Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« All'anno novoIl Dittamondo (3-12) »

Il Dittamondo (3-11)

Post n°940 pubblicato il 01 Gennaio 2015 da valerio.sampieri
 

Il Dittamondo
di Fazio degli Uberti

LIBRO TERZO

CAPITOLO XI

"Italia è tratta in forma d’una fronda 
di quercia, lunga e stretta, e da tre parte 
la chiude il mare e percuote con l’onda. 
La sua lunghezza è, quando l’uom si parte 
da Pretoria Augusta in fine a Reggio, 5 
che in venti e mille miglia si comparte. 
E se ’l mezzo del tutto trovar deggio, 
propio ne’ campi di Rieti si prende: 
cosí si scrive e io da me lo veggio. 
Monte Apennino per mezzo la fende; 10 
piú fiumi e piú real da lui si spanda 
da quella parte che Toscana pende. 
Poi, come ’l poggio tien da l’altra banda, 
per le sue ripe molti ne disegna, 
che nel mare Adrian diritto manda. 15 
Maraviglia non par, se giá fu degna 
tanto, che ’l mondo governava tutto: 
sí ben par ch’abbia ciò che si convegna. 
Qui son le fonti chiare per condutto; 
qui son gran laghi e ricchi fiumi assai, 20 
che rendono in piú parti molto frutto. 
Datteri, cedri, aranci dentro v’hai 
e campi tanto buoni e sí fruttevoli, 
quant’ io trovassi in altra parte mai. 
Qui sono i collicei dolci e piacevoli, 25 
aombrati e coperti di bei fiori 
e d’erbe sane a tutti i membri fievoli; 
qui gigli e rose con soavi odori, 
boschetti d’arcipresso e d’alti pini, 
con violette ognor di piú colori. 30 
Qui sono i bagni sani e tanto fini 
a tutte infermitá che tu li vuoli, 
che spesso passan l’altre medicini. 
Qui selve e boschi son, che paion bruoli, 
se vuoi cacciare, ove natura tragge 35 
cervi, orsi, porci, daini e cavriuoli. 
Qui son sicuri porti e belle piagge; 
qui son le belle lande e gran pianure 
piene d’augelli e di bestie selvagge; 
qui vigne, ulivi e larghe pasture; 40 
qui nobili cittadi e bei castelli 
adorni di palagi e d’alte mure; 
volti di donne dilicati e belli, 
uomini accorti e tratti a gentilezza, 
maestri in arme, in cacce e in uccelli. 45 
L’aere temperata e con chiarezza 
soavi e dolci venti vi disserra; 
piena d’amor, d’onore e di ricchezza. 
Lo maggior serpe ch’abbia questa terra 
Eridano è, che nasce su in Veloso, 50 
che con trenta figliuoi nel mar s’inserra. 
Entra come coniglio e va nascoso 
nel suo cammino, e, quando fuor riesce, 
torbido corre in fine al suo riposo. 
Nel Gemini e nel Cancro sempre cresce; 55 
adorna il suo bel letto alquanto d’oro, 
benché ad averne spesso a l’uomo incresce. 
Lupi ci sono ancora e fan dimoro, 
che, per natura, coprono col piede 
la pietra nata de l’orina loro, 60 
e altri che, se alcun uomo li vede, 
subitamente la voce gli annoda, 
sí che di fuor, benché voglia, non riede. 
Italia tien forcelluta la coda: 
l’una parte riguarda i Ciciliani 65 
l’altra dirizza a Durazzo la proda. 
Abitata fu prima da villani; 
lo nome suo da Italus prese, 
che di qua venne co’ Siracusani. 
Saturno fu da cui il popolo apprese 70 
a vivere come uomo e da Latino 
la lingua, poi, latina si discese. 
Piace ad alcun che a quel tempo vicino 
lettera in prima ci desse Carmente, 
penso spirata dal voler divino. 75 
Confina con Provenza nel ponente, 
con Francia, con la Magna e ’l mar Leone; 
dal mezzodí, con l’Africa, pon mente; 
da l’altra parte, in vèr settentrione, 
lungo il mare Adrian, lo Schiavo vede, 80 
dove Durazzo e Dalmezzo si pone. 
Dodici e cinque province si crede 
tutta partita, e certo non fallo, 
con l’isole che ’l mar bagna da piede. 
Lo mar liguro ingenera corallo 85 
nel fondo suo, a modo d’albuscello, 
pallido, di color tra chiaro e giallo. 
Spezzasi come vetro il ramicello 
quando si pesca, e come piú è grosso 
e con piú rami, tanto par piú bello. 90 
Sí come il ciel lo vede, divien rosso; 
e non pur si trasforma di colore, 
ma fassi forte e duro, che pare osso. 
Conforta, a riguardar, la vista e ’l core 
averne seco quando folgor cade; 95 
pietra non so piú util né migliore. 
In Terra di lavoro son contrade, 
dove la pietra sirtite si trova 
di color giallo; ma molto son rade. 
La pietra veientana non è nova 100 
a’ Veientan, la quale in parte è bruna 
con bianche verghe e questa par che piova. 
Similemente ci si truova alcuna 
la qual linguria nomo, ch’a le reni, 
qual v’ha dolor, miglior non so niuna. 105 
Italia truova, a chi gira i suoi seni, 
venti volte quaranta nove miglia: 
e qui fo punto a tutti i suoi terreni,
ché buon sará, s’altro cammin si piglia".
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

delia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygamgruntpgmteatrodis_occupati3
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963