Creato da giancarlo.matta il 06/03/2011
LIBERO PENSATORE

Area personale

 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

RISPOSTA POSSIBILE AL TERRORISMO ISLAMICO

Post n°102 pubblicato il 07 Gennaio 2019 da giancarlo.matta
 

ECCO UNA POSSIBILE RISPOSTA AL TERRORISMO ISLAMICO.

Ecco una possibile risposta al terrorismo islamico : se i terroristi islamici che “lavorano” dalle nostre parti non temono la loro propria morte,bisogna indurli a temere qualcos’altro, ad esempio la morte delle persone aloro care. Dovranno pure averne qualcuna. Se il terrorista islamico rimane ignoto, ci si rassegna; ma se viene identificato (anche tramite il “DNA”) si ricerca,si cattura e si sopprime tutta la sua famiglia fino al primo grado: in Diritto ciò significa moglie (…o mogli), figli e figlie, genitori, fratelli e sorelle,qualunque sia la loro età, il loro stato, il loro numero e ovunque si trovino.Per non parlare di una possibile rappresaglia/punizione che si spingesse fino al secondo grado di parentela.

Gli scrupoli sarebbero fuori luogo. Si ucciderebbero degli innocenti esattamente come ha fatto il terrorista islamico, e si attuerebbe finalmente una guerra simmetrica. Inoltre si confischerebbero tutti i beni reperibili di tutte le persone uccise e sarebbero demolite le case in cui abitava il terrorista e quelle dei parenti suoi, anche se fossero palazzi di tanti appartamenti.

In questo modo il terrorista islamico non dovrà più mettere in conto solo la propria morte, ma anche quella di altre persone magari innocenti di cui–stavolta– non può non importargli. Inoltre, creando il problema per tutti i suoi parenti e per tutti i suoi vicini di casa ( e per i proprietari degli immobili i quali le affittano loro ), non sarebbe improbabile che, per amore della propria vita e dei propri beni ( non per amore della vita degli innocenti che quel criminale fanatico stesse per uccidere o uccidesse ) molti si deciderebbero a fermarlo in tempo, o almeno a denunciarlo mettendo da parte l’omertà.

Naturalmente se la famiglia fosse in un altro Paese e quel Paese si rifiutasse di consegnarla al completo, con uno o più bombardamenti pesantissimi si raderebbe al suolo il sito in cui nacque o abitava il terrorista e i suoi,in base a dati certi o anche solo presunti. E pazienza per eventuali “danni collaterali”.

(Chi si ricorda dei bombardamenti degli alleati sulle città poco difese della Germania nazista ?)

Se si trattasse di rinnegati nostrani che hanno abbracciato la “fede islamica” (e relativi parenti) : per soprammercato tutti i loro beni, diritti, previdenze, titoli, ed ogni e qualsiasi altra consistenza economica mobiliare ed immobiliare saranno immediatamente confiscati con opportuni accertamenti, ed estensione fino al termine della successiva generazione di individui appartenenti alla stessa famiglia anche in linea collaterale, revocando tutti i diritti civili di successione legittima.

Inoltre, i corpi dei terroristi islamici uccisi, o i loro resti comunque reperiti, e i corpi dei loro familiari soppressi, dovranno essere seppelliti nudi e senza cassa, col capo rivolto verso il centro della Terra (simbolicamente in direzione dell’inferno, per i credenti) -in luoghi noti e con lapidi esplicite e infamanti, che come ammonizione documentino e tramandino le notizie degli attentati e delle rappresaglie- insieme a corpi di maiali e cani macellati per l’occasione e ai loro escrementi.

Notoriamente, gli islamici-veri amano maiali e cani…e amano essere seppelliti a testa in giù. Dunque = Onori al Merito.

Tanto, in deroga speciale rispetto al vigente Regolamento di Polizia Mortuaria.

