Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

« Indice Sonetti romaneschiSonetto caudato »

La difesa del somaro 1

La difesa del somaro fatta sui sette toni muscali. Poemetto giocoso in sesta rima scritto in dialetto romanesco da Raffaele Merolli con note. Roma, Tipografia di Filippo Cuggiani e C., 1872

Avviso ar prubbico

Averto a ttutti che ho dà protestà
Che sto Povema scritto fu dda me
Ner settantuno, mma però stampà
Propio nquell'anno llì nun se potè.

Io la raggione nu la so spiegà,
Mma si quarcuno vo ssapè er pperchè
Lo stampatore dijela potrà
E in dilla lui da repricà nun cc'è!

Mo ch'er prubbico sa sta cosa cqui,
E pprotestato nfaccia sua mme so,
Mme pare che cce sia poco da dì.

Nquanto ar ccompatimento.... eh!.. quello lì
Dar Vostro core lo conoscerò!...
Mm'ho da spiegane mejo d'accusì?


L'Autore a chi legge

Vivo desiderio io serbava in animo, e da tempo non breve, perchè propizia occasione si presentasse a fine di esternare veraci e durevoli sensi di tutta la mia riconoscenza inverso il colto ed intelligente pubblico Romano per essersi benignato di far buon viso al mio piccolo Poema in dialetto romanesco col titolo - Il ratto delle Sabine - che già pubblicai.
Un estro, mi si permetta che il dica, alquanto bizzarro succedeva al primo, che ora vede la luce, nella stessa favella, che ha per titolo - La difesa del Somaro. -
Utile cosa stimai non omettere il raddoppiamento delle consonanti, perchè il non pratico lettore possa nella parola rilevar quella forza che il popolano nel pronunciarla v'infonde.
Nè superfluo panni anche avvertire, che l'articolo il viene generalmente pronunciato er, come per esempio, il Sole dicesi er Sole - il Somaro - er Somaro - il Re - e' Rre, o e' Rrene - per a me, o a te - a mmene, a ttene - una volta - na vorta - qualche - quarche - qualcheduno - quarchiduno - molto, dicesi - mòrto - (coll'o chiuso) volto - vòrto - qualmente - quarmente - per dire, bel figlio - bber fijo - consiglio - e così per dir leggere, dicesi - sto a llegge - e per, bisogna leggere - bigna legge, o bbigna leggène, ecc.
Volendosi poi maggiori schiarimenti sopra molte altre voci che possono esser forse men facili a comprendersi da chi non ha molta conoscenza del parlare del volgo di Roma, può servirsi dell'Indice Alfabetico delle medesime che troverà nel detto mio piccolo Poema - Il Riatto delle Sabine.
Mi è d'uopo infine avvisare il cortese lettore, che il vivace dialetto del volgo Romano trovandosi attualmente in via di transizione, a causa della istruzione che vien dilatandosi anche pei Rioni dei Monti e Trastevere, ove mantiene più salde radici, ho stimato opportuno lasciarne una qualche memoria, mentre è nel volgere della sua non lontana scomparsa.



Prima cantata in DO, ch'è ddedicata a li Crienti mia p'esse pagata.

È rrarò che cce sia, e cce sia stato
Chine de quarche llibro ene ll'autore
Che in der mmettéllo 'fora didicato
Nun ll'abbia a un cciocco gross... a un ggran Signore,
Pe ffaje avè ppiù ccredito, o in sperane
D'arimedià le spese pe stampane.

Le spese de la stampa, che cce vonno,
E dde le quali ammeno u se po ffa;
E ppò chi un sa, che da che mmonno è 'mmonnó
Da che nnascemo avemo da pagà,
E ffino quanno nzèppurtura annamo
Bbigna ch'er bbeccamorto noi pagamo;

Ciovè, mme spiego mejo, noi nun semo
Che ddamo li cutrini ar beccambrto,
Mma tocca a li parenti che cciavemo
A spremes'e ppagà nvece der mmorto,
E lo spezziale e'r Medico pagato
Dev'esse, sìbbè er mmorto abbi ammazzato.

Dunqua sto pagamento a mmette nzieme
Gna rivortasse a cquarche Meccenate, . .
Chè dda levàmm'er ddebbìto' mme preme
Pe nun'avecce a ccasa le bbussate:
E ppò gna sceje chine mme protegge
Sto libbro, e echi lo crompi, e cchi lo legge.

Quanno che nfaccia a llui cc'è u'nnome grosso,
Un ggra' nnome, ch'empitte po la bbocca,
De certo sto mi libbro sarta er ffosso,
E un cc'ene chi lo critichi e lo tocca,
Sibbè un ce sia de bbono in der libbretto
Che la carta, che sserve ar Sor Mi-netto.

Ebbè ssia puro !... mma vvienimo ar bbono !
Indò stanno però sti Meccenati
In sto secolo cqua ddecimonono
Sennose tutti quanti alluminati? ...
Si un cce so ppiune, o se so ffatti rari,
Dedico er mi Povema, a li Somari!

E a cchi mejo de loro pozz'offrine
E ddidicà sto povero lavoro?
Si, pe strign'er ddiscurzo, nfine nflne
È na difesa che ,ho da fa pe lloro!...
Dunqua mme pare ggiusto, che ppagato
Vienga da li Crienti l'Avvocato.

Anzi de la Cammiale fo ggirata
All'ordine S. P. a lo Stampatore,
Perchè scadenno a llui vienga pagata
Da ogni mi Crìente debbitore,
E in der modo che ssojono pagalla
Quarche vvorta pe strada, o in de la stalla.

Certo, ch'ognuno, proprio er ggiorno ggiusto
De la scadenza pagherà, ch'esatto
Ene in der ppagamento; e ppo' ccià ggusto ... ,
De pagà la difesa che j'ho ffatto,
E cche la causa loro, e dde che ttinta!
Da me je fu ddifesa, e je l'ho vvinta.

E ppo' vorei sapè si indove stane,
Ggiate pacenza, si lo dico, aggiate,
Co llassà da na parte ll'umirtane,
Vojo dine, si indove lo trovate
Uno che vve difenne st'animali
In de li Sette Toni Musicali?

E lo fone perchè li mi Crienti
So Mmaestri de musica a cquer bbionno,
Sibbè nchiave nun ccianno l'accidenti,
E ccantato gni sempre hanno a sto monno
Nde li semprici toni.... ntenno dì
Nquello de-Do-Re-Mi-Fa-Sol-La-Si.

E in sti toni che cquane la difesa
Incomincià e ffinine je la vojo,
Ggià che sta bbega mone mme so ppresa,
E cch'o da superane sto gran scojo ...
Ebbè, in sti tempi uno ch'a da fa?
Quer che tte vie tte viè bbign' agguantà!

Cusì pe rrifife o rraffe, un ttantinello
Se fa da Mozzorecchio, o Ccuriale,
E ddifenno er Somaro, poverello,
Come quarmente fussi ntribbunale,
E accusine provà d'arimediane
De guadagnamme onestamente er ppane...

Ch'edè?... ch'è stato?... che nun'ho rraggione
De guadagnamm'er ttozzo faticanno?...
Ah!... gguadammia de ppiune uno strillone (1)
Che ttutti li poveti, che see stanno
Sur tavolino a sprem'er cucuzzolo ?...
Ma de che?... ve sbajate sor Fasciolo!

Ve sbajate de certo ve sbajate!...
Dite un po: cognoscete li Romani?...
Li cognoscete?.. e llane!.. chiacchierate!....
Fora er ffiataccio, corpo de li cani!...
Ll'ete perduto?.. vv'è arimasta ngola,
Come ll'osso d'Adamo, la parola?

Senti, pe bbene vostro, sor bber fijo;
Prima de chiacchierane in sta maniera
De fa ambula fane ve cunzijo
Si un ce volete avè na sonajera
Propio ar mmi fone, e cquanno che pparlate
Bbigna prima la bbócca ve sciaequate!

Perchè v'averto, ch'e Rromano vero
Ccià un core da Romano grann'ássai,
Ch'ene alegro, ene amico, ene sincero,
E cche gguardane areto un se fa mmai;
Perô sortanto lui, siconno er ccaso,
La Mosca un se la tiene sopr'ar nnaso!

Ddunqua si ttonto vo' restà vvolete
Annate a vved'er libbro indo' se venne
E cquann'er mmuso lline sbatterete
Ve fa vved' e Rromano si cce spenne
Pe ffasse na risata!.. ma vvienite,
Chè llui ve darà scola, mme capite?

Le copie vederete indun mumento
Che dda lo Stampatore spariranno
Come quarmente fussi nebbia ar vvento,
E ppuro li Frustieri curreranno
P'agguantasselo ntempo... e ppo' chissà
Che un s'abbia er libbro mia d'aristampà?

Ve confinferà?... no??.. ebbè v'aspetto
Llì da lo Stampatore, nconcrusione,
E vvederete vo' sto Povemetto
Si sse l'agguanteranno le perzone,
E dde sta lezzioncina ch'ete avuta
Nun cce vojo, pe mmo, l'aricevuta.

(1) S'intende dei gridatori di Giornali.

Raffaele Merolli
La difesa del somaro fatta sui sette toni musicali, Roma, 1872, pagg. 7-11

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

angelproffavvstefanofarinellaA10AAMartina_Militoviola8591valerio.sampieriCostanzabeforesunsetpatriziavalentini_VPVince198iacono.gtempestadamore_1967maffeistoriadirittoArianna1921ludo7
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom