FACE to ECAF

REBELOT

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lubopomax_6_66yecksonbal_zaccjrano730ciro.emanueleTheEnchantedSeacorgiancaandrealisco61fausto.parizziunamamma1TiredOldBoygiampi1966bs501SdoppiamoCupido
 

ULTIMI COMMENTI

 

« Messaggio #67INVIDIA »

QUEL CHE RESTA DEL MIO VOLDERMORT

Post n°68 pubblicato il 02 Febbraio 2007 da guendalinarossa
Foto di guendalinarossa

......e stava li, aveva percorso probabilmente l'ultimo tratto di strada che lo allontanava da ciò che fino ad allora conosceva. Non sapeva con chiarezza  quello che provava, sapeva soltanto che non riusciva a farne a meno.
Stava lì con le braccia che lo avvolgevano, stava così forse per non far scappare nulla di quello che nel nuovo viaggio stava trovando, sentiva che era un posto per pochi, a pochi era stato permesso di essere lì.
Ma dove stava? A volte credeva di aver trovato il rifugio; la pace. A volte una tempesta di emozioni lo portava a credere di essere in mare aperto,in mezzo ad una tempesta. A volte una foresta, dove solo, armato del solo istinto, ne doveva fiutare, respirare, l'infinita infinità.
Cosa avrebbe fatto? Ne avrebbe perlustrato ogni palmo di quella infinita terra? Avrebbe predato ogni suo dono? Già altri lo fecero.
Avrebbe anche lui recato dolore? Sembrava una terra ospitale,tenera, con chi avrebbe avuto il permesso di averla. Aveva però, in alcuni luoghi, tracce di uomini che passarono e senza coraggio l'abbandonarono; perchè? Ne avevano temuto la forza, il fascino?
Non avrebbe forse mai avuto risposte.
Ma adesso lui era lì, solo questo importava. Ne ieri ne domani avrebbero adesso avuto importanza.
Era lì pronto a dare quello che poteva, e pronto a prendere più di quello che poteva.
Si sdraiò, lì su quella terra, quasi a cercare di sentirne i battiti più profondi, ne respirava il profumo, stava lì in silenzio,
a suo modo la stava amando; la stava amando aspettando segni di vita; la stava amando aspettando che lei rispondesse si; la stava amando perdendosi in lei; la stava amando, il resto non esisteva. 
 
questo quello che mi rimane di te...splendide email, qualche foto nel pc,sensazioni perdute, lacrime che scendono quando mi soffermo a pensare un pò di più a tutto quello che non è stato ....sono quasi 5 anni da quando è iniziata la mia avventura nel virtuale, da quando ho conosciuto te..sperduto anche tu in questo nuovo mondo inesplorato...ci siamo tenuti la mano per un pò, poco avvezzi alla novità, lentamente abbiamo trovato un piccolo ritaglio  di spazio nel cuore dell'altro .....fa male sai ricordarti? parlare da sola? sapere che non ti imbatterai mai in questa mia modesta dichiarazione d'amore, è solo per me..piccolo sfogo patetico di chi ti ha amato tanto....sii felice piccolo maghetto mio!!! che le tue scelte  siano state quelle giuste e che ti abbiano portato la serenità.un bacio  sfiorato della buonanotte...era tanto che nn venivo a dartelo...perdonami
 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: guendalinarossa
Data di creazione: 28/09/2006
 

TAG