La decisione irrevocabile di attuare queste tattiche –sospendendo qualsiasi adesione a trattati internazionali che le escludessero- e la loro conseguente pratica, fino a quando l’ultimo islamico-vero e violento o i suoi parenti siano vivi, dovrà essere debitamente resa nota a tutti i Paesi del mondo.

Come è chiaro, quanto esposto è un punto di vista strettamente militare e“simmetrico”. Se i terroristi islamici attuano il  “jihad”  nel senso di “guerra”, dovrebbero sapere che in guerra sono previste le rappresaglie, anche indirette, come nel loro caso. E se sono previste per comportamenti sleali nei confronti delle forze militari in campo, figurarsi se non possono essere previste in caso di comportamenti sleali nei confronti di civili innocenti ed inermi.

Quanto a eventuali proteste internazionali, se ne potrebbe tenere lo stesso conto che ne tiene lo Stato Islamico ISIS nel compiere e pubblicizzare le proprie gesta.

Quando si tratta di islamici-veri, date le circostanze la pietà non deve esistere.

Proposte impraticabili ? Certo, come no… . Tuttavia, riparliamone dopo la prossima strage commessa dai terroristi islamici dalle Nostre parti.

Il miglior modo per difendersi da qualcuno, è quello di comportarsi peggio di come si comporta colui.

I catto-comunisti-buonisti fifo-islamici sono ammoniti : se ne facciano una ragione.

 

 
 
 

ALCUNI GOVERNI DEVONO CADERE

Post n°101 pubblicato il 25 Marzo 2016 da giancarlo.matta

SG 4-4 FINE

 
 
 

NO a ISLAM [aggiornato 2016]

Post n°100 pubblicato il 25 Marzo 2016 da giancarlo.matta
Foto di giancarlo.matta

Nessun favore, nessun privilegio pubblico riservati agli islamici. Inoltre: la "tolleranza" NON è un obbligo di Legge. E nel Codice Penale italiano non esistono “attenuanti culturali”. E tollerare fatti illegali (per paura o per quieto vivere), ha come solo esito di aggravare la situazione. La sciagurata propensione delle “sinistre” nostrane verso gli islamici (della quale, e da tempo, ho scritto varie volte tentando di spiegarne le ragioni) in parte potrà anche essere motivata con l’atteggiamento di arrogante e stupido storicismo tipico degli intellettuali “progressisti”. Che è mai lo “storicismo”? Si tratta di quell’atteggiamento di superiorità che manifestano coloro i quali sono convinti di avere capito tutto della vita, della storia umana, della società; di saperne prevedere gli sviluppi, addirittura di poterne determinare gli esiti. Si potrebbe anche definire -in modo elegante- “atteggiamento di errata prospettiva / percezione etno-centrica” con la supervalutazione della propria cultura e, di conseguenza, la sottovalutazione della cultura / mentalità altrui. Mica male, per sedicenti “progressisti” ! Gli arroganti “storicisti progressisti” nostrani sono talmente tronfi da nutrire persino la convinzione che nulla e nessuno metterà giammai in discussione, tanto meno a repentaglio, le loro (le nostre) “conquiste” di civiltà faticosamente raggiunte lungo tanto tempo. Grave errore di valutazione. Grave temerarietà di menti ottuse. Insistendo col manifestare simpatia, condiscendenza, tolleranza, (beninteso mai ricambiate, se non con ulteriori pretese e tentativi di imporsi) verso gli islamici, gli irresponsabili “progressisti” nostrani (di ambedue i sessi, beninteso) scherzano col fuoco. E si scavano la fossa: innanzitutto “politica” e poi probabilmente anche “fisica”. Il fuoco, una volta appiccato, non si lascia guidare dalle “pie” intenzioni degli incendiari. Gli islamici devono rispettare tutte le nostre leggi, così come le devono rispettare tutti coloro che vivono in Italia, senza necessità di stipulare con essi dei “patti” speciali. Senza elargire loro favori o “tolleranza” pelosa. Gli islamici devono essere trattati come tutti gli altri cittadini. Se non sono disposti a rispettare i nostri doveri non possono godere dei nostri diritti. In Italia di leggi ne abbiamo abbastanza: se se ne esige e ottiene il dovuto rispetto, l’islam vero (incompatibile con il nostro ordinamento giuridico) si ridurrà caso mai a un problema di “semplice” ordine pubblico. Nient’altro. Lo stiamo ripetendo da anni.

