Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

« Chi l'ha ddetto?Mariotto Davanzati 21-25 »

Il Dittamondo (5-28)

Post n°1162 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da valerio.sampieri
 

Il Dittamondo
di Fazio degli Uberti

LIBRO QUINTO

CAPITOLO XXVIII

O mondo, tu ci tieni a denti secchi
lo piú del tempo, dandoci speranza:
e, con questo, si muore o tu c’invecchi. 

Oh, quanto è folle qual prende baldanza, 
Fortuna, ne’ tuoi ben, che sempre giri 5 
la rota e dái e tolli a l’uom possanza! 
Sí come senza spin non cogli o miri 
rosa, cosí non è mortal diletto 
senza fatica, pensieri e sospiri. 
Signor non fu giá mai senza sospetto 10 
di sé o di suo stato; e s’altri è meno, 
vive in temenza, sé come suggetto. 
Dunque, che si dee far, se ’l mondo è pieno 
di vanitá, di lusinghe e di pene, 
e che dolce non ci è, senza veleno? 15 
Dessi fermare l’anima e la spene 
del tutto in Colui, ch’è sommo bono, 
fuggendo i vizi e operando il bene. 
Ed io, che ’n sí lontana parte sono 
e tra gente sí dispettosa e vile, 20 
ricovero a Lui per grazia e perdono: 
e, quanto posso, divoto e umile 
Lo prego che m’aiuti nel cammino 
e ch’io mi truovi, al fin, del suo ovile. 
Cosí dicea fra me, quando Solino 25 
indi si mosse e prese la sua via 
per un sentier boscoso e pellegrino. 
Come andavamo, gente acerba e ria 
trovammo assai di lungi da coloro 
dei quali ragionò la scorta mia. 30 
"Figliuol, diss’ello, sappi che costoro 
adoran li demoni de lo’nferno 
e qui è tutta la speranza loro. 
Fra questi, un’altra novitá dicerno, 
la qual voglio che noti, sí mi piace, 35 
se mai avièn che ne tinghi quaderno. 
Dico, qual prende sposa, ch’ella giace 
le prime notti con quanti ella vole 
e ciò ch’a lei diletta in tutto face. 
Dopo questo, il marito a sé la tole, 40 
lo qual vuol poi che sempre a lui si tegna 
pudica e casta in fatti e in parole". 
"Certo, diss’io, lo demonio l’insegna, 
a cui son dati, cosí trista legge; 
ma di cui fie il figlio, s’ella impregna?" 45 
"Colui, per cui ella si guida e regge, 
lo tien per suo e come vuol si vada 
né altri nol castiga né ’l corregge. 
Angile detti son per la contrada". 
"Angili no, diss’io, ma dimoni 50 
e, se piacer mi vuoi, tieni altra strada". 
Allor si mosse, senza piú sermoni, 
e con gran passi tanto gimmo avanti, 
ch’uscimmo fuori de le lor regioni. 
In questa parte sono i Gamfasanti, 55 
che negan le battaglie a lor podere: 
solo la pace piace a tutti quanti. 
In fra costoro non può rimanere 
né abitare alcuno forestieri; 
fuggon commercia a tutto lor sapere. 60 
Non per dritto cammin, ma per sentieri 
andavam sempre in verso l’oriente, 
ché di strade miglior non han pensieri. 
Noi trovammo, cercando, un’altra gente: 
questi son quei che dipinti veggiamo 65 
bestial del corpo e ciechi de la mente. 
"Oh, diss’io vèr Solin, seme d’Adamo, 
tanto natura di qua ti trasforma, 
ch’a pena mostri frutto del suo ramo!" 
Ond’ello a me: "Figliuol, prendi la forma 70 
de’ modi e de gli aspetti e oltra passa 
e, secondo che gli hai, li poni in norma. 
Da questa gente tanto vile e bassa 
noi ci vedremo in breve disciolti: 
Egipani li noma e star li lassa. 75 
Diretro da costor son quelli stolti 
Satiri, c’han men legge che le serpi, 
strani a veder di costumi e di volti". 
Poi trovammo, passati boschi e sterpi, 
gli Imantopodi e questi, quando vanno, 80 
portan le gambe e corron come serpi. 
Partiti noi da lor, con grave affanno 
giungemmo al fin di Libia e d’Etiopia, 
dove i Farusi, che fun d’Ercol, stanno. 
Qui mi disse Solin: "Quanto s’appropia 85 
a l’Africa per traverso e per lungo, 
tu n’hai del tutto, sí com’io, la copia. 
Quivi niente scemo né aggiungo; 
ma, perché siam tra l’Oceano e ’l Nilo, 
piú del passare innanzi non ti pungo: 90 
però ch’andando, come andiamo, a filo, 
noi daremmo del becco nel mar Rosso: 
e ciò sarebbe fuor d’ogni mio stilo". 
E io: "A la tua posta mi son mosso; 
quel cammin prendi che ti par piú destro, 
ché qui miglior consiglio dar non posso". 
Allor prese la via di vèr sinestro 
e, giunti in su la riva del bel fiume, 
trovammovi una barca col maestro,
che ne passò di lá per quelle schiume. 100
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

angelproffavvstefanofarinellaA10AAMartina_Militoviola8591valerio.sampieriCostanzabeforesunsetpatriziavalentini_VPVince198iacono.gtempestadamore_1967maffeistoriadirittoArianna1921ludo7
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom