole e ordinanze). Da cittadino, oltre alle comparsate televisive, ai post sui social auto elogianti, non ho visto nulla. Quando mi tocca muovermi con orari di massa, il traffico diventa assurdo ed i mezzi sono sempre meno efficienti. Quando cammino per strada, ho l'imbarazzo della sporcizia per terra, delle erbacce infestanti, del dissesto della pavimentazione (addirittura col restringimento di carreggiate, invece che il loro ripristino in sicurezza!). Quando è sera, la mancanza d'illuminazione pubblica dà via libera ai ladri di appartamenti (fatto visto personalmente), costringendo i cittadini ad ovviare a ciò, lasciando accese le luci sui balconi. Quando piove, è inutile dirlo, conviene evitare di uscire per la facilità degli allagamenti.

Personalmente non ho nulla contro Virginia Raggi, ma anche se dovesse presentarsi alle prossime elezioni alleata con i partiti di sinistra magari contro un Alemanno (il precedente sindaco più dannoso che ricordi), io non la voterò: incapace, presuntuosa, arrogante, incoerente, vacua e senza un'idea di come dovrebbe evolvere Roma, almeno da qui ai prossimi 10 anni (una città non si governa giorno per giorno e nemmeno anno per anno), non la voglio più vedere quale rappresentante della mia città. E non voglio nemmeno vedere più i suoi assessori, i suoi presidenti di municipio, i suoi amministratori delle aziende Municipalizzate. Nonostante sia visibile il degrado della città, la sua presunzione è arrivata al punto da reputarsi una buona amministratrice, solo per il fatto che le maggiori opposizioni in consiglio comunale abbiano smesso di criticarla aspramente e pedissequamente, in virtù del fatto che a livello nazionale governino coi 5 Stelle.

Per me, un secondo mandato a questa giunta, con o senza il supporto di quegli amministratori capaci del PD (alcuni molto bravi), non s'ha da fare. Roma non merita né i ladroni della destra capitolina, né gli inciucioni della vecchia sinistra romana, né soprattutto questi incapaci, deleteri in ogni loro atto. Una cosa, una sola cosa la Raggi dovrebbe fare: prendere le sue cose e sparire dalla politica romana e da quella nazionale, ché di politici che non sanno cosa debbono fare e sempre pronti a scaricare su altri le proprie responsabilità, questo paese ne ha fin troppi.

E se qualcuno, che creda di conoscere la vita in questa città pur vivendone lontano, si senta il diritto di criticare, lo invito a trasferirsi qui e di vivere da normale cittadino: a meno che non viva in una realtà da terzo mondo, gli do tempo un anno per cambiare idea.

[p.s. ...e per favore, risparmiatemi la accusa di presunto sessismo, con cui i suoi sostenitori bollano chi la critichi: per me gli incapaci, non hanno sesso]

 
 
 

Avvenimenti, pensieri sparsi, ricordi, sensazioni ed altre sciocchezze

Post n°1126 pubblicato il 28 Settembre 2020 da mgf70
 

 

Pochi giorni fa, ha chiuso la serranda il mio posto di lavoro; in teoria per rialzarsi con una nuova veste, un nuovo padrone. Prescindendo da tutto, dai rischi del licenziamento o dalla gioia di essere confermati, ha fatto effetto, vedere quella chiusura dopo più di vent'anni: in un periodo d'incertezze, se n'è andata quella del nostro lavoro (Fa male...)

Nel casino di questo passaggio d'Azienda, una collega sembrerebbe risultata positiva al covid: attendiamo dalle strutture, indicazioni sul nostro prosieguo; nel frattempo, stiamo a casa, in modo cautelativo (auguri a lei, ma...eccheccavolo, ci mancava anche questa!)

Ritornando su questo blog, girovagando un po' su quello di persone a me care (scusate se non ve l'ho detto mai chiaramente), riprendendo il filo di vecchi rapporti, ripensando a cellulari andati perduti (coi loro preziosi numeri, coi loro importanti messaggi), rimpiangendo le mails cancellate per disuso della loro casella (a cui tenevo molto), esacrando per gallerie di foto cancellate dal gestore della community (mai salvate, per aver troppo rimandato), rammaricandosi per vecchi disegni andati perduti chissàddove...affronto un nuovo freddo, non solo d'anima, con quel mezzo secolo sulle spalle, che oggi pesa molto più degli anni che contiene. "Avrei voluto amarti come meriti"; "Mi dispiace non averti mai conosciuta, incontrata, reso corpo alla tua voce"; "Perdona il mio distacco, la mia freddezza, conseguenze di troppa carnalità e passionalità, precedenti"; "Dove ritroverò la mia anima, se oltre a smarrire la mia via, ho perduto anche certi importanti ricordi?"; "La mia direzione, oramai è quella di una zattera alla deriva, in mezzo all'oceano..." 

Mi sento stanco, oppresso, pur se lucidamente consapevole. Ho bisogno ancora di dare, di amare, più di quanto non abbia bisogno di lusso, di agi o di cibo. Vorrei scrivere finalmente quel mio libro, trasformare quell'altro in un film (di cui ho in testa colonna sonora e immagini), ridiventare il capopolo che ero, perché penso servirei a questo paese. Ma mi sono chiuso nel quotidiano, dimentico dei colori dell'arte e del piacere della musica, incapace di vivere come nei social e di accettare la deriva di questo mondo

 
 
 

Nei momenti di crisi...

Post n°1125 pubblicato il 01 Settembre 2020 da mgf70
 
Tag: anima

Nei momenti di crisi, come se fossero appigli, si cercano risposte: possono essere certezze per il futuro, possono ritrovarsi su momenti e persone del passato, o possono essere nelle tracce, nelle schegge di noi, che abbiamo lasciato lungo il nostro cammino...

Oggi, che sono fortemente in crisi, cerco di ripartire da me stesso, dalle persone positive che ho incontrato, da quel poco che so di me e di chi amo.

Avrei voglia anche di altro (...), ma la stagione delle prime piogge fredde è appena arrivata e non so se sia già il tempo di anestetizzare il pensiero, con l'oblio dei sensi.

[criptico] Non m'illudo di comprendere gli esseri umani, così come credo che questi non mi capiscano, ma prendo in mano il fioretto, la clava o il mitra, per difendere e offendere, per battagliare o vigilare sulla pace. Ma sempre con rispetto

Laverò i denti, metterò la sveglia, salirò le scale e mi metterò a letto, senza gioia o piacere, senza freddo o calore, senza desiderio o interesse. Spegnerò la luce e mi abbandonerò al nulla del sonno, senza provare rimpianti e come se non dovessi più risvegliarmi.

Ma, al mattino, non mi tirerò indietro...

 
 
 

Ogni tanto ritorno...

Post n°1124 pubblicato il 16 Agosto 2020 da mgf70
 

[ritornare...]

Ogni tanto ritorno in questa che è stata la mia casa, magari solo per vedere se c'è ancora, in punta di piedi: uso la stessa discrezione con cui mi fermo un attimo sotto la casa di una mia ex, con cui rallento passando per luighi in cui sono stato felice, in cui ho amato.

Non ci sono ragnatele, qui, o polvere, né odore di muffa; ma il senso di dimenticato e di abbandono, permea nei post del passato, nei box collaterali datati. Eppure ogni tanto ritorno, anche se non lo faccio per restare, anche se non lo faccio per riallacciare rapporti di cortesia, o di convenienza: passo di qui, perché ogni tanto ne sento il bisogno e perché è il mio modo di dire a certe persone che sono state importanti in certi momenti della mia vita, che ci sono ancora (di questi tempi, non è poco), che comunque non li ho dimenticate: come in quella poesia di Ungaretti, io so che "nel cuore nessuna croce manca".

Forse sparirò, per un nuovo tempo di oblio; forse tornerò, per raccontare di me, per denunciare, per provare a far riflettere anche da questo palcoscenico. Non lo so.

Intanto, ringrazio chi mi cerca ancora e chi, passando, ha voglia di saperne di più di questo scribacchino mancato.

In ogni caso...ogni tanto ritorno...

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mgf70
Data di creazione: 09/01/2008
 

A V V E R T E N Z A ! ! !

IN QUESTO BLOG (E CORRELAZIONI), VI SONO MOLTI FRUTTI "D'UMANO INGEGNO", CHE HO DECISO DI CONDIVIDERE CON CHIUNQUE FOSSE INTERESSATO. PER QUESTO, CHIEDO DI NON COPIARE NULLA, SE NON DIETRO ESPLICITO MIO CONSENSO. GRAZIE

mgf70

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mgf70
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 50
Prov: RM
 

PREGASI DIFFONDERE !

