Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

« Si ccampoNunziata e ’r Caporale »

La duttrinella 56-60

Post n°2421 pubblicato il 31 Dicembre 2015 da valerio.sampieri
 

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877

Maestro. - Dichiarate il terzo.
Discepolo. - Comanda il terzo l'osservanza delle feste, la quale consiste in astenersi dalle opere servili, per aver tempo di occuparsi in considerare i benefizi divini, visitare le Chiese, fare orazione, leggere libri spirituali, udire gli uffici divini, e fare altre simili opere spirituali e sante.

LVI.

D. G. Sicuro... cioè nno... ma annam' avanti.
Che ddice 'r terzo?
Peppe. Dice c'ogni mese
Sem ' obbrigati propio tutti quanti,
Quanno ch' è ffesta, a vvisità le cchiese,

A ffà orazzione, a annà a ssentì li canti
De li preti, e ggiranno p' er paese
Legge l'uffizzio e ll'artri libbri santi;
Me pareno però ccerte protese

Buffe!... si ll'artri ggiorni nun ci aresta
Un' ora pe' ppijacce un po' de svario
E nun ciàvemo artro che la festa,

Propio nu mme vo' entrà ne la capoccia
Che ss'abbi a spregà 'r tempo a ddì er rosario
Invece de passallo a ffà bbisboccia.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 62



Maestro, - Dichiarate il quarto.
Discepolo. - Il quarto ordina che si onori il Padre e la Madre, non solo con riverenza di parole, o di cavarsi la berretta, ma ancora con aiutarli e sovvenirli nei loro bisogni: e quello che si dice del padre e della madre, si deve ancora osservare con gli altri prossimi, sebbene non ci è tanto obbligo, quanto con il Padre e la Madre, i quali ci hanno dato l' essere, e ci hanno allevati con molta loro fatica.

LVII.

D. G. Si sseguiti te metto in penitenza.
Peppe. Er quarto dice che ss'à da dà rretta
A ttata e a mmamma, e cch' è n' impertinenza
A nun dà a'lloro quello che j'aspetta.

E nun abbasta a ffaje riverenza
A cchiacchiere o ccavasse la baretta,
Ma ddaje ajuto e avecce un po' pacenza
E cco' ttata, e cco' mmamma, poveretta!

Tutto quest' è ppe lloro; e ddice poi
Quer ch' è pp' er padre e ppe la madre tua
S' intenne cqui dell' artri come nnoi,

Casòchemmai ciàvessi da commatte;
Sibbè dde meno che ccoll' artri dua
Che cciànno mess'ar monno e ddat'el latte.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 63



Maestro. - Dichiarate il quinto.
Discepolo. - Nel quinto ci comanda, che non ammazziamo alcuno ingiustamente, né gli facciamo altro male alla persona: e dico ingiustamente, perchè li giudici, i quali condannano i malfattori a morte, ed i ministri di giustizia che li fanno morire, come ancora i soldati nella guerra giusta, non peccano, mentre feriscono o ammazzano.

LVIII.

D. G. Zitt' un po', fijo; sento che vviè ggente.
Famme vedè: ssi ssapessi che nnoja
A fa er curato!... Annamo co 'sta joja...
Sbrighete, er quinto, di', lo sai a mmente?

Peppe. Se dice cqui che nun ce piji voja
De fa mmale a cquarcuno ingiustamente,
cquarchevvorta ammazzallo pe ggnente,
Come succede... ammeno fussi er boja,

Che li cristiani lui li po' ffà in dua
Appena che sso' stati condannati;
Che nun se sa cche cquella è ll'arte sua?

E nun peccano poi manco p' er c...
Li sordati a ammazzà ll'artri sordati,
Che ttanto quella è ccarne da strapazzo.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 64



Maestro. - Dichiarate il sesto.
Discepolo, - Comanda il sesto, che non si faccia adulterio, cioè peccato con la donna d'altri, e s'intende ancora, che non si faccia fornicazione, né altro peccato carnale.

LIX.

Peppe. Sete contento, via?
D. G. Nun dico questo:
E ppoi, fijo, dai troppa protenzione;
Ma ssi cce presti un po'ppiù d'attenzione
Sarà mmejo pe tte. Dichiara er sesto.

Peppe. Eh! 'sto commannamento è un po' indiggesto,
Ggià vve l'ò ddetto in un'artra lezzione:
Ma cche ss' intenne pe ffornicazzione?
D. G. Lassa 'ste cose, vattene, fa'llesto

Ch' è bbello tardi.
Peppe. Ma cche cc'entra er forno?
D. G. C' entra perchè cce cape, fijo mio.
Vatten' a ccasa.
Peppe. Eppoi, quann'aritorno?

D. G. Torna domani.
Peppe. Be', mma ddico io,....
A cc' ora vengo?
D. G. Verso mezzogiorno.
Peppe. Va bbe'.
D. G. Ssi' bbono.
Peppe. Ce vedemo.
D. G. Addio.

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 65



V. la pagina precedente.

LX.

D.G. E Ppippo?
Peppe. Ecchelo cqua, ppadre curato.
D. G. Be', avanti.
Peppe. Avanti? statem' a ssentì:
Nu mme volete spiegà sto peccato
De jeri si cchedè?
B.G. Chett'ò da dì?

So' ccose serie...
Peppe. Ma ssi cc' è stampato
Vojo sapello. .
D. G. Nun se po'.
Peppe. Ma ssi.
D. G. Ma, ffijo mio, quanno te l'ò spiegato
Tu, cce scummetto, nu lo poi capì.

Peppe. Ma a un dipresso?
D. G. ... So ccerti peccatucci...
Cat. Sor padrone, se po'?
D. G. Vatt' a fifa f... [fotte]
Che vvôi?
Cat. Ggnente: ce so' sti regazzaccL

Peppe. A pproposito, va', ne la duttrina
Nun ce dice...?
D. G. De che?
Peppe. De le mig... [mignotte]
D. G. E cche cc' entreno cqui cco Ccaterina?!

Luigi Ferretti
La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877, pagina 66

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Chevalier54_Zforco1gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963