Alcuni principi di sana etica del moderno Stato laico da sostenere nel pubblico interesse (e opponibili a TUTTE le “religioni”) e ovviamente conformi al vigente Ordinamento Giuridico.

Essi possono rappresentare la risposta legittima e ragionevole di una cittadinanza spesso minacciata e oltraggiata. Inoltre, dicono ciò che molti pensano.

NO a istituire “consulte” pubbliche -discriminatorie- dedicate solo agli islamici.

NO a carte di identità recanti foto con connotati del viso parzialmente coperti da indumenti.

NO a pretesa di essere identificati da agenti di Pubblica Sicurezza del sesso richiesto dalla persona che deve essere identificata.

NO a gente che circola a volto coperto ( …come i banditi ).

NO a menù di mense pubbliche modificati per ragioni “religiose” discriminatorie.

NO a quelli che non vogliono essere interrogati, visitati, curati, istruiti da persone di sesso femminile.

NO a discriminazioni di genere sui luoghi di lavoro pubblici.

NO a separazioni e / o discriminazioni di sessi in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

NO a usi di aule, ambulatori, piscine, palestre, spiagge pubbliche, separate o con separazione dei sessi.

NO a siti pubblici o aperti al pubblico “concessi” per riti “religiosi” con segregazione dei sessi.

NO a richiami sonori “religiosi” se disturbano la pubblica quiete.

NO a sepolture cimiteriali senza cassa come preteso da taluni “credenti” men che meno in aree cimiteriali separate appositamente da quelle per appartenenti ad altre fedi.

NO a macellazioni di animali senza la loro preliminare anestesia.

NO a mutilazioni rituali praticate sui minorenni, per giunta con costi pretesi a carico del servizio sanitario pubblico.

NO a rimozione simboli religiosi da luoghi pubblici se rappresentativi del prevalente sentimento religioso nazionale e derivanti da intese Stato–“religione”,

NO a realizzazione di luoghi di “culto” senza preventiva intesa tra lo Stato e la organizzazione “religiosa” titolare.

NO a condizionamenti delle attività del ciclo scolastico primario pubblico solo per non “offendere” i credenti in qualche religione.

NO a impedire o limitare il pubblico diritto di critica a tutte le religioni.

NO a “liti temerarie” impostate nei tribunali, contro chi critica motivatamente determinate pratiche incompatibili con la civiltà, liti avviate col pretesto di “offesa alla religione”.

NO a lettura pubblica di testi “sacri” là dove quei testi istigano alla violenza.

NO a tollerare discriminazioni, intimidazioni, minacce, aggressioni, per apostasia, omosessualità, infedeltà coniugali, rapporti sessuali extra-coniugali tra adulti consenzienti.

NO a tollerare prediche “religiose” in lingue diverse dall’italiano, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, o sulla rete informatica italiani.

NO a tollerare organizzazioni di indottrinamento religioso radicale gabellate come “centri culturali”.

NO a tollerare o a coprire di omertà la poligamia, il ripudio, la pedofilia, l’incesto.

NO a tollerare o a coprire di omertà i “matrimoni combinati” con soggetti minorenni.

NO a tollerare abusi di potestà parentale sui minori col pretesto d’impartire loro “educazione religiosa” o a tollerare minacce fisiche e / o psicologiche, costrizioni, violenze, abusi, prevaricazioni, soprusi, segregazioni di genere, commessi su familiari in nome di “tradizione religiosa”.

