Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« Rime di Celio Magno (1-7)Rime di Celio Magno (8) »

Il Dittamondo (3-19)

Post n°952 pubblicato il 03 Gennaio 2015 da valerio.sampieri
 

Il Dittamondo
di Fazio degli Uberti

LIBRO TERZO

CAPITOLO XIX

Sí come il pellegrino che si fida 
per buona compagnia d’andar sicuro, 
andava io apresso a la mia guida. 
Ma però ch’io vedea diserto e scuro, 
come ho detto, il paese d’ogni parte, 5 
ch’era giá stato tanto degno e puro, 
feci come uom, che volentier comparte 
l’andar con le parole, per men noia 
e per trar frutto del suo dire in parte. 
E cominciai: "Nel bel viver di Troia, 10 
e prima ancora e lungamente apresso, 
si scrive che qui fu valore e gioia. 
E io mi guardo e giro intorno adesso 
e veggio la contrada tanto guasta, 
ch’io ne porto pietá in fra me stesso. 15 
E questo ancora al mio pensier non basta; 
ma io truovo la gente cruda e vile, 
ch’esser solea gentile, ardita e casta". 
Cosí parlai e la mia scorta umile 
rispuose: "Come di’, pien di vertute 20 
fu giá questo paese e d’alto stile. 
Ma se or vedi le cittá abbattute 
e coperte di verdi spini e d’erba, 
e le vertú ne gli uomini perdute, 
imagina che parte è per superba 25 
e imagina che ’l ciel, che qua giú guata, 
niuna cosa in sua grandezza serba. 
Pensa ov’è Roma, che fu allevata 
con tanto studio, e com’è ita giuso 
quella che in Caldea ancor si guata. 30 
Questa ruota del mondo l’ha per uso, 
cioè di far le gran cose cadere 
e le minor talor di montar suso". 
Cosí, prendendo del parlar piacere, 
un poggio mi mostrò e disse: "Vedi: 35 
quivi è la via che ci convien tenere". 
E io a lui: "Va pur, come tu credi 
che ’l meglio sia, ch’io ti sono a le spalle, 
ponendo sempre, onde tu levi, i piedi". 
A la man destra lasciammo la valle 40 
e prendemmo a salir la grave pieggia, 
per uno stretto e salvatico calle. 
Saliti su ne la piú alta scheggia, 
mi vidi sotto cosí gli altri monti, 
come una cosa un’altra signoreggia. 45 
Noi tenevamo in verso il mar le fronti, 
quando mi disse: "Qui m’ascolta e mira, 
se vuoi di quel che cerchi ch’io ti conti. 
Al tempo d’Agenor, di Libia tira 
per questo mare, anticamente, Giove 50 
la bella Europa, cui ama e disira. 
Con molti ingegni trasformato in bove, 
condusse lei dov’io t’addito e guato 
e rifé sé ne le sue membra nove. 
Poi, per dar pace al bel volto turbato 55 
d’Europa, il terzo del mondo per lei 
volse che fosse Europa chiamato. 
D’angoscia e d’ira pien, pensar ben dèi, 
col precetto del padre si divise 
Cadmus solo per ritrovar costei. 60 
L’ardito serpe sopra l’acqua uccise; 
poi, da l’idolo suo presa risposta, 
a fabbricare una cittá si mise. 
Guarda a sinistra a piè di quella costa, 
ché quivi è ora la cittá di Stive, 65 
lá dove Tebe fu per costui posta. 
Vedi Asopo ed Ismen, de’ quai si scrive 
che facean correr piangendo le genti, 
quando ebri si gittavan per le rive. 
Vedi quel bosco, ove partio i serpenti 70 
Tiresia, quando cambiò le membra, 
per che piú tempo poi fuggì i parenti. 
Vedi lá il mar (non so se ti rimembra 
che mai l’udissi dir) lá dove insana 
s’annegò Ino col figliuolo insembra. 75 
Piú qua, in quella selva, è la fontana 
dove Atteon si trasformò in cervo, 
per guardar le bellezze di Diana. 
E vedi dove l’uno e l’altro servo 
lassâr colui, che de’ fratei fu padre, 80 
legato sí che poi si parve al nervo. 
E vedi i campi, ove l’aspre e leggiadre 
battaglie funno e dove Anfirao visto 
fu ruinare in corpo de la madre. 
E vedi il fiume, ove rimase tristo 85 
Ippomedon, e il mal passo da spino, 
dove Tideo fece il bel conquisto. 
Di lá da quello si trova il cammino 
onde passaro Adrasto e Capaneo, 
quando Isifil trovaro nel giardino. 90 
Di lá è il bosco, ove Partenopeo 
il serpe uccise, per tôr l’ira a quella 
che ne la culla il suo figliuol perdeo,
come si scrive e di qua si novella".
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

delia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygamgruntpgmteatrodis_occupati3
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963