Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« TeresinaIl Dittamondo (1-23) »

Rime inedite del 500 (III)

Post n°756 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da valerio.sampieri
 

Tratte da: Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

III

[1 Di Luigi Alamanni]

Per farsi una ghirlanda la mia Clori
Giva cogliendo vari e vaghi fiori,
Tra' quali Amor nascosto
Con essi insieme fu legato e posto.
Prima alquanto dibatte l'ali e scuote
Per livrarsi da quel nodo, se puote;
Indi mirando fiso
La bella guancia e 'l delicato viso,
Le par che questo che l'ha fatto preda
Sia sola degna a cui sua madre ceda,
E che li dei del cielo
Possa arder tutti d'amoroso zelo.
Poscia toccando i vaghi suoi capelli
Che fanno l'oro e 'l sol parer men belli,
E spiran tale odore
Qual non mandò giammai l'Arabia fuore;
Volto alla madre dice: hor ti provede
D'altro amor, d'altro figlio e d'altro erede,
Ch'io costei vo' che sia
Hora il mio regno, hora la sede mia.

[2 Di Luigi Alamanni]

Quando Zephiro dolce a noi ritorna
E i campi e i prati di fioretti adorna,
Ogn'arbor si rinnova
E cantan lieti gl'augelletti a prova.
Da me l'orrido verno si diparte,
E torna primavera in ogni parte
Allor che Clori mia
Perch'io la veggia a me lieta s'invia.

[3 Di Luigi Alamanni]

Clori mia dolce più che 'l mele assai,
Mira i don' ch'io ti porto onesti e gai,
La rete e le calzette,
Il centolo, il frontale e le scarpette.
Questi come li vidde Filli avara:
Se li vuoi dare a me, vita mia cara,
Mi disse, io ti prometto
Tu sarai 'l mio bene è 'l mio diletto.
Ma io ti dico il vero, o Clori, e giuro
(Altrimenti mi sia 'l ciel empio e duro)
Che tu sola 'l mio amore
Sarai mai sempre, e la mia vita e 'l core.

[4 Di Luigi Alamanni]

Fuggemi Clori leggiadretta e snella
Qual pargoletto daino, o capriolo
Per questa selva e quella
Timido e tutto solo.
Va cercando la madre ove s'asconde
Che l'ha cacciata altra fiera più cruda,
E ad ogni sterpo e fronde
Che tocca trema e suda.
Ma non io già qual tigre, o qual leone
Seguo te per sbranarti; ah! ferma il piede,
Questo timor depone
E sol ch'io t'ami crede.

[5 Di Luigi Alamanni]

Ombrose valli, e voi fresch'erbe e frondi
E tu rivo ch'inondi,
Se mai grati vi fur' gl'ascosi amori
Di ninfe e di pastori,
Benigni hor vi mostrate e nascondete
Sotto vostr'ombre liete
Clori e Damon, che qui soli soletti
Stanno abbracciati e stretti.

[6 Di Luigi Alamanni]

S'io non ti bacio almeno
Una volta, mi sento venir meno,
E s'io ti bacio, o Clori,
Temo del sdegno tuo l'aspri furori,
Quinci la morte temo
E tutto di paura aghiaccio e tremo.
Donque non so che farmi,
Baciti, o no, ma ben sento mancarmi.

[7 Di Luigi Alamanni]

Sopra l'Hebro indurato al fanciul Thrace
Scherzando sotto i piedi il giel si sface,
Cade fra l'onde rapide, e la testa
Risecata dal ghiaccio in alto resta
La qual la madre ardendo di me nacque,
Questo, disse, alle fiamme, il resto all'acque.

[8 Di Luigi Alamanni]

Non si doglia Atteon, ché trasformato
In cervo da' suoi can sia devorato,
S'a chi sol cangia i giorni suoi felici
Fanno i servi il medesimo e gli amici.

[9 Di Luigi Alamanni]

Speme e fortuna addio, ch'in porto entrai
Schernite hor gli altri, ch'io mi spregio homai.

[10 Di Luigi Alamanni]

Mostra 'l suo mal dicendo un animale
Che così picciol sia fa piaga tale;
Ella ridendo: e tu che picciol sei
Che piaghe fai tra gl'homini e li dei?

[11 Di Luigi Alamanni]

Invidia ha questo ben che 'l peccatore
Purga col suo peccato dentro e fuore.

[12 Di Luigi Alamanni]

Se da l'alto splendor del chiaro padre
Fra l'umane miserie crude e ladre
A noi salvar l'immortal figlio viene
Per ritornarsen poi con mille pene,
Hor che deggiam per lui? Che d'esso inferno
Fatti siam cittadin del ragno eterno.

[13 Di Luigi Alamanni]

Molti furo a quistion chi avanti vada,
O piuma ornata, o valorosa spada.
Se questa mette in opra e quella insegna,
L'una e l'altra di par chiamarei degna.

[14 Di Luigi Alamanni]

Valoroso pensier, che cingi spada
Segui pur dell'onor la dritta strada;
Non temer di morir, né speme d'oro
Torca un fil sol dal martïal lavoro.

[15 Di Luigi Alamanni]

Mia madre di me gravida a gli Dei
Domandò 'l parto ch'uscirà di lei.
Donna, Marte, Phebo, huom, nessun de' dui,
Giunon dicendo, ermafrodito fui.
Cerca il mio fin, Phebo nell'onde il pone,
In croce Marte, e nel ferro Giunone.
D'un arbor ch'acqua adombra caggio offeso
Dalla mia spada e d'un pie' resto impeso.
Con la fronte nel fiume; onde a me nuoce
Maschio, femina, neutro, acqua, arme e croce.

[16 Di Luigi Alamanni]

All'uom sincero e d'ogni macchia puro
Non fa mestier d'arco e saette al lato,
Né d'elmo fatto in buona tempra e duro,
Né di scudo incantato.
Faccia vïaggio o per campagne e boschi,
O per alpestri monti e ombrose valli,
O per luoghi solinghi, oscuri e foschi,
O per aperti calli.
Ecco che solo e disarmato intorno
A questa selva, e lungo questo rivo
Clori cantando vo la notte e 'l giorno
D'ogn'altro pensier schivo;
Né malvagio apparir per farm' oltraggio
Veggio dovunque gli occhi in giro meno,
Così seguo securo il mio vïaggio,
Lieto e contento a pieno.
Pommi ove 'l sole occide l'erbe e fiori,
O dove 'l giel mai sempre e 'l vento stride,
Amerò sempre la mia dolce Clori,
Dolce se parla o ride.

[17 Di Luigi Alamanni]

Per ch'io mi sfacci e mi consumi, o Clori,
Non convien che tu in questo o in quel loco
Cerchi pietre, erbe e fiori
Per porle a Pluto in sacrificio al foco.
Gl'occhi rivolgi a me misero soli,
Gl'occhi tuoi disdegnosa e d'ira acerba
Questi quel che tu vuoli
Faranno in me vie più ch'incanto et erba.
Per farti una ghirlanda, la mia Clori,
Vado cogliendo in questo prato i fiori.
Deh t'abbracciasse io come
Questi ti cingeran le belle chiome!

[18 Di Luigi Alamanni]

Ecco la notte parte e 'l giorno appare
E incomincian gl'augei vaghi a cantare,
Rizzati, Clori mia,
E a pascolar le pecorelle invia.
Tra 'l monte Jano e tra 'l Marrocco siede
Una valle che 'l sol poco la vede,
Ivi su 'l mezzo giorno
Sarò io con le greggi mie d'intorno.
Presso al ruscel, che d'acqua pura e fresca
D'un saldo e vivo sasso par che esca,
Quivi solo soletto
Te sola con Amor solo t'aspetto.

[19 Di Luigi Alamanni]

Vendi, Rosa, la rosa, o pur te stessa,
Che 'l nome tenghi e la sembianza d'essa?

[20 Di Luigi Alamanni]

Fa d'esser ricco e d'aver più che puoi,
Ch'onor, gloria e virtù ti seguon poi.

[21 Di Luigi Alamanni]

È de la piuma l'aura assai men greve;
Ma d'ogni cosa è più la donna lieve.

Tratte da: Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963