Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« Le bbestie der paradiso...Er macchiavello de certe... »

La duttrinella 41-45

Post n°2387 pubblicato il 22 Dicembre 2015 da valerio.sampieri
 

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra.

::::::::::::::::::::::

XLI.

D. G. Dico, Peppetto, nun ciàvrai ppiù ffiato;
E' un' ora che tte sento cchiacchierà,
E sse discurre ch' er padre curato
Nun t' à ppotuto dì tiretillà.

E statte zitt'un po', ssi' bbuggiarato!
Nu' mm' intontì, famme la carità,
Mettet'in testa ch' è ffiato buttato,
Che nun le pòi capì 'ste cose cqua.
 
Ma ggià, ffijo, co tte ssempre 'na storia ...
Co la duttrina nun se fa ccusì,
Tu l' ài da legge e imparalla a mmemoria.

Ai capito?
Peppe. O’ ccapito.
D. G. Eabbada, ve'!
Peppe. Dunque per oggi vado via?
D. G. Ma ssi,
Va ppuro, e ttorna sabbat' a le tre.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 47



Maestro. - Dichiarate la quinta.
Discepolo. - Dimandiamo nella quinta, che Dio ci liberi da' mali passati, cioè da' peccati già commessi, rimettendoci il debito della colpa e della pena, che per quelli abbiamo meritato.
E si aggiunge: Siccome noi rimettiamo i debiti ai nostri debitori, cioè perdoniamo le offese ai nostri nemici; perchè non è ragionevole che Dio perdoni a noi i peccati, che sono offese grandissime, se noi non vogliamo perdonare le ingiurie fatteci, che sono offese di poco momento.

XLII.

B. G. Be' cch' è ssuccesso eh? ssete cascati?
Pippo. E' stato lui che mm' à ddato 'na spinta.
B. G. Che rregazzaccio! Annamo, dì la quinta.
Peppe. Qui ss' addimann' a Ddio che li peccati,

Che ddice che sso' mmali ggià ppassati
Ce li perdoni lui, ma nno ppe ffinta,
Che vva bbe' sso' ppeccati, e dde che ttinta!
Ma nun è Uui, perdio, che ccià ccreati

E mmessi ar monno?...
B. G. Embè?!
Peppe. Dico, scusate.
Seguita a ddì la quinta che l' offese
Saranno tutte bbell' e pperdonate,

'Na spece de partita passatora...
Ma sti debbiti poi si a ffin de mese
Nun se ponno pagà, dditeme,... e allora?

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 48



Maestro. - Dichiarate la sesta.
Discepolo. - Dimandiamo nella sesta, che Dio ci liberi dalle tentazioni, che sono mali futuri, o non permettendo che siamo tentati, o dandoci grazia di non essere vinti.

XLIII.

D. G. Lassa stà, ffijo, st' interrogazzione,
Mommo' sta ppe ssonà l'avemmaria,
So' ffatte artro che ccinque petizzione;
Di' la sesta.
Peppe. Cquì ddice che mme dia

Forza pe ssuperà le tentazzione;
O llu' nu mme le manni o armenchessia
Nu mme facci restà ccom' un co....
Senza potè nemmanco scappa vvia.

Va bbe' ccusì?
D. G. Ccusì vva bbe', Ppeppetto,
Gusì mme piace.
Peppe. Ma...
B. Q. Statt' un po' zzitto,
Che ssento cammina ddietr'ar coretto:

Si nu sbajo, me pare Caterina...
Cat. Don Ghetano?
D. G. Chedè?
Cat. Ppreparo er fritto?
D. G. Sì. Sverti a ccasa, ch' io vad' in cucina.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 49



Maestro. - Dichiarate la settima.
Discepolo. - Dimandiamo nella settima, che Dio ci liberi dal mal presente, cioè da ogni afflizione e miseria, ed anco da ogni vana prosperità e grandezza temporale, se Esso vede che ci abbia da nuocere alla salute dell' anima.

XLIV.

D. G. Bravo Peppetto! Sei venuto presto:
E ccom' ài fatto a esse puntuale?
Peppe. Padre curato mio, quann è ppe cquesto...
B. G. E Ppippo? di'.
Peppe. Lui se sentiva male.

D. G. Basta, di' un po' la settima e ffa' llesto.
Peppe. Dice che Ddio ce libberi dar male
E ppoi da tutto quer che cc' è indiggesto
E cche sse chiama er bene temporale,

Quanno che llui s'accorge speciarmente
Che cce possi fa mmale a la salute
Dell' anima.
D. G. Bbe', ttu ttiettel' a mmente

Ste cose cquà, nun te la fa annà vvia
Da la capoccia, mo' cche l' ài sapute,
E dimme, si la sai, l' avemmaria.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 50



Maestro. - Dite ora l' Ave Maria.
Discepolo. - Dio ti salvi; Maria, piena di grazia. Il signore è teco: Tu sei benedetta fra le donne. E benedetto è il frutto del tuo ventre Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della morte nostra. Amen.

XLV.

Peppe. Si la so, ppadre mio? la so ssicuro,
E ppoi me pare d' avevvelo detto.
D. G. Nu mm' aricordo... mma mme lo figuro.
Peppe. Dio te sarvi, Maria... -
D. G. Dritto, Peppetto,

Su, ccome mme: nun appoggiatt' ar muro,
Attento, e nun gioca cco' cquer zucchetto.
Peppe. Piena de grazzie, e ppo' ce dice puro
Ch' er Signore è cco' tteco, e bbenedetto

E' er frutto... ma cquer teco co' cquer frutto
Nu lo capisco troppo.
D.G. Eh! ffa lo stesso
Ma finisci che cquesto nun è ttutto.

Peppe. Che cciàmanca? Ah! sse dice che Mmaria
Lei s' aricordi d' aiutamme adesso
E ssur punto de morte, e ccusissia.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 51

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963