Creato da: bysniper il 12/10/2013
Un po di tutto..

Clikka sulla foto per leggere il widget

 

      

 

LINK UTILITA'

          
          

 

Ultime visite al Blog

bysniperLunaRossa550malware_jinxladyclassicall.saltasole_smilearia_mok_snipercreamirikku_ffx_itDIAMANTE.ARCOBALENOlacky.procinotryllipersempreMonica_mmm84
 

     - DEEP PURPLE      - GUNS N' ROSES
     - URIAH HEEP         - ZEPPELIN
     - VAN HALEN        - PINK FLOYD
     - METALLICA        - QUEEN
     - ZZ TOP                - DIRE STRAITS
     - THE EAGLES       - ELTON JOHN

 

     

 














 

DIRETTE RAI

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« Mondiali 2014Riepilogo delle notizie ... »

MIRACOLO ITALIANO NEL SOTTOSUOLO IN BAVIERA

Post n°25 pubblicato il 24 Giugno 2014 da bysniper
 

 

Ci sono voluti 11 giorni per portare fuori dalla grotta del Riesendig Schachthöhle lo speleologo tedesco Johann Westhauser ferito da una caduta improvvisa di massi. Una profondità di un chilometro e un percorso fatto di cunicoli, pozzi verticali e strettoie: in poche parole, la grotta più profonda della Germania. A lavoro un team internazionale con 109 tecnici italiani.

A rendere possibili queste difficili operazioni di recupero un team internazionale di tecnici austriaci, svizzeri, tedeschi, croati ed italiani specializzati in soccorso speleologico. In particolare, sono 109 i tecnici del Cnsas - Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico - ad essere stati coinvolti nel recupero dello speleologo tedesco, durato 275 ore. Dal Cnsas sono arrivati anche 5 medici e 3 paramedici, esperti in soccorso medicalizzato in ambiente ostile e giunti per primi ad aiutare il ferito. Lo hanno poi seguito per tutto il percorso, dividendosi in più team. Controlli d'urgenza e poi il trasporto in ospedale Arrivato in superficie verso le 11.44 del 19 giugno, Johann Westhauser ha passato alcuni controlli preliminari effettuati dai medici di urgenza. Poi è stato trasferito in ospedale. Per l'uomo, che lavora presso il Karlsuhe Istitute of Technology, non era la prima volta all'interno della grotta più profonda della Germania. Le operazioni sono state dichiarate ufficialmente concluse alle 14.30, con l'ultimo elitrasporto dei tecnici dalla cima della montagna al campo base, ospitato da una caserma dell'esercito. La grotta Riesendig Schachthöhle, scoperta intorno alla metà degli anni '90, non è stato mappata fino al 2002. Si tratta di un percorso lungo più di 19 chilometri e che può arrivare fino a 1.100 metri di profondità.

"Abbiamo scritto un capitolo della storia del salvataggio alpino", ha commentato con la stampa il presidente del soccorso alpino tedesco, Norbert Heiland, mentre lo stesso Westhauser ha promesso "Chiamerò tutti personalmente".

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog