Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

« La vita dell’OmoMiòdine, Indice »

Glossarietto belliano

Il presente glossarietto è basato sulle note al sonetto "La vita dell'Omo", pubblicato al post 3040.

42 sonetti di Giuseppe Gioachino Belli in "Nun sai c'a lo spedale ce se more?" (Newton Compton, 1994), a cura di Marcello Teodonio. In copertina, "La Madonna delle Nevi ai Monti", 1834, di Achille Pinelli.

A la puzza
Nell’utero, vicino all’intestino. [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "La vita dell’Omo /// Nove mesi a la puzza: poi in fassciola / tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:"

Abbeccè
Abiccì [VS]. Abbecedario. [Gibellini] A bi ci, noviziato dell’arte. [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "Poi comincia er tormento de la scola, / l’abbeccè, le frustate, li ggeloni, / la rosalía, la cacca a la ssediola,"
T1-0944, S.P.Q.R.: "me le trovavo sempre appiccicate / drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo. // Un giorno arfine me te venne l’estro"
T2-1615, La modestia in pubbrico: "scerte galantaríe, scerte vertú / da fà rrestà Ssantaccia all’abbeccè."

Arte
Lavoro [Teodonio]. Mestiere [Gibellini]. IL termine "arte" si ritrova almeno 91 volte nei sonetti di Belli, in varie accezioni, tra le quali ci sono "arte" e "alte" (aggettivo femminile). [VS]
Libbro dell'Arte - Libro di sorti, che, contenente i 90 numeri del lotto, a ciascun numero sono attribuite varie classi di nomi di cose, persone od azioni. Questo è il famoso libro de’ rapporti tra le cose e idee anche astratte ed i numeri del lotto, libro adornato da orride figuracce di arte o mestieri, corrispondenti ad altrettante cifre della serie giuocabile: libro finalmente che san leggere per miracolo anche gl’illetterati. [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "e un po’ de scarlattina e vvormijjoni. // Poi viè ll’arte, er diggiuno, la fatica, / la piggione, le carcere, er governo,"

Cratura in fasciola
Il bambino in fasce dicesi sempre cratura in fassciola. [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "La vita dell’Omo /// Nove mesi a la puzza: poi in fassciola / tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:"
T1-0336. La stragge de li nnoscenti: "de scannà tutte quante in ne la gola / le crature de nascita in fasciola, / fu pe ttutta Turchia propio un tumurto."
T2-1463, La cratura in fassciòla: "La cratura in fassciòla /// Bbella cratura! E cche ccos’è? Un maschietto? / Me n’arillegro tanto, sora Mea."

Crino
Canestro in forma di campana, aperto in alto e nella base, entro cui si pongono i bambini, che lo spingono col petto e tengonsi ritti in esso nel camminare. Crino è quel cesto a campana, entro cui si pongono i bambini, perché si addestrino a camminare di per se stessi, senza cadere. [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: / poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, / cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni."
T1-0878, Er Venardì Ssanto: "che sse fanno, pe ddillo in du’ parole, / de leggno, ferro, canna, crino e ppelle. // Er chiasso che cce fâmo è stato un voto"
T2-1662, Er pupo: "Tenello tutto er zanto ggiorno in braccio! / Mai volé stà in ner crino! mai p’er laccio! / Io nu ne posso ppiú: ssò ppropio stracca."
T2-1899, Le grazziette de Mamma: "Le grazziette de Mamma /// Forca, leva dar crino sta cratura: / mòvete, che tte stroppi in zempiterno."

Diggiuno
Digiuno ecclesiastico che principia all’anno ventunesimo. [Belli]. Digiuno ecclesiastico [Teodonio].volte questo termine, in questa accezione. Belli usa 13
T1-0781, La vita dell’Omo: "e un po’ de scarlattina e vvormijjoni. // Poi viè ll’arte, er diggiuno, la fatica, / la piggione, le carcere, er governo,"

Fasciola
Il bambino in fasce dicesi sempre cratura in fassciola. [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "La vita dell’Omo /// Nove mesi a la puzza: poi in fassciola / tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:"

Frustate
Punizioni corporali, ancora impartite dai pedagoghi. [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "Poi comincia er tormento de la scola, / l’abbeccè, le frustate, li ggeloni, / la rosalía, la cacca a la ssediola,"
T1-0944, S.P.Q.R.: "M’aricordo però cche dda regazzo, / cuanno leggevo a fforza de frustate, / me le trovavo sempre appiccicate"

Imbraghe
Braghe [Teodonio]. Imbragature, panni fissati alla vita come brache. [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, / cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni. // Poi comincia er tormento de la scola,"

Istate
Estate. 27 occorrenze nei sonetti di Belli. [VS]
T1-0781, La vita dell’Omo: "lo spedale, li debbiti, la fica, // er zol d’istate, la neve d’inverno... / E pper urtimo, Iddio sce bbenedica,"

Laccio
Cinghia attaccata dietro le spalle de’ bambini per sorreggerli ne’ loro primi mesi di cammino. Può presso a poco paragonarsi al tormento della corda. Il laccio che loro [ai bambini] si attacca dietro le spalle, onde sorreggerli nel camminare. [Belli]. Laccio: Dunque: laccio a Roma, lacci a Pistoia, falde a Firenze, dande a Siena, caide ad Arezzo, dgne a Lucca, e chi più n'ha, più ne metta. [Morandi]
T1-0781, La vita dell’Omo: "tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: / poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, / cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni."
T2-1662, Er pupo: "Tenello tutto er zanto ggiorno in braccio! / Mai volé stà in ner crino! mai p’er laccio! / Io nu ne posso ppiú: ssò ppropio stracca."
Naturalmente, il termine viene usato anche da Belli nel comune significato di "laccio".
T1-0359, Er ricordo: che jj’arreggeva er Cristo accap’alletto, / impiccato pe un laccio ar collarino. // E vva’ cche smania aveva a sto ggiuchetto,"
T2-1343, Er zor Giuvanni Dàvide: "Un ladro che sse ttrovi, poverello, / cor laccio ar collo e ’r boja su le spalle / si in quer punto j’annassi pe le palle"
T2-2272, La povera sciorcinata: "Sin che ppòi dajje da arrotà li denti / te li porti p’er laccio, te li porti: / ma, ggnente-ggnente poi che sse sò accorti"

Lattime
Croste lattee. [Teodonio] [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "Nove mesi a la puzza: poi in fassciola / tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: / poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,"

Rosalìa
Rosolia [Gibellini].
T1-0781, La vita dell’Omo: "l’abbeccè, le frustate, li ggeloni, / la rosalía, la cacca a la ssediola / e un po’ de scarlattina e vvormijjoni."

Sbaciucchi
Baci dati con insistenza. Sbaciucchi, sbaciucchiamenti, sbaciuccare, son tutti vocaboli indicanti «il molto e assiduo baciare». [Belli]
T1-0781, La vita dell’Omo: "Nove mesi a la puzza: poi in fassciola / tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: / poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,"
T1-0693, Li sbasciucchi: "Li sbasciucchi /// Vedi: cuer Chiricozzo sciorcinato / mó bbasciava la man’ar Zagrestano:"
T2-1713, La riliggione der tempo nostro: "cene a ppunta d’orloggio, ozzio de festa, // scampanate, sbasciucchi, picchiapetti, / parme, reliquie, medajje, abbitini,"

Sediola
Seggetta [Teodonio]. Seggetta per i bisogni corporali. [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "l’abbeccè, le frustate, li ggeloni, / la rosalía, la cacca a la ssediola / e un po’ de scarlattina e vvormijjoni."
Mettere alla sediola: «Porre i bambini al comodo»: lo che dalle madri non si fa sempre per occorrenza, ma spesso per essere più libere nelle loro faccende, ecc. [Belli]
T1-0336, La stragge de li nnoscenti: "Le madre lo pijjorno pe ’n’insurto: / e mmettenno li fijji a la ssediola, // fasceveno dí mmesse a Ssan Nicola;"

Spedale
Ospedale. Al singolare o plurale sono 40 le occorrenze nei sonetti del Belli.
T1-0781, La vita dell’Omo: "la piggione, le carcere, er governo, / lo spedale, li debbiti, la fica, // er zol d’istate, la neve d’inverno..."

Torcolo
Salva-capo contro le cadute. [Belli] Cercine [Teodonio]. «Guancialetto di forma circolare che si pone in capo ai bambini per riparo delle percosse nelle cadute» (Chiappini). [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, / cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni. // Poi comincia er tormento de la scola,"

Vesticciola
Veste indossata da tutti i bambini, anche maschi. [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: / poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, / cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni."
T1-0793, Li teatri de mó: "e imparatte a l’ammente l’abbichino! // Llí ppoi come un pupetto in vesticciola, / sbarrato fra ddu’ tavole e un cusscino,"

Vormijoni, Vvormijjoni
Vormiglioni: vaiuolo. [Belli]. Morbillo [Gibellini]
T1-0781, La vita dell’Omo: "la rosalía, la cacca a la ssediola / e un po’ de scarlattina e vvormijjoni. // Poi viè ll’arte, er diggiuno, (7) la fatica,"
Vormijjoni: altra grafia per "Il vajuolo arabo. Si allude all’abolizione fatta da Leone xii dell’istituto di vaccinazione ecc., ed allo scioglimento de’ sudditi della Chiesa dall’obbligo di esibirgli i loro figliuoli." [Belli]
T1-0014, Ar dottor Cafone: "Sor cazzaccio cor botto, ariverito, / ve pozzino ammazzà li vormijjoni, / perché annate scoccianno li cojjoni"
T2-1229, Er linnesto: "c’ha llibberato li nostri fijjoli / da st’innoccolerie3 de vormijjoni. // Vedi che bell’idee da framasoni"

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

angelproffavvstefanofarinellaA10AAMartina_Militoviola8591valerio.sampieriCostanzabeforesunsetpatriziavalentini_VPVince198iacono.gtempestadamore_1967maffeistoriadirittoArianna1921ludo7
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom