per non smarrirmi

opinioni libere (anche di cambiare...)

 

SE IL PORTAFOGLIO CONTA PIU' DI UN POPOLO...


BOICOTTIAMO I PRODOTTI TEDESCHI ! ! !

Finché i governanti tedeschi non smetteranno di usare l'Europa per arricchire la propria economia, noi...impoveriamola...!

(anche noi, colpiamoli per educarli)


 

 

 

 

D I C H I A R A Z I O N E

QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA, DATO CHE NON E' AGGIORNATO PERIODICAMENTE E NON HA FINI DI LUCRO: AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE, NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE (L.62 DEL 7/3/'01).

PER QUANTO ATTIENE AL COPYRIGHT DELLE IMMAGINI E I VIDEO USATI, PRESI DALLA RETE, CONTATTATEMI PRIVATAMENTE: NON HO ALCUN PROBLEMA AD ELIMINARLE...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60venusia1974ditantestellemgf70Elemento.ScostanteRosecestlaviebach1962Seiprofumo_dellavitamauriziocamagnaTerzo_Blog.GiusfollemmenteIOmoschettiere62Lutero_Paganoprefazione09
 
 

BAGAGLIO

COSA C'E' D'INDISPENSABILE? COSI' COME, PREPARANDO UNA VALIGIA, LASCI LE COSE INUTILI, RICORDATI DI NON CARICARE L'ANIMA DEI PESI CHE PUOI EVITARE...

 

TAG

 

ALLA DERIVA…

NULLA AVANTI A ME, COME AI LATI E DIETRO. SENZA DIREZIONE, SONO IN ATTESA DEL DOMANI...

 

AREA PERSONALE

 

NO PONTE

QUESTO BLOG E' CONTRO IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA !

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

NIRVANA - YOU KNOW YOU'RE RIGHT

 

DA MOLTO NON SE NE PARLA PIU', MA LA "RIFORMA GELMINI", IN REALTA' E' PASSATA. NON HA PIU' SENSO RICHIAMARE UNA RACCOLTA DI FIRME (COME AL MIO POST #160, IN CUI NE RICHIAMAVO UNO DI  elena.c.q.d) . PERO', INVITO TUTTI COLORO CHE HANNO FIGLI, TUTTI QUELLI CHE SOGNANO UN MONDO MIGLIORE, TUTTI QUELLI CHE SANNO ANCORA PENSARE CON LA PROPRIA TESTA, A NON ABBASSARE LA GUARDIA E AD ESSERE PRONTI AD ANDARE IN PIAZZA PER SALVARE LA SCUOLA ITALIANA E, CON ESSA, IL NOSTRO FUTURO.
mgf70

 

LOSING MY RELIGION

 

CREDO SIA IMPORTANTE...

Inviato da andrea7770 il 26/05/08 @ 08:41 via WEB
MESSAGGIO IMPORTANTE Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto sovente, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile. Tuttavia, in occasione di interventi, non si sa chi contattare tra la lista interminabile dei numeri della rubrica. Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno metta, nella lista dei suoi contatti, la persona da contattare in caso d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito. Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (=In Case of Emergency). E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona da contattare utilizzabile dagli operatori delle ambulanze, dalla polizia, dai pompieri o dai primi soccorritori. In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare ICE1, ICE2, ICE3, etc. Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile. Se pensate che sia una buona idea, fate circolare il messaggio di modo che questo comportamento rientri nei comportamenti abituali.
 

HERE WITH ME

 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

LA STORIA DELLE COSE (VERS.21'08")

ALTAMENTE CONSIGLIATO PER LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA (ANCHE SE, DOPO, NON CAMBIERETE NULLA DEL VOSTRO VIVERE)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Bisogni sinceri

Post n°1115 pubblicato il 26 Aprile 2019 da mgf70
 
Tag: anima

[nel silenzio]

.

