Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« Mal d'amoreL'omo bbono bbono bbono! »

La duttrinella 16-20

Post n°2343 pubblicato il 07 Dicembre 2015 da valerio.sampieri
 

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877.

V. la pagina precedente.

XVI.

Peppe. Padre curato, propio v' assicuro
Ch' è 'r punto ppiù indifficile finora;
So' ddu' matine che mm' arzo abbonora
Pe' vvedè dde studiallo, ma vve ggiuro

Che sso' arimasto llì ssempr' a lo scuro.
Accidentacci, come se lavora!
Quest' è 'na cosa propio che vv' accora
A ppensà cch' er Signore è accusi dduro.

Me sento cqui ccert' ideacce storte!
Faje uscì tutt' er sangue da le vene!
E'r padreterno è stato accusì forte?

Pe' mme ss' a un fijo je volessi bbene
Io nun potrebbe condannall' a mmorte,
E mannallo a suffrì tutte 'ste pene.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 22



Maestro. - Dichiarate il quinto.
Discepolo. -I[o credo che - Gesù Cristo subito che fu morto andò coll'anima al Limbo de' Santi Padri, ed il terzo giorno, che fu la domenica, risuscitò glorioso e trionfante.

XVII.

D. G. Pur' io pens' accusi, ffijo mio bello,
E nnu mme va 'na cosa come cquesta...
Ma ttu sseguit' a ddì st' indovinello.
Peppe. Doppo che Cristo bbuttò ggiù la testa
 
Annò a llimbo coill' anima e 'r ciarvello,
E 'r terzo ggiorno poi, ch' era de festa,
Straccato de sta a ffà a nnisconnarello
Riscappò ffora e rriarzò la cresta.

A ddì la verità 'no scenufreggio
Come che cquesto cqui cc' adess' ò vvisto
Io me credevo che ffinissi peggio.

Ma ppo' ... va bbe' cche cqui cce l' anno scritto,
Ma ssarà vvero poi cche Ggesù Cristo
Doppo morto e 'nchiodato..?
D.G. Eh, statte zzitto!

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 23



Maestro - Dichiarate il sesto.
Discepolo. - lo credo che Gesù Cristo dopo di essere stato quaranta giorni con i Santi Apostoli, per provare con molte apparizioni la sua vera risurrezione, salì al sommo cielo, ed ivi siede sopra tutti i Cori degli Angeli alla destra del Padre, cioè in gloria uguale al Padre, come Padrone e governatore di tutte le creature.

XVIII.

D. G. Gnente vorressi ave 'na spiegazzane?
T' abbasti de sapè cc' ài sempre torto.
Passamo ar sesto. .
Peppe. Cquesto è ccorto corto.
Quaranta ggiorni de conversazzione

Co' ccerti su' compagni de pensione,
E ddoppo, fatt' er visto ar passaporto,
Pe' ffà vvede che llui nun era morto
E cch' era vera la risurezzione,

Monta in un tir' a cquattro e llesto lesto
Curre da tata c' appena lo vede
Je fa: nun t'aspettav' accusi ppresto.

Già cche cce sei, tu mmettet' a la destra.
Be', dda quer giorn' in poi che stann' a ssede,
E Afra de loro è ttutta 'na minestra.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 24



Maestro. - Dichiarate il settimo.
Discepolo. - Io credo che il medesimo Signor Nostro alla fine del mondo verrà dal Cielo con grandissima potestà e gloria, e giudicherà tutti gli uomini, dando a ciascuno il premio, o la pena che avranno meritato.

XIX.

D. G. Sa' che tte dico? è 'n benedetto vizzio
De fa la ggionta. Tu sse' tropp' ardito
E ffinirai de certo a Ssantuffizio.
Di' er settimo, ch' er sesto ggià è ffinito.

Peppe. Qui sse parla der giorno der giudizzio,
Che llui vierrà, mma nun dice in che ssito,
E ddarà ttanti carci in quer servizzio
A ognun de noi che nu' j' avrà ubbidito.

Pell' artri, dice poi la duttrinella,
vvivi o mmorti, c' è 'n' improvisata
Che nun se sa, mma cche ddev' esse bbella,

Che cqui sse tratta che l' à ddett' Iddio...
Meno che ffussi poi 'na bbuggiarata!
Vo' che ne dite don Ghetano mio?

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 25



Maestro. - Dichiarate l'ottavo.
Discepolo, - Io credo nello Spirito Santo; il quale è la terza Persona della Santissima Trinità, e procede dal Padre e dal Figliuolo, ed è in tutto e per tutto uguale al Padre ed al Figliuolo, cioè Dio eterno, infinito, onnipotente, creatore e Signore di tutte le cose, come il Padre ed il Figliuolo.

XX.

D. G. Io? Ggnente. Di' l'ottavo e ppoi va' vvia,
C'avemo fatta 'na bbona lezzione.
Peppe. Se dice cqui cc' ortre a 'ste du' persone
C è ppur' un' artra, ma nun so cche ssia.

Io nun capisco lui come ce stia,
Si ce' è ssempre o lo tienghino a ppiggione...
Ma in fonno nun è artro ch' er piccione
C' annò a ttrova la vergine Mmaria.

Perchè ciànnasse nun s' è mmai saputo:
Pe cquer c'ò inteso dì... bbasta, è 'n affare
Che bbisognava aveccelo veduto.

Er fatto sta che cquanno pija er volo
Lui puro fa llassù cquer che je pare,
E è ppappeccacio cor padre e 'r fijolo.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 26

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963