Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« La duttrinella, IndiceGuardanno er Foro »

Mauro Marè

Mauro Marè (1935-1993)

Tanto per omo

Come si fusse facile a portà su la schina
- un omo solo -
tutto er peso der celo.
E un carico da undici:
una panza de stracci
e una barbaccia de millanta secoli.
Pe questo ar monno serveno fratelli:
a ritajasse er celo tanto per omo
e poi corre per scioje
l’alegrie ner bigonzo der sole
come quanno fanelli,
annamio assieme allongo a le campagne,
le saccocce sfonnate
dar troppo monno da venì.



Er tippe tappe

In quela serratura profumata
famme imboccà 'sta chiave co le nappe.
Damme una mano a fa 'sto tippe tappe.
Armamo 'sta buriana indiavolata.
Appena principiata la ballata,
finito er gioco de bottoni e ciappe,
mille cavalli rossi de vardrappe
vanno via come er vento in galoppata.
E sarò, ciumachella, come un’onna
che fiotta, schiuma fino a che, sfinita,
slarga le braccia e tu sarai la sponna.
E doppo spunterà la luna piena
e sarà come quanno co le dita
turchine er mare ruzza co la rena.



Pure è deserto

Pure è deserto fiume.
Sotterrato.
E vola arta a fir de murajone
l’artra fiumara.
Lemme-lemme va fiume acqua-passata
che nun move più ala de giornello.
Tempo fanello.
Lingua che batte er dente der passato.
Schiuma de rabbia fiume
finché slarga le braccia a mare rifiata
se sgabbia.
Gabbiani neri da la valle ar monte.
Panni stesi in un vicolo 'sti versi
Ner ghetto der dialetto.



Er cinematofrego

Pe millanta e mill’anni
che nun c’ero
ho visto tutto nero.    
Ma un giorno ho visto er giorno
come un firme a colori, uno stravede:
la zinna, la bobbona, er giocarello,
er celo su per aria, la commare
cor culo a contrabbasso, er sole, er mare,
la processione, er santo, le frittelle,
li rigatoni ar sugo, la sediola,
le scampagnate, l’arberi, le stelle,
er lecca lecca, le botte, la scola,
la maestra regazza, er mannolino,
l’ucello, er padreterno, er pane, er vino,
le seghe, le funzione, l’oratorio,
la fregna, orapronobbis, er casino,
la fregna, er paradiso, er purgatorio,
er servì messa, la fregna, er pallone,
la magacirce, la fregna, Platone,
er communismo, la rivoluzzione
der monno, un culo tonno a quer dio bionno,
la voja d’arinasce, la piggione,
la socera, li debbiti, la fre...
Che ber cinematofrego!
La luce in sala, s’apreno le porte.
Aspetti er bibitaro
E arriva quela stronza de la morte

Mauro Marè
Tratte da "Sillabe e stelle".



Nissun sito


Palle parole colorate nummeri
versi sgranati in un parlottoliere
un rosario de glorie e dde misteri
fatto la sera in un labbroratorio
arzalegria la vela de la mente
uno ppiù una è tutto
un chiodo bbrutto tra la panza e l’anima
una nerbanza da fottese er celo
uno pe uno li bbuci de lestelle,
e aricalanne d’oro  
in un insogno imbriaco
a cercà un aco dentro a un ppajaro
er pelo nell’ovo novo der novunque
sur grugno a l’infinito
un piede qqua, un piede in nessun sito.

Mauro Marè



La commare

Rivoluzione sesso sessantotto
amori e gguerre a lo sbullì dder sangue
lassamoli sfurià sti ggiovenotti!
Finito er tempo che la carne vale
ppiù nun se bballa quaresimai
e tutti quanti in fila ammaschierati
chi dda ggnente chiartro da nissuno
li vedi bbelli grassi insino a qquanno
la commar de bbattesimo li secca  
a uno a uno.

Mauro Marè



Testamento

Me piacerebbe d'esse seppellito,
magara doppo morto, in cima a un colle,
senza la cassa , a pelle cò le zolle,
in pizzo ar mare, limpido e infinito.

E ar posto della croce un arberello,
che sia piantato sull'istessa tera,
de limone, così che a primavera,
quanno er mare è più liscio e brillarello,

se spargerà er profumo tutt'attorno,
vieranno le farfalle cò l'ucelli
a sugamme li fiori tenerelli
e sarò alegro, giorno doppo giorno...

e allora canterò: "Fior de limone...
la vita è un soffio, un mozzico, un sospiro,
cò la morte diventerà un respiro,
un profumo, 'na brezza, 'na canzone".

Mauro Marè

 

 

Controcore

Ggente che ccampa pe ssentito dì
senza nerbo nè vverbo
controcore
la traggedia è nner gioco
la verità è nner mazzo
nissuno scopre la carta vincente
ce sarva er filo tra nojjartri ggnente
tu ffilo mio purissimo
m’apparijji ner gioco a ddisparì.

Mauro Marè
(da Controcore, 1993)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963