Che sia per solidarietà, che sia per amicizia, che sia per passione carnale, o che sia per amore, ho bisogno di un abbraccio prolungato, spontaneo, forte

...perché i giorni come questi sono troppo vuoti e gelidi per l'anima

...perché in momenti così, si sbriciola il mio mondo

...perché trovo tutto troppo assurdo, anche le lacrime

...perché il piacere non dato e non preso, le parole sulle labbra non pronunciate, le fatiche senza ristoro, i dolori non leniti, il ritorno di certi ricordi, l'assurdità del mio tutto...non danno tregua

.

.

.

C'è comunque speranza per cui camminare ancora (ce n'è sempre almeno una), ma ogni tanto c'è bisogno d'altro

 
 
 

Equilibri

Post n°1114 pubblicato il 17 Aprile 2019 da mgf70
 
Tag: anima

Il mio è un mondo in perenne equilibrio precario, dato che ogni volta basta un nulla perché tutto crolli. Ogni volta c'è rischio di vedere in frantumi tutto quanto, senza nulla che si salvi. Ed ogni volta, mi ritrovo ad "accomodare" quanto si è rotto, a riparare quello che si è guastato, a puntellarne i cardini perché il mio mondo non crolli.

In tutto questo, mi chiedo cosa stia succedendo al mio equilibrio, se esista ancora. In tutto questo, mi domando dove sia finito il mio me stesso. In tutto questo mi chiedo se non farei meglio a lasciar crollare tutto, per ricominciare dalle macerie...

"Si sta come d'autunno, sugli alberi le foglie..."?

In verità, poiché ho ancora dubbi, poiché so ancora mettere in discussione il mio stato, forse non sto poi così male. Anzi, tra me e me, talvolta riesco pure a ridere di quanto mi accade, delle discussioni che esacerbano il mio tempo. L'ironia, l'auto-ironia mi salverà

 
 
 

E anche questo marzo è finito...

Post n°1113 pubblicato il 31 Marzo 2019 da mgf70
 

31 marzo 2019, ma anche cambiando l'anno, c'è poca differenza: i giorni scorrono via e il nostro tempo si assottiglia, in una miriade di attimi, tutti uguali, tutti risibili ed inutili, tutti importanti e insensati.

Anche questa primavera è arrivata, anche questo sole accende nuova vita, anche questo mese è andato alle spalle. Non importa se sia stato trascorso bene, o se sia passato via malamente: le piccole gioie e le tante amarezze, i momenti di relax e le troppe fatiche, i martellanti frastuoni ed i blandi silenzi...oramai non sono che polvere del nostro tempo...

Mi pesano gli insuccessi, le cose che non ho potuto dare, le lacrime che ho potuto solo asciugare e l'amore che non ho saputo dare. Sull'anima gravano gli anni inconcludenti, le occasioni perse e le parole che non hanno avuto seguito, perché la vita è una sola e ciò che non è stato rimane rimpianto.

Pure questo marzo è finito, terminando senza troppo danno l'ennesimo inverno, presentandoci un altro mese, un'altra porta sul domani: non credo che quando l'aprirò, potrò scorgere l'Eden, la radiosa luce della gioia, o il volto dell'amore. Avrò ancora da passare da un impegno ad un altro, da combattere con l'ignavia di un figlio, con il turbamento scomposto di un altro, con la frustrante sensazione d'inadeguatezza di un altro ancora, con l'insoddisfazione cronica della consorte e con la solitudine di quel povero cane, che sfiorisce nel nostro giardino...

Oggi va così, con lacrime represse, con momenti di cupa malinconia, con desiderio di fuga, che resterà appesa ai raggi di sole...

 
 
 

Domenica mattina, silenzio e note

Post n°1112 pubblicato il 03 Marzo 2019 da mgf70
 

[black]

[the gap is too wide]

E' ancora presto e in tanti dormono, anche se la mia coscienza probabilmente non è mai andata a riposare e ad ogni risveglio, mi sento esattamente com'ero la sera prima. E' presto, ma già la mano si allunga a scostare la tenda, dal mondo.

I rumori della città spezzano questo naturale silenzio, in mille attimi, in molteplici sensazioni ovattate. Dalla cartella in cui contengo dei pezzi di musica, prendo prima "Black" dei Pearl Jam, poi "The Gap Is Too Wide" dei Mostley Autumn, tanto distanti tra loro, ma questa mattina accumunate dal mio bisogno di ritrovare certe briciole di me stesso, perse nell'abbuffata di vita quotidiana.

Dei miei bisogni, in questo momento riesco a fare a meno. Dalle mie preoccupazioni, riesco a prendere il giusto distacco. Dei miei scatti d'ira, delle mie risate, delle mie lacrime, in questo momento non c'è traccia. Forse mi manca una persona con cui condividere silenziosamente questo mio stato, con cui vivere il mio attimo sospeso, con qualcosa (un caffé caldo, del sesso, dei pensieri arguti, il piacere della vista dell'alba che colora il mondo) che sia parte di questo mio momento.

Ma in certe mattine, si è e si resta soli. Il caffé riempirà i nostri sensi, mentre il sole tingerà di rosso l'aria e le cose, mentre le grandi idee e la gratficazione sessuale, rimandate o accantonate, fan già parte del passato.

E' domenica mattina ed il mondo ancora per poco dorme. Tra poco, cesserà questa mia pausa dal vivere e tutto tornerà complicato e pesante, assurdo ed esasperante.

 
 
 

Salvini, Di Maio, la Raggi ed altri indecenti...

Post n°1111 pubblicato il 12 Febbraio 2019 da mgf70
 

Questa è una mia vecchia riflessione, riattualizzata alla luce di qualche nuovo accadimento. Inizialmente avrebbe dovuto avere un altro titolo, nel quale l'epiteto "indecenti" era stato sostituito da "incidenti". Però, a pensarci bene, mi sono detto che non è solo per un caso negativo che siamo governati da personaggi di questo tipo; di certo è che per me, certi politici mostrano solo caratteristiche inaccettabili (poiché non hanno alcuna decenza)

[altri tempi, altri indecenti, ma...]

E' incredibile quanto sia basso il livello dei miei interlocutori, quando mi capita parlare di politica: da parecchio tempo faccio fatica ad argomentare, con dati, con logica, con memoria storica, il mio commento politico a questo tempo, poiché l'ignoranza infarcita di (oggettive) falsità, di pensiero-vuoto ricoperto da slogan di parte, il tutto misto ad una forma di aggressività da vicolo malfamato, non mi consentono d'imbastire nemmeno un discorso. Do la colpa al Vaffa-day (che ha liberalizzato l'insulto politico), alla tv berlusconiana (che ha fatto della mistificazione, un sistema) e agli stupidi del villaggio che sono trasmigrati sui socials, per diffondere percezioni ed imbecillità, non più derisi ma "appoggiati" da un pubblico troppo pigro per verificare quanto leggono. In una discussione politica con qualcuno che la pensi "quasi come me", è uscito fuori un concetto semplice: anche se fa schifo, capisco che la ggente decida di votare Salvini, perché incarna una risposta alle sue paure. Il problema è che nell'attuale società, in cui tutto viene detto e superato in tempi brevissimi, non c'è spazio né per la confutazione delle notizie, né per il ripristino della memoria, né tantomeno per l'analisi di quanto realmente sia stato fatto.

*            *            *

Il fascistoide Salvini, più presente sui socials che nel ministero che presiede, più in foto davanti a piatti succulenti che nelle Aule Parlamentari a rispondere delle interrogazioni, oltre che strillare come il pericolo migranti sia campale per il paese, che additare al buonismo di sinistra come responsabile della presunta invasione, oltre che stringere alleanze con gli altri polulisti europei (che però, poi danno addosso all'Italia), oltre che lasciare dei disgraziati in balìa del mare, oltre sbattere gli immigrati che si stavano integrando in mezzo ad una strada, che cos'ha relamente fatto?

