Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

 

« Li giornalistiEr ratto de le sabbine 2-2 »

Sonetti Romaneschi 3

Post n°2174 pubblicato il 28 Ottobre 2015 da valerio.sampieri
 

Sonetti Romaneschi (1750-1767) di Benedetto Micheli

Pe’ Marzio Coriolano

Coriolano, el bannito, ecco che pianta
l’assedio a Roma: qual vo’ che se penta
d’avello fatto via sfrattá’; e se avanta
che un mucchio ne vo’ fa’ tra giorni trenta.

Resce de preti e moniche ’na santa
turba de cener sparza, e corde centa,
pregánno a non fa’, ma lui, a tamanta
sommession, arrabbiato piú deventa.

Resce Vittúria poi, strillanno pronta:
Figlio crudele, o qui lásseme stinta
o a la tu’ patria le tu’ ingiurie sconta.

Allor de confusion la faccia tinta,
lui fa fagotto, e insú ’l cavallo monta
dicenno: Addio, mi’ matre! ah! tu l’hai vinta!

Benedetto Micheli
Sonetti Romaneschi (1750-1767), editi a cura di Enrico Celani, Roma Tipografia dell'Istituto Gould, 1889



Pe’ Curzio

Própio in mezzo de Roma se raprí
la terra; e ’na sfissúra ce lassó
de indove fume e fiára poi scappó
de contínovo for la notte, e ’l dí.

Se curse da l’orácol pe’ sentí’
del remédio; e respose: lí ce vo’
drento el meglio; e chi gióglie ce buttó,
chi cucci; ma restó pure accusí!

Mentre ognun non sa piú cosa se fa
écchete Curzio armato, e dine: oé!
questo, o Roma, é ’l tu’ meglio, e abbasso anná’.

Serráne allor la búscia se vedé;
e tutti annórno Giove a rengrazià’,
for de Curzio, che anná’ nun ce poté.

Benedetto Micheli
Sonetti Romaneschi (1750-1767), editi a cura di Enrico Celani, Roma Tipografia dell'Istituto Gould, 1889



Pe’ Muzio Scevola

Un giorno Muzio senza sóccio arcuno
mentre Roma broccáva el re toscano,
annó al campo nemmico, for de mano,
pe’ manná quel monarco al regno bruno.

Stava a passá la banca allor’ a ognuno
el re co’ un cancegliér: quanno el romano,
preso questo pe’ quel, lo stese al piano,
e rippará’ no’ lo poté gnisciúno.

Ma sbrigáto castagna avé’ (de bono)
fatta, in su ’l foco, ch’era lí vicino,
messe la man busciárda, e stette in tono.

El re, innel vedé’ un bel giovenottino
cusí abbrusciá, je dette ’l su’ perdono:
stupito de l’ardir tristeverino!

Benedetto Micheli
Sonetti Romaneschi (1750-1767), editi a cura di Enrico Celani, Roma Tipografia dell'Istituto Gould, 1889



Pe’ Orazio Cocrite

Stava a la bocca del Subbrízio ponte,
defennénnol da i toschi, er quercio Orázio;
ma quanno vedde non avé’ piú spazio
de regge’ (non volenno voltá’ fronte)

Disse a le gente sue: con mane pronte
fáteme appresso de ’sto ponte strazio;
ch’io sol la reggia sostierró del Lazio
sin che l’avrete voi mannáto a monte.

Cusí fu fatto; e lui, zompanno alfine
innel fiume, se fece sal’ e aceto,
tamanto presto, che non se po’ dine:

Quanno poi fu sull’antra ripa, lieto
gridó, verzo le truppe fiorentine:
o’ dateme de barba mó deréto.

Benedetto Micheli
Sonetti Romaneschi (1750-1767), editi a cura di Enrico Celani, Roma Tipografia dell'Istituto Gould, 1889

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Vince198valerio.sampieriamistad.siemprem12ps12sergintettoremarianomarabertowcassetta2prefazione09edoardosalaNoir72dglangelproffavvstefanofarinellaA10AA
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom