Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

« Musè sale sur SinaiPippo a la festa de beneficenza »

Storia nostra 013-022

Storia nostra
di Cesare Pascarella
A cura dell'Accademia dei Lincei, Arnoldo Mondadori Editore, maggio 1941, gennaio 1958, settembre 1966

Ratto delle sabine

13

Tanto più che poi c'era 'na questione
Da risorve' d'un fatto delicato,
Che fin che ognuno aveva lavorato
Nun ci aveveno mai fatto attenzione;

Ma invece adesso che la condizione
Loro nun era più come er passato,
E ognuno se trovava sistemato
Bene, je cominciava a fa' impressione.

Perché, sai?, le parole so' parole;
Ma er proverbio lo dice e parla chiaro:
La lingua batte dove er dente dole.

E così quelli, je doleva er dente,
Cercaveno de méttece riparo;
Ma, insomma, nun poteveno fa' gnente.

14

Senza ditte che poi, ner tempo stesso
Che pensaveno sempre tutti quanti
Che quela vita lì, tutta d'un sesso,
Nun era vita da poté' annà' avanti,

Rifretteveno pure: Fino a adesso
Avemo faticato e fatti tanti
Lavori, che a vedelli te c'incanti
Estatico; faremo l'antri appresso.

E dopo? Quanno Iddio ce se ripija,
Tutta 'sta roba qui a chi la lassamo?
Tutta 'sta roba qui chi se la pija?

Percui, ci ritroviamo in tal frangente
Che bisogna che, quanno l'incontramo,
Je lo diremo delicatamente.

15

Je diremo: Va bene le fontane,
Li ponti, l'obelischi e le colonne;
Ma intanto qui le circostanze umane
So' queste: qui ce mancheno le donne.

Senza le quali ... solo come un cane,
È inutile stàccese a confonne,
Un omo ar monno nun ce pô rimane';
Percui ci dica lei cosa risponne ...

E quello che sapeva già la fine,
Je rispose, che tutti ne convennero,
Qui bisogna fa' er ratto a le sabine.

E quelli, naturale!, un detto un fatto:
L'invitorno a 'na festa, loro vennero
E drento a un coloseo successe er ratto.

16

E figurete allora tu la scena
Che successe la notte giù in Sabina,
Che quelle, annate via da la matina,
La sera nun tornaveno più a cena!

Defatti, pensa tu si co' che pena
Nell'anima in sospetto e co' che spina
Ner core uno aspettava Caterina,
Quell'antro nun vedeva Filomena...

E come comparirno da lontano
Cinque o sei vecchie, tutte spennacchiate,
Cor grugno pisto, co' le veste in mano,

Che tornaveno sole, tutti appresso
Strillànnoje com'anime addannate:
Ch'è stato? Ch'hanno fatto? Ch'è successo?

17

Ch'è successo? Che stamio lì a guardalli
Tutti quanti pacifichi e tranquilli;
Faceveno li giochi de cavalli,
Tutti a sbatte' le mano p'applaudilli;

Quanno... Madonna mia! Brutti vassalli,
Che ve potemo dì'? Brutti mandrilli,
Co' quele mano! Sì! Che vôi fermalli!...
Veste per aria, bòtte, pianti, strilli...

E quelli come intesero l'affronto,
Co' l'occhi che schizzaveno vendetta,
Nun fecero finì' manco er ricconto,

E, come sai, la storia ce l'impara:
Chi co' la farcia e chi co' la ronchetta
Scénsero tutti giù a Porta Salara.

18

Dove che da quer punto, come sai,
Ebbe principio quela condizione
De cose che portò ala conclusione
De 'na guerra che nun finiva mai.

Perché adesso, lo so, tu me dirai
Che in guerra cor fucile e cor cannone
E tutti l'antri mezzi che tu ci hai,
fai subito a ammazzalle le persone.

Ma allora co' li scudi e co' le mazze,
Cor grugno foderato dar cimiero,
Cor petto chiuso drento a le corazze,

Prima de 'rivà' ar punto d'ammazzallo
Un nemico vestito da gueriero,
Ma troppi mesi avevi da pistallo.

19

Per conseguenza quelli lì quantunque
Se stessero a combatte' ogni momento,
Nessuno mai ci aveva un sopravvento
Tale che se potesse venì' ar dunque.

Senza méttece poi che ormai, comunque
Annasse a quelli fora o a quelli drento,
c'era da vince' un antro impedimento,
Perché, per un'ipotise qualunque,

Si a le sabine tu j'avessi detto:
- Volete ritornà' a Passo Corese?
E annate, for de Porta c'è er carretto,-

Che avrebbero risposto? Volentieri?
Ma quelle nun tornaveno aa paese
Manco legate co' li carabinieri

20

Perché? Perché me piace d'esse' giusto;
In fonno ereno gente materiale,
Oneste, ma vissute in d'un casale,
Co' le ciocie ... Giraveno cor busto!

Dunque, passato appena quer trambusto
Der ratto, era 'na cosa naturale
Che loro de sta' qui a 'na capitale,
Dico, ce cominciassero a pià' gusto.

Ma sì! Li so pur io tutti l'amori
Che tu dichi: la casa, la famija
E l'affetto dei propri genitori;

Ma poi la donna, amico, è sempre donna,
Per cui, dico, fra Nerola e Scandrija
Che je piaceva più? Piazza Colonna.

21

Perch'io, l'ammetto, nun ce sarà stato
Allora la domenica er concerto,
E nun c'era davero ancora aperto
Un caffè co' le sedie e cor gelato;

Ma intanto, tutto visto e carcolato,
Io te domannoa te che avressi scerto,
De vive' in un tugurio in d'un deserto
O de sta' a Roma drento a un abitato?

Per conseguenza, si risponni adesso
Quello che me risponni, così allora
Quelle lo risponneveno lo stesso:

Senza méttece poi la gran quistione
Che insomma nun voleveno annà' fora
Pure pe' la grandissima affezione.

22

Tanto granne che, mentre tutti quelli
Na mattina se staveno a combatte',
Je sbucorno, piagnenno, da le fratte,
Strappannose co' l'ugne li capelli,

E l' fra nonni, zii, padri, fratelli,
Tutte quante fermissime e compatte
In quel'idea, lo sai come so' fatte
Le donne?, je riuscì de persuadelli.

Poi fecero venì li regazzini ...
Venne la lagrimuccia ... E quer che accadde
Sempre, successe pure a li sabini:

Che, insomma, via, se fecero capace;
Se fermorno; rimessero le spade
Ner fodero e così fecero pace.

Note:
Farcia = Falce (sonetto 17, v. 13)
Scénsero = Scesero (sonetto 17, v. 14)
Passo Corese = Frazione di Fara Sabina, a trentacinque chilometri da Roma; dopo l'occupazione delle Marche e dell'Umbria segnò, dal 1860 al '70, il confine dello Stato pontificio lungo il corso del Tevere (sonetto 19, v. 10)
Nerola, Scandrija = Il primo, comune della provincia romana, a tredici. E Scandriglia (Rieti), a sedici chilometri da Passo Corese (sonetto 20, v. 13)

Cesare Pascarella

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

angelproffavvstefanofarinellaA10AAMartina_Militoviola8591valerio.sampieriCostanzabeforesunsetpatriziavalentini_VPVince198iacono.gtempestadamore_1967maffeistoriadirittoArianna1921ludo7
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom