Oggi più di ieri...

...e meno di domani

Creato da trilly115 il 28/10/2008

I miei link preferiti

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

vichiedoperdonocamel_silverlinaladuladyin.esfrankiegpsn71dicelordilariomarconcinisantapazienza79IustyluceraraFayawayUnBacioLentoBauessinaLo.Scrittore
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

La metà di quello che ho mi è inutile,l'altra metà supeflua.

Post n°9 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da trilly115

Image Hosted by ImageShack.us

Che differenza c’è..lo vorrei capire. Tra dire di aver dato,e l’aver ricevuto ,tra il credere di essere, e il dover invece apparire. Che peccato a dirlo o solo a pensarlo. Ma è una pena ancor superiore viverlo. Non è solitudine istantanea. O la paura che sia una condizione permanente.

E’ solo il sintomo di una malattia lieve che ci porta a diventare simili agli altri. E si aggrava nel momento in cui gli altri sono diversi da noi e la cura richiede omogeneità .Darsi da fare insomma…trovarsene uno,che bisogna presentarmi per lo meno in coppia. Anche in quei momenti che andresti bene singola.

Ci si sente soli,in mezzo a tanta gente,..soprattutto se  tutti a due a due si tengono per mano..e siamo in numero dispari.

 

 

 

 

 
 
 

TI ho mai detto che ti penso?

Post n°8 pubblicato il 26 Novembre 2008 da trilly115
 

Aspetto con ansia. Lo faccio in gran segreto, affinché la mia delusione sia solo mia e non vada condivisa con altri. Aspetto perché questi giorni vanno così. Perché in fondo ci stiamo conoscendo…e non è detto che le bionde debbano piacergli per forza.

Aspetto e lo faccio tenendo staccato il telefonino, perché il mio numero non  ce l’ha. Non ancora.

Lo faccio e trattengo il respiro perché in fondo conoscersi via chat non piace a nessuno. E tra un sabato e l’altro ne passano di bionde sotto i ponti. E nelle gallerie.

Aspetto,concedendomi  delle iniziative. Anche se le faccio da brilla,con una faccia tosta che non è la mia.

E mi costringo a rischiare,anche se questa volta vorrei provare a indossare i panni della ‘’conquistata’’,ma tanto già so per esperienza che mi saltano sui fianchi e  la cerniera non mi sale.E quindi rischio. Perché se mi va,me lo porto a casa in un pacco regalo per Natale,e lo butto giù dal balcone  a capodanno. O magari lo lego ai piedi del letto e giù coccole come e quando voglio.

Se voglio.

E se non lo voglio mi ributto in pista,con una parrucca nuova e un sorriso da diva.

Oppure se proprio mi va male,me lo sposo. Giuro che lo faccio. E me lo porto a spasso con un collare d’oro e il mio nome tatuato sui denti.

Aspetto. Che mi posso inventare ?

''TI ho mai detto che ti penso?''

E lo faccio perchè non ho altro da fare...

Image Hosted by ImageShack.us

 
 
 

Novembre

Post n°7 pubblicato il 07 Novembre 2008 da trilly115

Sono di nuovo insieme. Si sono lasciati per le stesse ragioni,con le medesime intenzioni di chi lascia per non tornare. Ma  ora sono di nuovo insieme.

Certe logiche non funzionano.

O almeno non sono valide per tutti.

L’arte della riconquista non richiede tempo, per due innamorati. Non servono 100 rose rosse,in certe storie ne basta una. In alcune altre,nessuna.

Ma non ci sono regole alle quali attenersi,tempi da rispettare ,o passi falsi nei quali cadere. Che quelle ragioni fossero più o  meno valide lo si viene  a sapere solo poi,col tempo..con molto tempo.

Le intenzioni poi cambiano,come le stagioni. Perché basta  una falce di Luna , il sapore di vaniglia tra le labbra,o molto meno, come un l’angolo che forma il gomito sul quale appoggiare una testa, o il modo in cui nessuno ti guarda più, per farti ricapitolare.

Altrove esiste un posto dove ci si lascia,solo per il gusto di tornare.

Ti ho detto che ti disprezzo?

Ti ho detto che voglio lasciarmi tutto alle spalle? 
Non posso smettere di pensarti…

(Fino a quando non avrò trovato qualcun altro…)

Image Hosted by ImageShack.us

 

 
 
 

Gelosia

Post n°6 pubblicato il 05 Novembre 2008 da trilly115
 

Image Hosted by ImageShack.us

Stasera,dicono,ci sarà un cielo fondente e una luna d’acciaio.

Molto meglio restare a letto con granelli di zucchero tra le lenzuola e i fuochi d’artificio che si riflettono nello specchio sul comodino.

Da quando sei tornato non si vede più un capello riccio.

-Torneranno?-

-Vedrai…Ce ne saranno così tanti,sul tuo viso,sul petto,intorno al collo,sarai talmente sommerso che non vorrai vederli per un bel po’-

-Bugiarda…-

Magari lo fossi ,non dovrei nascondermi il viso nel  dirti che qui sei mancato.

-Hai altri vestiti quando non sei con me?-

-Ho solo questi.-

-Quando ti muovi ti si vede tutto…-

-So stare molto più ferma di così-

-Bugiarda…e poi le gonne,non dovresti metterne di così corte.’’

-Ma non sono corte-

-Allora hai sbagliato a fare il bucato. Ti si è stretto tutto.-

-Ma perché? Ho brutte gambe?-

-Ma no,Cristo Santo. Hai delle gambe da Dio..-

-Inizi ad essere credente.-

-Ma no. Inizi a piacermi sul serio-

Che tempi!E io che dopo aver condiviso letto, forchetta e iPod mi aspettavo un Ti Amo…

Ho deciso. Da domani esco nuda.

 
 
 

Ciuffi di panna

Post n°5 pubblicato il 03 Novembre 2008 da trilly115

Sei una vera amica,di quelle che se avessi nove anni ti farei firmare un patto di sangue. Se avessi,ecco. Ma ne ho compiuto qualcuno di troppo,e forse allora non avrei avuto bisogno di una come te.

Ce ne restiamo ore nella tua cucina gialla,a bollire latte per la panna cotta. Ho i capelli che sanno di vaniglia e le dita impastrocchiate di zucchero.

-Ti ho presentato due bravi ragazzi…ora dimmi che non te ne piace nessuno-

-Mi piacciono quelli cattivi.-

-Vuoi solo quelli che non hanno nulla che ti ricordi te. Con la barba lunga, una libreria piena; e magari figli  e nipoti.-

-Voglio che abbiano un universo intero,caldo sotto il quale infilarmi quando c’ho freddo-

-Non un uomo,ma un albergo a cinque stelle vuoi. E me bella pronta a fare le valigie quando vuoi andare via-

Vorrei solo che qualche volta mi lasciassi sbagliare in silenzio.

Verrà il tempo,in cui farai una torta come si deve,magari bella gonfia e con le decorazioni di marzapane. E io non leccherò i tuoi cucchiai di legno e non  divideremo a metà  la crema rimasta sul fondo. Mi perdonerai di averlo trattato male,e averlo cacciato dalla tua vita. Di non averlo amato quanto ti avevo promesso.

Intanto infili un dito nella pentola,dove lo zucchero ha formato una crosta.

-Vuoi?-

-Non desidero altro.-

Image Hosted by ImageShack.us

 
 
 
Successivi »