E' UN FATTO CHE LA LEGA ABBIA GIA' GOVERNATO IN UNA MAGGIORANZA DECISAMENTE PIU' "DESTROIDE" DELL'ATTUALE (MINISTRO DELL'INTERNO BOBO MARONI, SEMPRE DEL SUO PARTITO), SENZA CHE GLI SBARCHI VENISSERO FERMATI, SENZA CHE GLI ACCERTAMENTI DI STATUS DI RIFUGIATI VENISSERO ACCELLERATI, SENZA CHE GLI ACCORDI BILATERALI PER I RIMPATRI VENISSERO FATTI. EPPURE, L'ITALIANO MEDIO HA LA PERCEZIONE CHE VOTANDO LA LEGA, SI POSSA FERMARE LA PERCEPITA INVASIONE DEI MIGRANTI. AH, QUANTO CORTA E' L'ITALICA MEMORIA! AH, QUANTO POCO E' ATTIVO IL PENSIERO DEI MIEI CONNAZIONALI!

*            *            *

A sentire parlare Giggino (Di Maio), sembrerebbe che la povertà sia stata sconfitta con un semplice atto legislativo, che chi non ha lavoro avrà di che campare, che i ponti crollati vengano celermente ricostruiti, che se TAV e TAP andranno avanti sarà per un complotto, che (!) un boom economico sia dietro l'angolo, che i raiders e i lavoratori (domenicali) del commercio avranno giustizia, che le crisi aziendali (Ilva, Pernigotti, Merloni, ecc...) verranno risolte, nonché che i corrotti finiranno tutti in galera. E se si provi a confutare su un qualsiasi social il suo verbo, ci si sentirà aggredire da decine (o centinaia, se non migliaia) di fan assatanati, pronti all'insulto, allo slogan facile e all'aggressione verbale organizzata, che annichilisca l'opinione differente.

E' UN FATTO CHE LA POVERTA' NON POSSA ESSERE ANNULLATA PER DECRETO E CHE DIVERSE AZIENDE ABBIANO MESSO IN MEZZO AD UNA STRADA DEI DIPENDENTI, A CAUSA DI DISCUTIBILI SCELTE GOVERNATIVE. DOPO 5 MESI, I MONCONI DEL PONTE MORANDI SONO ANCORA QUASI DEL TUTTO LI' ED ANCORA NON SI CAPISCA COME POTRA' ESSERE DEMOLITO E RICOSTRUITO IN UN ANNO DAL CROLLO. SE TAP E TAV VERRANNO TERMINATI (CON COSTI PURE MAGGIORATI), SARA' PERCHE' TRA LE CHIACCHIERE DA BAR DI CERTI RIDICOLI POLITUCOLI, NON SI E' TROVATO LO STRACCIO DI UN'ALTERNATIVA, DI UNA SOLUZIONE, NE' UNA VERIFICA SU QUANTI SIANO REALMENTE COLORO CHE LE VOGLIANO FERMARE. IN UN MOMENTO IN CUI LE LOCOMOTIVE ECONOMICHE DEL MONDO (CINA E U.S.A.) E DELL'EUROPA (GERMANIA) VANNO RALLENTANDO LA LORO CRESCITA, MENTRE GLI ORDINATIVI PRESSO LE NOSTRE INDUSTRIE (L'ITALIA E' ANCORA UN PAESE MANIFATTURIERO) VANNO BRUSCAMENTE CALANDO, NON SI CAPISCE COME DEI SUSSIDI DI STATO POSSANO FAR SBOCCIARE L'ECONOMIA. QUANTO AI RAIDERS SOTTOPAGATI FIN'ORA NON SI SONO VISTI INTERVENTI MINISTERIALI E L'UNICA NOVITA' E' UNA SENTENZA DI RISARCIMENTO, PER UNA CAUSA COLLETTIVA. QUANTO ALLE CRISI AZIENDALI, NON SI E' VISTO UN INTERVENTO CHE SIA UNO, CHE ABBIA MIGLIORATO LA SITUAZIONE (ALL'ILVA CI SARANNO MENO OCCUPATI, RISPETTO AL PRECEDENTE PIANO INDUSTRIALE), O ABBIA IMPEDITO I LICENZIAMENTI DI MASSA, DEI PROPRIETARI DELOCALIZZANTI. QUANTO AL (NECESSARISSIMO!) DECRETO ANTICORRUZIONE, SEMBRA CHE GIA' IN QUALCHE AMBITO, CI SIANO DEGLI SCRICCHIOLII EVIDENTI, PER SALVARE DEGLI AMMINISTRATORI LEGHISTI... AH, QUANTO NULLA SI NASCONDE DIETRO UN VESTITO IMPECCABILE E LE CHIACCHIERE DA BAR !

*            *            *

Quanto alla sindaca Virginia Raggi, è incredibile come a sentire lei (ed i suoi lacché da tastiera, molti dei quali mai stati nella capitale) grazie alla sua giunta la città di Roma stia rifiorendo, come tutto sia in graduale evoluzione e miglioramento, come i danni "di quelli che c'erano prima" siano in costante riparazione, come i potentati, le mafie locali, i malcostumi, le ruberie siano stati sconfitti.

EPPURE, NELLA CAPITALE NON SI E' COSTRUITO/RIQUALIFICATO NULLA, CHE NON FOSSE STATO AVVIATO SOTTO PRECEDENTI AMMINISTRAZIONI, PER NON PARLARE DEGLI INVESTIMENTI PRIVATI (EX. LO STADIO DELLA A.S. ROMA) CHE DOPO ESSERE STATI OBBLIGATORIAMENTE RIDOTTI A SCAPITO DELLA COLLETTIVITA', CON UN RITARDO DI 2 ANNI "FORSE" POTRANNO RIPARTIRE. DIVERSE GRANDI AZIENDE HANNO LASCIATO LA CITTA' ALLA VOLTA DI ALTRE (EX. MILANO); I SERVIZI PRIMARI, QUALI LA RACCOLTA E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI (N.B. L'ASSESSORA PINUCCIA MONTANARI SI E' DIMESSA NEL SILENZIO GENERALE), LA GESTIONE DEI  TRASPORTI, LA MANUTENZIONE DELLE STRADE E DELLE SCUOLE, FANNO DECISAMENTE PENA E LA CITTA' NON E' MAI STATA TANTO SPORCA, TANTO MAL GESTITA. LE MAFIE ED I POTENTATI, HANNO RIALZATO LA TESTA E LE RUBERIE ED I MALCOSTUMI SONO DIVENTATI PIU' FORTI CHE MAI: LO DICE E LO SCRIVE UNO CHE IN CITTA' CI ABITA, CI VIVE, SMADONNA QUOTIDIANAMENTE...! AH, QUANTI DANNI FANNO I PRESUNTUOSI PRESSAPPOCHISTI !

*            *            *

In tutto quest'assurdo quadro, fatto di biechi approfittatori (Leghisti) e di scarsi pressappochisti (Grillini), due sono le cose che mi continuano a sorprendere: la bieca passività del popolo italiano di fronte a scelte politiche deleterie o inconsistenti e la totale noncuranza con cui viene accettata, per l'ennesima volta, la "normalizzazione" dell'informazione. Interventi in economia che, alla fine risultino peggiorativi, totale silenzio su fatti a cui i cittadini comunque assistano, farebbero indignare qualunque popolo evoluto. In Francia, per molto meno, assistiamo ad una mobilitazione (gilet gialli) che va avanti da mesi. Forse è per questo che in quel paese, pur economicamente inferiore al nostro (...), il potere d'acquisto degli stipendi non si è eroso come in Italia. Forse è per questo che i potenti sono meno arroganti, che i politici sono più preparati, che la democrazia ha saputo reggere alle bombe e alle stragi terroristiche islamiche.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mgf70
Data di creazione: 09/01/2008
 

A V V E R T E N Z A ! ! !

IN QUESTO BLOG (E CORRELAZIONI), VI SONO MOLTI FRUTTI "D'UMANO INGEGNO", CHE HO DECISO DI CONDIVIDERE CON CHIUNQUE FOSSE INTERESSATO. PER QUESTO, CHIEDO DI NON COPIARE NULLA, SE NON DIETRO ESPLICITO MIO CONSENSO. GRAZIE

mgf70

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mgf70
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 49
Prov: RM
 

PREGASI DIFFONDERE !