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni quando la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell'intimidazione, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola.
(Primo Levi- Torino 1974 )

 

QUESTO BLOG, STA CON ROBERTO SAVIANO

ROBERTO SAVIANOLucide le sue analisi, coraggiose le sue parole, profonda la speranza che sa dare: non esiste un "Grazie" sufficientemente grande, per la luce che sa dare, in questo lungo periodo di tenebre.

Meriterebbe una vita "normale", a premio del suo coraggio.

Il suo esempio, riscatta la sua terra e l'umanità intera...

 

C O N S E G U E N Z E . . .

Alla gran maggioranza di noi si richiede un'ipocrisia costante, eretta a sistema. Ma non si può, senza conseguenze, mostrarsi ogni giorno diversi da quello che ci si sente: sacrificarsi per ciò che non si ama, rallegrarsi per ciò che ci rende infelici. (...) La nostra anima (...) Non si può impunentemente violentarla all'infinito...

(Boris Leonidovic Pasternak, Il dottor Zivago)

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

L'ENCRE DE TES YEUX... (F.CABREL)

Qualcosa resta sempre in noi, quando s'incontra qualcuno di speciale: i suoi sorrisi, i suoi sguardi, il bene che ha portato alla nostra anima e, infine, i rimpianti...

L'importante è che tutto ciò che da questa persona abbiamo attinto, resti scritto indelebilmente nelle nostre anime, affinché il tempo assieme, non sia stato inutile

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

STING -Moon over Bourbon street

 

(1989) SENTO IL ROMBO DEI BUS

Non più amici, né donne, o altro, intorno a me. Alle mie parole, solo il silenzio risponde. Lontano, sento il rombo dei bus: pur colmi di gente, a me paion vuoti. Condannato così, a restar in balìa di me stesso, nevrosi e stanchezza...           Inverno e non me ne accorgo, se non dal passo pesante: lo stesso di chi ha perso una partita; identico a quello sulla ghiaia di un cimitero.                                              E, così, non riesco più a sorridere, ad esorcizzare le mie fobìe: spezzati sono i miei ricordi (giammai felici).                                                                                                 Questo mondo di rumori cittadini, è ben distante dai miei pensieri e, mi fa sentire ancor più distante; non ho scampo, dalla mia mente, né dal mio destino...
 

L'ULTIMO SPETTACOLO (S.VECCHIONI)

...non lasciamoci "stancare" dalla prima parte: dà un senso alla (meravigliosa) seconda...

 

R E V I S I O N E

OGGI DI' 5 D'APRILE DELL'ANNO DOMINI 2012, HO DECISO DI PROCEDERE AD UNA PRIMA REALE REVISIONE DEL TEMPLATE DEL MIO BLOG, RIPRISTINANDO, CANCELLANDO, SPOSTANDO, CIO' CHE NON HA PIU' RAGIONE DI RESTARE, CIO' CHE NON ERA PIU' FRUIBILE, CIO' CHE HA PERDUTO DI ATTUALITA' IMMEDIATA: ogni tanto, occorre far pulizia !

SPERO, NESSUNO SE NE ABBIA A RISENTIRE...

 

COL TEMPO SAI (VERS. BATTIATO)

 

(1992) LA FRATTURA

Un attimo, una stupida incomprensione, un attrito ridicolo e ogni motivo di serenità è già finito: non sembra svanita la passione; ma, appare perduta ogni volontà di comprendersi. Non più la voglia di starsi accanto, ma la tentazione d’offendersi, che diviene un muto schivarsi, tra le pareti domestiche…Anche da momenti banali, stupidi, può morire un rapporto.

A che serve, far l’amore con passione, con la voglia dell’altro, se poi ne subiamo il fastidio, nelle cose di tutti i giorni? Poi, si finisce di farlo per noia, o (peggio), per quella forma di “dovere”, insita nei comportamenti consolidati... Così, si finisce per sconfessare il proprio desiderio, arrivando a fare (o farsi) male, pur di annullarne l’identità, con la cosa bella, che conoscevamo.