Creato da La_Rosa_Di_Jericho il 03/07/2012

LaRosaDiJericho

un blog...naturale

 

« La Aralia o "Fatsia Japonica"buon compleanno Mary,un ... »

La betulla

Post n°8 pubblicato il 15 Luglio 2012 da La_Rosa_Di_Jericho
 

 Buon pomeriggio a tutti, dopo un po' di giorni di assenza, eccomi di nuovo quì; oggi vi riporto una chicca sulla "Betulla", che oltre ad essere un belissimo albero, ha anche delle proprietà che io sessa non conoscevo e che condividerò ora in questo post.

 La Betulla

Nome comune per betula, appartenente alla famiglia delle Betulacee, è un albero dall'importante valenza estetica, particolarmente gradito anche a coloro che hanno poco spazio a disposizione per coltivare.

 

La pianta ha generalmente crescita rapida e riesce in pochi anni a svilupparsi in maniera proporzionata e armonica, nel tronco come nella chioma, evitando quasi sempre fasi difficoltose nella coltivazione per quanto riguarda i periodi di gioventù. Assai apprezzata, fra le sue caratteristiche, l'ombra leggera che offre e che agevola la coltivazione di piante fiorifere sotto di essa. Un difetto riscontrabile nella betulla è invece la sua vita breve: assai di rado, infatti, è possibile riscontrare esemplari della pianta che abbiano superato i 60 anni di età.

 

Ma per quanto riguarda gli aspetti notevoli della sua bellezza è bene ricordare gli elementi associati che la betulla può vantare: giovani rami di colore marrone e lucentezza tendente al porpora, oltre a una corteccia che quando si irrobustisce presenta gradevoli sfumature argentee che ammantano il tronco di una sorta di aura di luce all'interno del giardino o del paesaggio. In seguito, con il trascorrere degli anni, la parte più bassa del tronco può presentare una corteccia provvista di chiazze scure. In primavera le gemme fogliari, nell'aprirsi, diffondono in aria un piacevole odore aromatico.

 

 

La betulla ha portamento collonare e altezza che può arrivare a 12 o 18 metri, ma in casi più rari anche ai 25 metri.Le foglie hanno colore verde scuro o verde oliva all'inizio del loro sviluppo, per poi espandersi prendendo forma ovale. Esse si presentano ciondolanti da peduncoli sottili e volgono in tonalità dorate al loro cadere nella stagione autunnale.Nel corso della primavera gli amenti maschili, che presentano colore giallo, ravvivano il complesso fogliare.

 

Ugualmente accade agli amenti femminili sul finire dell'estate, poco prima di aprirsi e lasciar cadere i loro piccoli semi che si spargeranno nel vento.I fiori si presentano raggruppati in infiorescenze per quanto riguarda gli esemplari maschili che sono separati da quelli femminili, ugualmente presenti nello stesso individuo.

La betulla in erboristeria

 

La betulla è una pianta con molteplici proprietà benefiche per il benessere psico-fisico generale, utile per favorire la diuresi e pertanto è utile anche nel trattamento anticellulite.

La betulla oltre ad essere usata come una pianta ornamentale grazie al suo fogliame elegante, è usata anche nell'industria del mobile per il suo legname ed in erboristeria per il suo potere diuretico, drenante, antisettico ed antinfiammatorio.Foglia: flavonoidi (contenuto minimo: 1,5%): iperoside (2-3%), olio essenziale (1%): ossidi sesquiterpenici, tannini (leucoantocianidine), vitamina C (0,5% nelle foglie fresche), acido clorogenico e caffeico; resine, alcoli triterpenici (derivati del lupano: lupeolo, betulinolo, acido betulìnìco, e del dammarano), saponine Corteccia: triterpeni e loro saponine: 10-14% betulina (canfora di Betulla), tannini.Il decotto di betulla

 

 

Nella maggior parte dei casi, il decotto di betulla si deve preparare con le foglie più giovani della pianta di betulla: nel caso in cui cui le compraste in erboristeria, è sempre meglio accerta che provengono da coltivazioni biologiche certificate, in maniera tale da poter godere delle più importanti proprietà benefiche presenti naturalmente all'interno della pianta.Spesso, si può procedere all'aggiunta di succo di limone o di qualche dolcificante (come ad esempio un pizzico di miele o di zucchero di canna), in maniera tale da rendere più il dolce il decotto di betulla.

Si consiglia, sopratutto quando si acquistano le foglie di betulla in erboristeria, di non eccedere le dosi indicate, che spesso coincidono con due tazze al giorno.Si può realizzare un ottimo decotto anche sfruttando le gemme di betulla, che si possono facilmente trovare presso tutte le erboristerie.In primo luogo, è necessario versare 100 grammi di gemme di betulla all'interno di 700 ml di acqua: accendiamo il fuoco e facciamo il bollire il decotto, fino al momento in cui la quantità di acqua non è scesa a 500 ml.Infine, provvediamo al filtraggio, in maniera tale da rimuovere delle eventuali parti di gemme che possono essere rimaste all'interno del composto e poi possiamo servire il decotto all'interno di un bicchierino e il dosaggio non dovrà superare i tre bicchieri al giorno.Nel caso in cui aveste intenzione di impiegare sia le foglie che le gemme della pianta di betulla, allora si può realizzare un altro ottimo decotto.In questo caso, si consiglia di procurarsi circa venti-venticinque grammi di foglie e gemme di betulla, da versare all'interno di un litro d'acqua.Facciamo bollire l'acqua insieme alle foglie ed alle gemme di betulla e, una volta raggiunta la temperatura di ebollizione, spegniamo il gas: arrivati a questo punto possiamo filtrare il composto, magari servendoci di uno strumento adeguato.

 

Ricordiamoci sempre di provvedere all'aggiunta di un grammo di bicarbonato di sodio.Per realizzare quest'ultimo decotto, c'è anche la possibilità di impiegare la corteccia di betulla.

 

 

Curiosità

Piantare una betulla accanto alla casa di una ragazza le assicurava una vita amorosa e un matrimonio felici e, per una fanciulla, regalare un rametto di betulla ad un corteggiatore significava accettare il suo corteggiamento. Nella mitologia celtica, data la colorazione della sua corteccia, che nelle notti di luna piena assume riflessi argentei, la betulla era la pianta della Grande Madre, legata alla femminilità e quindi all’Altromondo, il mondo al di là del velo della realtà e della materia. La Dea maggiormente legata a quest’albero, rispetto ad altre, era Brighid, il cui nome stesso ha origine dalla radice “birgh”, che significa, per l’appunto, betulla.

 

Ed anche per oggi è tutto....ci tengo a precisare che ciò che leggete in tutti i miei post è reperito dal web e riportato su foglio word, poi faccio un riassunto di quel che mi sembra più saliente per una migliore consultazione e lettura.

Un abbraccio a tutti e buon fine domenica, con un bel bicchiere di acqua fresca, visto che il caldo ancora non ci ha abbandonati

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog



 

TAG

 

 

AREA PERSONALE

 

 

Scatta una tua foto e lasciami un saluto

con la tua immagine. Gradirei sapere chi mi manda i

saluti, ovvero SCRIVETE IL VOSTRO NOME IN FONDO AI COMMENTI

DI UN QUALSIASI POST, così so chi di voi mi lascia la sua

immagine  

GRAZIE A TUTTI 

Clicca qui 

             
                    Voir le trombi

                
                  
               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Clicca sull'immaginetta

        per scoprire

   Una parola al giorno

            (。♥‿♥。)

 

 

 

 


 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

 

 

 

 

 

ambiente