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni quando la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell'intimidazione, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola.
(Primo Levi- Torino 1974 )

 

QUESTO BLOG, STA CON ROBERTO SAVIANO

ROBERTO SAVIANOLucide le sue analisi, coraggiose le sue parole, profonda la speranza che sa dare: non esiste un "Grazie" sufficientemente grande, per la luce che sa dare, in questo lungo periodo di tenebre.

Meriterebbe una vita "normale", a premio del suo coraggio.

Il suo esempio, riscatta la sua terra e l'umanità intera...

 

C O N S E G U E N Z E . . .

Alla gran maggioranza di noi si richiede un'ipocrisia costante, eretta a sistema. Ma non si può, senza conseguenze, mostrarsi ogni giorno diversi da quello che ci si sente: sacrificarsi per ciò che non si ama, rallegrarsi per ciò che ci rende infelici. (...) La nostra anima (...) Non si può impunentemente violentarla all'infinito...

(Boris Leonidovic Pasternak, Il dottor Zivago)

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

L'ENCRE DE TES YEUX... (F.CABREL)

Qualcosa resta sempre in noi, quando s'incontra qualcuno di speciale: i suoi sorrisi, i suoi sguardi, il bene che ha portato alla nostra anima e, infine, i rimpianti...

L'importante è che tutto ciò che da questa persona abbiamo attinto, resti scritto indelebilmente nelle nostre anime, affinché il tempo assieme, non sia stato inutile

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

STING -Moon over Bourbon street

 

(1989) SENTO IL ROMBO DEI BUS

Non più amici, né donne, o altro, intorno a me. Alle mie parole, solo il silenzio risponde. Lontano, sento il rombo dei bus: pur colmi di gente, a me paion vuoti. Condannato così, a restar in balìa di me stesso, nevrosi e stanchezza...           Inverno e non me ne accorgo, se non dal passo pesante: lo stesso di chi ha perso una partita; identico a quello sulla ghiaia di un cimitero.                                              E, così, non riesco più a sorridere, ad esorcizzare le mie fobìe: spezzati sono i miei ricordi (giammai felici).                                                                                                 Questo mondo di rumori cittadini, è ben distante dai miei pensieri e, mi fa sentire ancor più distante; non ho scampo, dalla mia mente, né dal mio destino...
 

L'ULTIMO SPETTACOLO (S.VECCHIONI)

...non lasciamoci "stancare" dalla prima parte: dà un senso alla (meravigliosa) seconda...

 

R E V I S I O N E

OGGI DI' 5 D'APRILE DELL'ANNO DOMINI 2012, HO DECISO DI PROCEDERE AD UNA PRIMA REALE REVISIONE DEL TEMPLATE DEL MIO BLOG, RIPRISTINANDO, CANCELLANDO, SPOSTANDO, CIO' CHE NON HA PIU' RAGIONE DI RESTARE, CIO' CHE NON ERA PIU' FRUIBILE, CIO' CHE HA PERDUTO DI ATTUALITA' IMMEDIATA: ogni tanto, occorre far pulizia !

SPERO, NESSUNO SE NE ABBIA A RISENTIRE...

 

COL TEMPO SAI (VERS. BATTIATO)

 

(1992) LA FRATTURA

Un attimo, una stupida incomprensione, un attrito ridicolo e ogni motivo di serenità è già finito: non sembra svanita la passione; ma, appare perduta ogni volontà di comprendersi. Non più la voglia di starsi accanto, ma la tentazione d’offendersi, che diviene un muto schivarsi, tra le pareti domestiche…Anche da momenti banali, stupidi, può morire un rapporto.

A che serve, far l’amore con passione, con la voglia dell’altro, se poi ne subiamo il fastidio, nelle cose di tutti i giorni? Poi, si finisce di farlo per noia, o (peggio), per quella forma di “dovere”, insita nei comportamenti consolidati... Così, si finisce per sconfessare il proprio desiderio, arrivando a fare (o farsi) male, pur di annullarne l’identità, con la cosa bella, che conoscevamo.