NO a tollerare la -nociva e pericolosa per sé e per gli altri- pratica dello “pseudo-digiuno” (non bere né mangiare dall’alba al tramonto, per poi nutrirsi dal tramonto all’alba, e tanto per ben un mese), unita alla pretesa di continuare nel contempo il proprio lavoro - pubblico o privato che esso sia.

NO a tollerare o giustificare occupazioni più o meno abusive di siti pubblici per “pregare”.

NO a tollerare interruzione di pubblici servizi per “pregare”.

NO a tollerare interruzioni del lavoro sui posti di lavoro pubblico per “pregare”.

NO a tollerare o giustificare bande di teppisti intimidatori auto-definitisi “polizia islamica”.

NO a tollerare “zone speciali” di territorio nazionale dove avvengono abusi islamici non puniti.

NO a tollerare pubbliche apologie della legge islamica ortodossa che dove comanda -salvo prova contraria- tra le altre cose approva la schiavitù, le esecuzioni capitali per apostasia, l’uccisione degli omosessuali, le pene corporali crudeli, la segregazione delle donne, le mutilazioni rituali ai minori, e che in genere considera “cittadini di seconda classe” i non musulmani, e divide il mondo in due sole parti: la Casa dell’islam (i Paesi dove esso domina incontrastato) e la Casa della Guerra (i Paesi dove l’islam tenta con ogni mezzo di imporsi).

E a chi replica con = “DIRE CHE TUTTI I MUSULMANI SONO VIOLENTI SOLO PERCHÈ ESISTE LA VIOLENZA ISLAMICA EQUIVALE A DIRE CHE TUTTI GLI ITALIANI SONO MAFIOSI PER IL SOLO FATTO CHE IN ITALIA ESISTE LA MAFIA” = faccio osservare come in Italia nessuno osa sostenere che la mafia sia pace, amore, tolleranza, fratellanza… e sono solo i mafiosi che la praticano male snaturandola e ledendone l’immagine… . Mentre a proposito di islam i dissimulatori affermano che sono solo alcune persone a sbagliare : la religione islamica invece sarebbe giusta. Si vede, nella Cronaca e nella Storia, quanto lo sia e lo fu … .

E le donnette investite di carica o funzione pubblica le quali si presentano coperte con la tragicomica bacucca al conspetto di qualche sogghignante maschio islamico, compromettendo così non solo la loro propria dignità personale (ammesso che giammai ne abbiano, e alla quale peraltro nessuno baderebbe), ma anche la dignità della pubblica funzione che rivestono: devono per questo soltanto vergognarsi. Dobbiamo riuscire a fermare i nostri “progressisti” che si stanno gettando scriteriatamente in un abbraccio a esito mortale con l’islam vero.

Non possiamo permettere che la nostra società, che vogliamo libera, civile, progredita, sia compromessa e regredisca a causa della stupidità oscena di alcuni suoi appartenenti. Il nemico principale dei veri islamici, come dei “rossi”, è da sempre la migliore alleata dei cittadini dell’Occidente = la LIBERTÀ. Se non riusciamo NOI a difendere i nostri valori, nessun altro lo farà. Se desideriamo salvaguardarli, si deve ammettere che gli islamo-nazisti hanno dichiarato guerra al Mondo Libero. Decidiamo se vogliamo difendere la libertà o se preferiamo piegarci -ancor più- alla crescente intimidazione islamista.

Quanto alla stramaledetta “Unione Europea” la quale spesso ha dimostrato una pericolosa islamo-filia: confido di vivere ancora abbastanza per poter ammirarne la fine.

 
 
 

LA LINGUA, LA LEGGE, LE MOSCHEE.

Post n°99 pubblicato il 25 Marzo 2016 da giancarlo.matta
Foto di giancarlo.matta

INIZIO 1-4

 
 
 

SOCIETA’ MODERNA e ISLAM-VERO

Post n°98 pubblicato il 25 Marzo 2016 da giancarlo.matta

SEGUE 2-4

 
 
 
Successivi »