Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« Indice di Rime inedite del 500Indice di La Bella Mano »

La Bella Mano (031-035)

Post n°735 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da valerio.sampieri
 

La Bella Mano di Giusto de' Conti

XXXI

A Orso Orsini(?)

Orso, né l'Arno già, né il Tebro, o il Nile,
Né il Ren, che bagna et riga il bel paese,
Dove sì altamente amor mi prese
Di cosa tal, che ogni altra mi par vile,

Spegner porian di quel foco gentile,
Che m'arde il cor, pur due faville accese,
Sì, mi fur dentro et con tal forza, apprese,
Mirando alta belleza in atto umile:

Né tutti i quattro i venti insieme accolti
Sgombrar porian la nebbia dei pensieri,
Che mi raduna in core un bel disire.

Hor quando dunque Amor vorrà ch'io speri
che i miei sospir dal petto mi sian tolti,
E in cor, temprato il foco del martire?

XXXII
O mondo, o voglia ardita, onde mi dole;
O van pensier, che la mia mente allaccia;
O tu, donde arde il core et sempre aghiaccia,
Fra noi, per maraviglia, vivo sole;

O pompa delle angeliche parole,
Che a forza de i suoi corpi l'alme caccia;
O dispietato artiglio, onde m'abbraccia
Amor, che m'ha pur giunto ove lui vole:

O rinnovati miei passati affanni,
O fera stella, che il diaspro induri,
Ver cui già far difesa a me non vale:

Et voi, occhi beati et troppo duri,
Nemici congiurati nei miei danni,
Deh, perché a torto, perché tanto male?

XXXIII

Io vidi già sì altere et nove cose,
Che il pensier sol da ogni altra m'allontana,
Vidi nuova sembianza più che umana,
Dove ogni arte Natura, e il Ciel ripose:

Vidi le ciglia tanto aventurose,
Giunte a quegli occhi, ove ogni luce è vana;
Et quella Man, che sol poria far sana
L'alta piaga d'amor, che il cor mi rose:

Seguendo di chi m'arde i passi et l'orme,
Parole udii, che altrui ascoltar non lice,
Fra perle et rose mosse con silentio.

Questi atti nel mio cor con salde norme
Ferno già dolcemente la radice,
Donde or vien frutto amaro più che absentio.

XXXIV

Mentre io potei portar celato il foco,
Che già sì lungamente m'arse il petto,
Strinsi la fiamma, benché a mio dispetto,
Che, chiusa, m'ha infiammato a poco a poco.

Ma poiché pur crescendo non è loco
Nel cor, che basti al dispietato affetto,
Legato et preso al fin, come suggetto
Mercè chiamando, a te conforto invoco.

Guarda la vita mia quando ella è oscura,
Et prendine pietà di tanti guai,
Che son condotto al punto del morire;

E tosto, ahi me, per Dio soccorri omai,
Che se la guerra picciol tempo dura,
Non posso in tanto affanno più soffrire.

XXXV

In quella parte, dove i miei pensieri
Miran quegli occhi vaghi, anzi quel sole,
Che scorge al glorioso fin la gente,
Convien che le dolenti mie parole
Per forza pieghi, avenga ch'io non speri
Trovar parlando posa al cor dolente.
Divina luce, che sì dolcemente
Mia vita ardendo, al foco mi consumi,
A te rivolgo tutti i miei sospiri:
Et se pur dai martiri
Non mi dan pace o triegua quei bei lumi,
Più misurata guerra al cor si faccia:
Quelle spietate braccia,
Ond'io cotanto oltraggio ancor sostegno,
Apra s'io ne son degno,
La natural bontà, che dal ciel hai,
Commossa da pietà di tanti guai.
Quello infinito ben, di che io ragiono,
Et quell'alta speranza che indi nasce,
Gli spirti invola nel parlar ch'uom face:
Talché l'alma ingannata allor si pasce
D'ombre soavi, che raccolte sono
Nel cor, che disiando ognor si sface:
Così si annoda la mia lingua et tace,
Che volea dir della mia acerba vita;
Et di bontade or parla et di salute,
Sì forte è la virtute
Di quello alto subietto che la invita,
Che ragionando eterno ne divento.
Nel ben passato io sento
Il mal presente, et me medesmo oblio;
Et morto è quel disio,
Che m'avea scorto a lamentar del foco,
Che mi va consumando a poco a poco.
La meraviglia del crudel mio stato,
Che dolcemente vien da dolce parte,
Fa che il mio mal non creda chi l'ascolta,
Benché il parlar sia certo in mille carte.
O mio soccorso tanto disiato,
Per voi, mirate quanto l'alma è involta
E stretta sì, che mai non fia più sciolta,
Se non rompe la man che già la prese,
Quella catena d'oro, ove la stringe.
L'angoscia che dipinge
A color' tanti le mie guance accese,
Et chi m'affredda in un punto et scolora
Trapassa ad ora ad ora
L'usato sì, che il fin spero da poi.
So ben ch'altri che voi
Del mal, che m'invaghisce et che m'incende,
Né la cagion né le parole intende.
Et per più doglia so che stella cara
Dispone gli atti vostri, et che Natura
Vi fece umana et di pietate amica.
Quel vago impallidir, che il fronte oscura,
E il subito infiammar, dove s'impara
Morire et ritornar, vie più m'intrica.
Lasso, a me non val, dolce nemica.
Né forza di pianeti, o d'altre tempre,
Né cangiar quei bei lumi, ond'io tutto ardo.
Se l'amoroso sguardo
In voi accogliete, perch'io mi distempre
Si, che io ne mora senza aver mercede:
Et sete di mia fede
Accorta, nel mio fronte il cor mirando:
Così m'ha posto in bando
D'ogni sperar costei del ciel Sirena,
Che a forza con suoi sdegni alfin mi mena.
Io veggio ben, ch'io non son degno a tanto
Se non soccorre vostro alto valore,
Alma gentil, che nei miei detti onoro:
Beltà scesa dal ciel perdona al core;
Et, per Dio, scusa l'anima che alquanto
Trasporta il gran disio, quando m'accoro:
Ardo in un punto e agghiaccio, vivo et moro,
Mentre che sospirando tu sorridi
In guisa che visibilmente impetro:
Amor poi ch'io mi spetro,
Giugne al felice duol più nuovi stridi,
Et qui fra il troppo lume vengo meno:
Né posso in mano il freno
Tener della ragion, cara mia luce,
In tanto mi conduce
L'angelica belleza, e il bel cordoglio,
E il mio giusto dolore ove io non voglio.
Se per destin, canzone, o per pietate
La man leggiadra, e sopra ogni altra bella,
La qual prende a diletto i dolor miei,
Ti porgerà colei,
Che il mio cor volge in questa parte e in quella,
Dilli, per che toccarla a me non lice,
Et poi, lasso infelice,
Mira l'alta eccellentia che m'uccide,
Che mal per me si vide
Il fronte, il viso, et quella bionda treza,
Poi che mia morte fan di sua belleza.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963