Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« Il Dittamondo (2-16)Il Dittamondo (2-17) »

Rime inedite del 500 (XIV-1)

Post n°844 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da valerio.sampieri
 

Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

XIV

[1 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato. Alla signora Lucrezia Letitia senese.

Donna, ch'oltra la Scithia, oltra l'Egitto
Spargi de l'opre tue la fama e 'l grido,
Mentre lontana al cieco volgo, infido
Segni calli di gloria eccelso e dritto.

Amor, che vincer puote animo invitto.
Poi ch'ha ne' suoi begli occhi il seggio e 'l nido
Onde fa scorno Etruria a Cipro, a Gnido
Così nel petto mio ferendo ha scritto.
Lucretia, per cui l'arbia il letto ha d'oro,
Con sue bellezze in terra uniche e sole,
Superbe al carro mio spoglie ministra.
Ella, che ornato il crin d'eterno alloro
Riluce intorno al paragon del sole,
È di sacra virtù figlia e ministra.

[2 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato. Al signor Borso Argenti.

 

Argenti, che d'onor fregiato, e vago
Di viver dopo morte, al senso imperi
E i sacri d'Elicona erti sentieri
Scorri con l'intelletto altero e vago,
Deh forma poetando eterna imago
Di lei, ch'umilia i cor' selvaggi e fieri,
E potrìa serenar cento emisferi
Col sol ch'ha ne la fronte illustre e vaga.
Nova Lucretia, che con puro oggetto
Ben par che tanto lampeggiando s'erga
Che talor Febo ne riceva ingiuria.
Ne l'onorato suo candido petto
Pellegrine virtù cortese alberga,
Che fan superba a meraviglia Etruria.

[3 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Già sette lustri neghittosa, oscura,
Nel carcere mortal dormito ha l'alma,
Or la risveglia e sprona illustre ed alma
Beltà, ch'ogni altra più famosa oscura.
Nova Lucretia, che sol brama e cura
D'acquistar ben oprando alloro e palma,
M'erge, sottratto a miserabil salma
A la superna providenza e cura.
Nel mirar gli occhi avventurosi, alteri,
Onda mi sembra un Mongibello il core,
In grembo a la virtù m'affino e tergo.
Per lor che fiano eterna esca d'Amore
Avviene a gran ragion ch'io crida, e speri
Lasciar più cigni glorïosi a tergo.

[3 Di Diomede Borghesi]

In questo sonetto, nel quale si toccano delle opinioni Platoniche, si mostra quanto sia utile, e quanto onore sia risultato e risulti all'autore dell'avere conosciuto l'eccellenza delle bellezze della divina signora Lucrezia Senese. Et l'aver tolto affettuosamente a servirla et a venerala.

[4 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato.

 

All'eccellentissima signora donna Marfisa d'Este Cibo.

 

Né lungo l'arbia mia, nobil, gioconda,
Né di Brenta sui campi, o d'Adria in seno,
Né sul felice, illustre, almo terreno,
Che 'l sacro Tebro riverente innonda,
Né d'Arno in su l'aprica, altera sponda,
Né vicina al Sebeto, a l'ambro ameno,
Né presso a l'umil Serchio, al picciol Reno,
Né dove più d'onor l'adige abbonda,
Né di Taro a le rive ornate e chiare,
Né dove corre la tranquilla Secchia,
Né dove il Mincio si trasforma in lago,
Vera bellezza in alcun volto appare
Quanto nel viso tuo leggiadro e vago,
Nel qual meravigliando il Po si specchia.

[5 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Quand'io presi a cantar superba, altera
Donna, che 'l cor mi strinse e 'l fianco aperse,
E l'alma accesa in grave doglia immerse
Sovra il corso mortal rigida e fiera,
Mi parve amica a l'honorata schiera
Ch'altrui lodando in rime ornate e terse,
Che non saran giamai di Lete asperse
La sua propria virtù conserva intiera.
Ma poi ch'a certa prova io veggio e scorgo
Ch'ella schernisce chi scorrendo il giogo
Va di Parnaso, e d'alta gloria è vago,
Spenta l'indegna arsura, e rotto il giogo
Questi versi a Vulcan dispenso e porgo
Ch'han d'ombra di beltà formata imago.

[5 Di Diomede Borghesi]

L'autore prese a servire et a celebrare donna, la quale in principio mostrando di prendere in sommo grado d'esser cantata da lui, a poco, a poco li diede a divedere ch'essa non pregiava punto i suoi componimenti. Intendendo egli finalmente per lettere di suoi amici ch'ella indegnamente biasimandolo e schernendolo cercava d'avvilirlo, pien di nobile sdegno diede al fuoco tutte quelle rime, nelle quali era con eccellenti lode non volgarmente esaltata la ingratissima femmina.

[6 Di Diomede Borghesi]

Diomede Borghese

 

Diserte rive, alpestri monti e rupi,
Piagge disabitate e colli incolti,
Solitarie campagne e boschi folti,
Riposte valli, ed antri ombrosi e cupi,
Orsi, tigri, leon(i), serpenti e lupi,
Squamosi pesci, augei liberi e sciolti,
Notte che forse il mio lamento ascolti,
Mentre la terra e il mar co' l'ombre occupi.
Erbe, fior, dumi, fonti, arbori e pietre,
Fauni, Oreadi, Amadriadi e Glauco e Dori,
Zeffiro e Cintia ad oltraggiarmi avvezza,
S'a voi cal' de' miei gravi, alti dolori,
Pregote, Amor, che pur m'ancide, o spetre
Del vivo scoglio mio l'aspra durezza.

[7 Di Diomede Borghesi]

Poiché repente un generoso sdegno,
Amor, malgrado tuo, disciolse il nodo,
Ond'io legato in doloroso modo
Ebbi me stesso alcuna volta a sdegno,
Fuor del tuo nequitoso, ingiusto regno,
In dolce libertà lieto mi godo
E l'ora e la stagion ringrazio e lodo
Ch'io fui sottratto a l'aspro giogo indegno.
Donna vil, che rabbiosa orsa crudele
Nel cor simigli, e qual Medusa ....
Col guardo in pietra i semplicetti amanti,
Non sarà più cagion ch'aspre querele
Io sparga al vento fra sospiri e pianti
Vergogna e danno a procacciarmi ....

[8 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Quella, che già mi parve altera luce
Sol d'alme glorïose altero oggetto,
E mirabil d'amor pregio o diletto
Noiose e gravi a i cor tenebre adduce.
Io tolsi, o SDEGNO, al sacro monte in duce
Donna, ch'è scorta da volgare affetto;
E 'l suo nome illustrai fosco e negletto
Tal che tra i più famosi oggi riluce.
Colpa d'amor, che l'intelletto e gli occhi
M'addombrò lusingando, e poscia a forza
Cader mi fece a lagrimosa rete.
Ma perché tu mi presti ardire e forza,
Ond'io pur freno i van desiri, o sciocchi,
L'altrui falsa beltà ripingo in Lete.

[8 Di Diomede Borghesi]

L'autore haveva tolto a servire e celebrare donna, nel giudicare i meriti della quale s'era forte ingannato. Finalmente aiutato da nobile et generoso sdegno a conoscerla, et riconoscere sé stesso, s'era in diversa maniera ad annullare tutti quegli honeri, che gli haveva procurato con la penna, et ciò fece particolarmente mutando e trasformando alquante rime, che erano state composte ad esaltazione di lei.

[9 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Poich'ha leggiadro avventuroso sdegno
Disciolto il fiero e miserabil nodo
Che mi legò pur dianzi e strinse in modo
Ch'avrò mai sempre un tal servaggio a sdegno:
Fuor d'ingiusto amoroso acerbo regno
In dolce libertà lieto mi godo,
E l'ora e la stagion ringratio e lodo
Ch'io fui sottratto al grave giogo indegno.
Donna, che sia di core aspra e selvaggia
Qual tigre hircana, e qual Medusa colga
Misero spirto ad hora, ad hora in sasso.
Non farà più ch'a duro laccio io caggia;
E 'n tutto di ragion orbato e casso
Tormento e scorno a procacciar mi volga.

[10 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Damma seguir ch'ognor veloce fugge
Sperar di render molle hircana tigre,
Creder placar leon ch'irato rugge,
Versar novo per gli occhi Eufrate, o Tigre,
Neve bramar che 'l cor m'incende e strugge,
Cercar due luci ad oltraggiarmi impigre,
Nel sen ch'angue crudel m'attosca e fugge
Ricettar voglie al bene inferme e pigre.
D'opere illustri aver dispregio e biasmo
E tanto esser avvezzo a guerra, a lutto,
Che già del mio languir più non m'incresce.
È d'amor cura, ond'io m'adiro e 'l biasmo,
E poi che è tal di sua radice il frutto
Lo schivo e ratto mi procuro altr'esca.

[11 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

S'egli avverrà che dia cortese e largo
Dopo la morte mia vivere alquanto,
L'alato vecchio a quel ch'io scrivo e canto,
Mentre a' sospiri ardenti il freno allargo,
La terra, il mare udrà ch'empio letargo
M'offende; udrà ch'io mi distillo in pianto
E bramo, per mirar fera che 'l canto
Schernisce il mio dolor, cangiarmi in Argo:
Udrà che 'ngombro Amor d'alto disdegno,
Mi fa seguir per calle aspro e selvaggio
Zoppo cursore una veloce dramma.
E forse fia che dal mio stratio indegno
Apprenda spirto valoroso e saggio,
Chiuder il petto a l'amorosa fiamma.

[11 Di Diomede Borghesi]

L'autore haveva inconsideratamente preso a servire et a celebrare donna, la quale, o per soverchia alterezza, o per accidental cagione si beffava di lui, e delle sue compositioni.

[12 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese Svegliato Intronato

 

Dunque non feci un grave oltraggio al vero
Biasmando lei, che 'n varie guise ognora
Lo steril prato del mio ingegno infiora
Con dolce sguardo, fiammeggiante, altero.
Carca di gloria al ciel drizza il pensiero
Madonna, e sol quà giù virtute onora;
Per lei riluce Apollo, e strali indora
A mille, a mille il pargoletto arciero.
Lasso! in qual parte avrà fido ricetto
Un, ch'è d'amor nemico; in odio al sole,
Rubello di virtute, in ira al cielo.
Ahi! che mi pose intorno a gli occhi un velo
Megera, e ministrò sensi e parole,
E carta e 'nchiostro dispensommi Aletto.

[12 Diomede Borghesi]

Mostrasi il doloroso pentimento ch'ebbe l'autore d'havere (colpa di cieco e malvagio sdegno) biasimata in alcune compositioni bella et gentilissima donna, la qual fia sempre da lui, come cosa divina, affettuosamente lodata et devotamente honorata.

[13 Di Diomede Borghesi]

Di Diomede Borghese per l'istessa signora Contessa di Scandiano.

Per lo fin' or de la tua chioma i' giuro,
E per le guancie tue ch'Aprile infiora
Ch'Euterpe a celebrar' atta non fora
Te, cui non preme affetto egro ed impuro.

Da tuoi begli occhi un raggio ardente e puro,
Ond'è ch'ancho per fama uom' s'innamora,
Lampeggia sì che 'l sole, ad ora, ad ora
Altrui rassembra tenebroso e oscuro.
E da i rosati labri alma reale,
Ch'oggi col tuo valor Ferrara indori,
E le cui grazie SOLE ONORA il mondo.
SANTA spira soventi aura VITALE,
Che di rara dolcezza ingombra i cori
E rende il nostro ciel chiaro e giocondo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963