Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« Pe' l'anno nôvoRime inedite del 500 (XXXVII) »

Il Dittamondo (3-06)

Post n°920 pubblicato il 28 Dicembre 2014 da valerio.sampieri
 

Il Dittamonado
di Fazio degli Uberti

LIBRO TERZO

CAPITOLO VI

Nobile e grande è la cittá di Genova 
e piú sarebbe ancora, se non fosse 
che ciascun dí per sua discordia menova. 
Per la rivera a levante si mosse 
la guida mia e io apresso a lui, 
lasciando Bobio a dietro e le sue fosse. 
Io vidi, presso al luogo dove fui, 
i monti dove Trebbia e Taro nasce, 
secondo che ’nformato fui d’altrui. 
E vidi uscir la Magra de le fasce 
del giogo d’Apennin ruvido e torbo, 
che de l’acque di Luni par si pasce. 
"Non vo’, disse Solin, che qui passi orbo: 
da questo fiume Toscana incomincia, 
che cade in mare al monte del Corbo. 
E vo’ che sappi che questa provincia 
da venticinque vescovati serra: 
terren non so del tanto che la vincia. 
Dal mezzogiorno la cinge e afferra 
lo mar Mediterano; poi Apennino 
di vèr settentrion chiude la terra. 
E da levante com va pellegrino 
Tevere in mar, che surge in Falterona, 
compie Toscana tutto il suo cammino. 
Lo giro suo, per quel che si ragiona, 
è misurato settecento miglia 
e Roma è quell’onor che la incorona". 
Così parlando come il tempo piglia, 
vedemmo quel paese a oncia a oncia, 
Verde, la Vara, Vernaccia e Corniglia. 
Lussuria senza legge, matta e sconcia, 
vergogna e danno di colui che t’usa, 
degno di vitupero e di rimproncia, 
noi fummo a Luni, ove ciascun t’accusa 
che per la tua cagion propiamente 35 
fu ne la fine disfatta e confusa. 
E vedemmo Carrara, ove la gente 
trova il candido marmo in tanta copia, 
ch’assai n’arebbe tutto l’Oriente; 
e ’l monte ancora e la spilonca propia 40 
lá dove stava lo ’ndovino Aronta, 
ch’a Roma fu quand’ella cadde inopia. 
E poi passammo ove si mostra e conta 
il Salto de la Cervia e par la forma 
nel sasso e come per lo monte monta. 45 
Cosí, ponendo il piede dove l’orma 
facea il mio consiglio, passai il Frigido 
con altri fiumi, ch’io non pongo in norma. 
Mugghiava il mar, ch’era ventoso e rigido, 
e l’aire con gran tuoni, per che noi 50 
fuggivam piú che ’l passo quello strigido. 
E passato Mutron, giungemmo poi 
a la bella cittá, c’ha per insegna 
l’arme romana, sí che par de’ suoi. 
Del nome suo, donde ch’e’ si vegna, 55 
è quistion: ché alcun dice da Piso, 
ch’ al tempo de’ Troiani quivi regna; 
e altri creder vuol che li fu miso, 
ché Roma, al tempo antico, ne facea 
porto a pesare il censo suo tramiso. 60 
Ed è chi conta che fu detta Alfea 
prima d’assai; ma Solin mi disse 
che Pisa nome da Pelope avea. 
Visto sopr’Arno il duomo, non s’affisse, 
ma disse: "Vienne, ché lo star soperchio 65 
e perder tempo è fallo a chi l’udisse. 
Andando, noi vedemmo in piccol cerchio 
torreggiar Lucca a guisa d’un boschetto 
e donnearsi con Prato e con Serchio. 
Gentile è tutta e ben tratta a diletto 70 
e piú sarebbe, se non fosse il pianto 
che quarant’anni e piú le ha stretto il petto. 
Io vidi Santa Zita e ’l Volto Santo 
e udii come al prego di Frediano 
il Serchio s’era volto da l’un canto. 
Io fui in su la Ghiaia, ove ’l Pisano 
sconfisse il Fiorentin, quando fu preso 
Giovanni de’ Visconti capitano. 
Questa cittá, di ch’io parlo testeso, 
Aringa o Fredia nominar si crede 80 
al tempo, dico, che per vecchio è meso. 
Ma perché illuminata da la fede 
fu prima ch’altra cittá di Toscana, 
cambiò il suo nome e Luce li si diede. 
E Sesto, Massaciucco e Garfagnana, 85 
la Lima vidi e, andando a Pistoia, 
la Nievole, la Pescia e la Gusciana. 
Dubbio non è, ch’ è scritto in molte cuoia, 
che per la gran battaglia, che fu quando 
Catellina perdeo grandezza e gioia, 90 
che assai fediti e molti ch’avean bando 
nobili assai de la cittá di Roma 
si raunâr, l’un l’altro perdonando. 
E come gente ch’era stracca e doma 
si puoser quivi, e per la pistolenza 95 
Pistoia questa cittá allor si noma.
Indi partimmo per veder Fiorenza.
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

delia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygamgruntpgmteatrodis_occupati3
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963