Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

« Er ratto de le sabbine 4-2Indice Ratto sabbine »

Storia nostra 101-105

Post n°2254 pubblicato il 15 Novembre 2015 da valerio.sampieri
 

Storia Nostra
Cesare Pascarella (1858 - 1940)

CI

Ma siccome qui drento a ’sto paese
Se pô di’ che oramai tutta la gente
Li botti li sentiva solamente
Sparà’ pe’ le funzioni de le chiese,

Quanno che venne l’ora che l’intese,
Nun ce se stiede a strologà’ la mente
E nun ce se fissò manco per gnente
Perché naturarmente lei se crese

Che tutti queli botti che sentiva,
Sempre piú forti e sempre piú vicini,
Fosse la processione che sortiva.

Ma, invece de sortì’ la processione,
Cominciorno a sortì’ li bollettini
De le vittorie de Napoleone.

CII

Quelle vittorie che nun c’era verso
De fermalle, e che quanno fu passato
Tutto er tempo che aveveno durato
E se poté guardalle in senso inverso,

Uno s’accorse che qualunque Stato
Der monno avesse vinto o avesse perso,
Tutto quello che aveveno trovato
Com’era, lo lassaveno diverso.

Defatti da quer dì, Francia o nun Francia,
Pe’ pesà’ le faccenne de ’sto monno
Se cambiorno li pesi a la bilancia;

E l’omo stesso, come tu già sai,
Nun fu piú quello! Ma ’ste cose, in fonno,
È inutile a ridille. Capirai.

CIII

Me pij un pezzo de merluzzo a mollo,
Che tutto er santo giorno stava a sede’
Davanti a la piluccia sur treppiede,
Che caso mai je ce voleva er bollo

P’annà’ da Papagiulio a Pontemollo;
Che tutto in un momento je succede
Che se trova sordato, dritto in piede
Cor fuciletto in mano e er sacco in collo,

Davanti a quello che se lo stracina
Da le rene bollente der deserto
Fino a li ghiacci de la Beresina;

Si ce rimane, be’ va be’, ce resta;
Ma si ritorna a casa, pôi sta’ certo
Che ce torna co’ quarche cosa in testa.

CIV

Quarche cosa per cui se trovò messo
Co’ l’occhi de la mente in quelo stato,
Che quanno che je fosse capitato
Un fatto che je rimaneva impresso,

Si prima lo guardava cor riflesso
Der vetro de l’occhiali der curato,
Adesso invece s’era abituato
A guardallo co’ l'occhi de se stesso.

E si prima che lui se ne fosse ito,
Bastava ’na chiamata in parrocchietta
Perché t’avesse subito ubbidito,

Adesso invece ch’era rivenuto,
Si volevi che lui te desse retta,
Te ce voleva er guanto de velluto.

CV

Perché se dice presto l’ignoranza;
Ma quello, stracinato Dio sa dove,
Aveva visto e inteso cose nove,
E n’aveva capito l'importanza.

Percui, si adesso lo volevi smove’
Co’ le chiacchiere, quello in circostanza
Te portava davanti l’uguajanza
Co’ li princípi de l’Ottantaove;

E si mai te faceva maravija,
Te ce poteva puro mette’ accanto
Li Diritti dell’Omo e la Bastija.

Tutta roba che lui s’era imparata
Dall’antra gente in mezzo a tutto quanto
Quer ferreffoco de la Grand’Armata.

Cesare Pascarella
Storia Nostra

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

angelproffavvstefanofarinellaA10AAMartina_Militoviola8591valerio.sampieriCostanzabeforesunsetpatriziavalentini_VPVince198iacono.gtempestadamore_1967maffeistoriadirittoArianna1921ludo7
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom